EDUCATRICI, EDUCATORI SCOLASTICI E AEC Ad un anno dall’inizio dell’emergenza Covid la richiesta è ancora la stessa: SALARIO 10…


EDUCATRICI, EDUCATORI SCOLASTICI E AEC

Ad un anno dall’inizio dell’emergenza Covid la richiesta è ancora la stessa: SALARIO 100%

LA SCUOLA IN DAD NON DEVE ESSERE L’ENNESIMO SCHIAFFO ALLA DIGNITA’ DEGLI EDUCATORI.

Proprio adesso il servizio svolto dagli EDUCATORI diventa ancora più prezioso.

Questo periodo sta mettendo a dura prova gli studenti di ogni ordine e grado, e con essi le loro famiglie. Ma coloro che rischiano di pagare il prezzo più alto sono gli studenti più fragili, proprio quelli che necessitano di assistenza educativa.

È essenziale che venga riconosciuto il 100% delle ore e dello stipendio agli educatori sull’intero territorio nazionale.

È necessario pertanto che i singoli progetti educativi vengano rimodulati secondo le esigenze e le possibilità degli utenti, nel rispetto dei contratti individuali dei singoli educatori.

La vicenda dell’art. 48 del Decreto Cura Italia ha lasciato macerie nel settore, l’utilizzo generalizzato del FIS a parziale copertura dei nostri magri stipendi ha rappresentato un incubo per decine di migliaia di lavoratrici e lavoratori.

BASTA LAVORO POVERO, DIGNITÀ PER I SERVIZI SCOLASTICI

Così come le istituzioni scolastiche hanno riprogrammato le attività didattiche tra ore dirette (in sincrono) e ore indirette (in asincrono), così anche l’orario dell’Educativa a Distanza deve avere una parte in sincrono e la restante parte deve essere riconosciuta per svolgere le imprescindibili attività di programmazione, come ad esempio: preparazione di materiali, raccordo con i docenti curriculari, con i docenti di sostegno, reperimento di idonea documentazione, ecc.; tutte attività necessarie affinché il servizio venga svolto in modo efficiente e dignitoso.

Siamo assolutamente contrari alla domiciliarizzazione del servizio educativo Scolastico in quanto contraddice lo stesso principio di precauzione che ha portato alla chiusura delle scuole: ridurre i contatti personali e di conseguenza la diffusione del contagio. Ancor di più per il fatto che il domicilio dell’utenza non può garantire gli stessi livelli di sicurezza e sanificazione di un plesso scolastico. Laddove si ritenga indispensabile l’Educativa in presenza dovrà essere effettuata solo ed esclusivamente all’interno dell’Istituzione scolastica.

Svolgiamo un Servizio Pubblico Essenziale e Permanente che dovrà, il prima possibile, essere internalizzato e gestito direttamente dagli Enti Pubblici, senza l’ingiustificata e dispendiosa intermediazione delle Cooperative Sociali.

Nei prossimi giorni chiederemo un incontro all’ANCI nazionale, affinché si ottenga, in maniera omogenea e su tutto il territorio nazionale, per tutte le lavoratrici e i lavoratori dei servizi educativi e di integrazione scolastica, l’impegno al pagamento da parte degli EELL per i servizi già messi a bilancio, senza tagliare neanche mezz’ora sulle nostre ore contrattuali e sui nostri salari!

Nazionale, 15 marzo 2021
USB Coop Sociali e Terzo Settore

(Feed generated with FetchRSS)

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

ROMA: TRUFFA O DELIBERA SULL’INTERNALIZZAZIONE? Qualche giorno fa, un post pubblicato da sedicenti portavoce autoeletti tali de…

Commenti disabilitati su ROMA: TRUFFA O DELIBERA SULL’INTERNALIZZAZIONE? Qualche giorno fa, un post pubblicato da sedicenti portavoce autoeletti tali de…

Tornano i pregiudizi contro i bambini

Commenti disabilitati su Tornano i pregiudizi contro i bambini

Giovani e pandemia. Con le scuole chiuse, educatori vanno in strada

Commenti disabilitati su Giovani e pandemia. Con le scuole chiuse, educatori vanno in strada

“La pattuizione della sospensione (anche in parte) della obbligazione retributiva a carico del datore di lavoro in caso…

Commenti disabilitati su “La pattuizione della sospensione (anche in parte) della obbligazione retributiva a carico del datore di lavoro in caso…

Bihac, l’inferno dei dimenticati – Radio Città Fujiko

Commenti disabilitati su Bihac, l’inferno dei dimenticati – Radio Città Fujiko

Caso Ardea, Dell’Acqua: «Altro che colpa della legge Basaglia! Vedo decadimento generale» | RomaSette

Commenti disabilitati su Caso Ardea, Dell’Acqua: «Altro che colpa della legge Basaglia! Vedo decadimento generale» | RomaSette

Eduradio, a Bologna il carcere va on air

Commenti disabilitati su Eduradio, a Bologna il carcere va on air

A post from Educatori Educatoricontroitagli

Commenti disabilitati su A post from Educatori Educatoricontroitagli

La riforma dei decreti sicurezza di Salvini? È lettera morta – Radio Città Fujiko

Commenti disabilitati su La riforma dei decreti sicurezza di Salvini? È lettera morta – Radio Città Fujiko

Assistenti specialistici per alunni con disabilità: non si parla più di statalizzazione? – Notizie Scuola

Commenti disabilitati su Assistenti specialistici per alunni con disabilità: non si parla più di statalizzazione? – Notizie Scuola

Photos from ADL Cobas Emilia Romagna’s post

Commenti disabilitati su Photos from ADL Cobas Emilia Romagna’s post

I fondi per la scuola sono importanti ma serve una riforma vera

Commenti disabilitati su I fondi per la scuola sono importanti ma serve una riforma vera

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti