Docenti a Nord: su 20mila emigranti ne tornano solo 8mila

I dati sugli “insegnanti migranti” sono contenuti nel rapporto 2017 sulle migrazioni interne in Italia, curato da Michele Colucci e Stefano Gallo dell’Istituto di studi sulle società del Mediterraneo del Cnr, dal titolo “In cattedra con la valigia”.

A muoversi sono soprattutto le donne e sono spostamenti per lo più di lunga distanza.

Nello scorso anno scolastico il numero totale degli insegnanti è arrivato a quota 855.829, l’11,8% in più rispetto a cinque anni prima.

I precari partono per lo più da Basilicata, Sicilia e Campania per trasferirsi in Toscana, Piemonte e Lazio; la maggior parte si sposta dalla provincia di Napoli a quella di Roma, e dalla Sicilia verso le zone di Milano e Torino.

I trasferimenti dal Centro-Nord al Sud dei docenti di ruolo sono concentrati soprattutto sull’asse Roma-Napoli, in direzione opposta a quella dei precari.

Il 10,5% degli iscritti nelle graduatorie ad esaurimento nel 2014 ha scelto una regione diversa rispetto al 2011: circa 20mila docenti hanno scelto il Centro-nord.

Tra gli insegnanti di ruolo, invece, nel 2015 solo il 5,9% si è trasferito in una regione diversa da quella in cui insegnava nel 2012: circa 8mila di loro si sono cioè spostati dal Centro-Nord al Sud, evidentemente per avvicinarsi o tornare a casa.

Secondo i dati del rapporto, la distanza media percorsa dai docenti precari di Palermo e Catania interessati a insegnare fuori regione è rispettivamente di 788 e 854 Km, con Milano e Torino come destinazioni preferite. Mentre quella percorsa dai precari della provincia di Napoli che si iscrivono alle graduatorie fuori regione è 523 Km, con Roma, Firenze e Milano come destinazioni preferite. Le donne, come accennato, sono quelle che si muovono di più: l’87% delle iscrizioni in graduatoria in altra provincia nel 2014 è attribuibile alle docenti precarie.

Secondo gli autori, le modifiche alle regole sul reclutamento scolastico hanno avuto effetti sulla struttura sociale, sulla percezione del lavoro e sulla vita quotidiana dei docenti. Il reclutamento incentiva i movimenti migratori.

Per Gallo, uno degli autori, “la scuola è un gigantesco mercato del lavoro gestito dallo Stato, ma dobbiamo ripensare l’immagine dell’insegnante obbediente e docile: proprio il tema della mobilità rivela la rilevanza delle lotte e delle resistenze opposte alle scelte operate ‘dall’alto’, molto evidente nella storia, soprattutto nel periodo fascista”.

Il volume contiene anche una serie di approfondimenti sui territori dove l’impatto degli insegnanti migranti è più forte, come le province di Bergamo, Bologna, Reggio Emilia, Asti e Alessandria, ma anche sul “pendolarismo quotidiano con partenza notturna degli insegnanti che si muovono dalle province di Napoli e Caserta per andare a Roma, dove si recano per una supplenza anche solo giornaliera», conclude Gallo.

Fonte

L’articolo Docenti a Nord: su 20mila emigranti ne tornano solo 8mila sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

https://www.orizzontescuola.it/docenti-nord-20mila-emigranti-ne-tornano-solo-8mila/

Leggi Tutto

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

adminreal

Related Posts

Con il bonus va premiato docente che lavora in classe! Lettera

Commenti disabilitati su Con il bonus va premiato docente che lavora in classe! Lettera

ANDIS, Dirigenti Scolastici: non piu’ rinviabile la modifica del D.Lgs.81

Commenti disabilitati su ANDIS, Dirigenti Scolastici: non piu’ rinviabile la modifica del D.Lgs.81

Naspi e assegno ordinario di invalidita sono incompatibili

Commenti disabilitati su Naspi e assegno ordinario di invalidita sono incompatibili

Immissioni in ruolo personale educativo, decreto e posti suddivisi tra educandati e convitti

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo personale educativo, decreto e posti suddivisi tra educandati e convitti

Mobilità: l’Anief vince in tribunale contro il vincolo sul sostegno

Commenti disabilitati su Mobilità: l’Anief vince in tribunale contro il vincolo sul sostegno

Docenti italiani: media 49 anni, 78% donne, 64% è formato su pedagogia e gestione della classe

Commenti disabilitati su Docenti italiani: media 49 anni, 78% donne, 64% è formato su pedagogia e gestione della classe

De Petris (LeU): necessaria soluzione immediata diplomati magistrale

Commenti disabilitati su De Petris (LeU): necessaria soluzione immediata diplomati magistrale

TFA sostegno V ciclo, Ministero: 18 e 19 maggio nuove date selezione

Commenti disabilitati su TFA sostegno V ciclo, Ministero: 18 e 19 maggio nuove date selezione

Scrutini: può il dirigente scolastico obbligare i docenti a firma dei tabelloni in presenza a scuola?

Commenti disabilitati su Scrutini: può il dirigente scolastico obbligare i docenti a firma dei tabelloni in presenza a scuola?

Tutti promossi: messaggio fortemente disturbante. Lettera

Commenti disabilitati su Tutti promossi: messaggio fortemente disturbante. Lettera

Didattica a distanza: l’appello di una mamma – insegnante: colleghi, rallentiamo, pensiamo per caso di terminare il programma?

Commenti disabilitati su Didattica a distanza: l’appello di una mamma – insegnante: colleghi, rallentiamo, pensiamo per caso di terminare il programma?

Coronavirus, Sinopoli (FLCGIL): a settembre vogliamo ripartire con didattica in presenza, necessari 3 miliardi. 13 maggio assemblee in tutta Italia

Commenti disabilitati su Coronavirus, Sinopoli (FLCGIL): a settembre vogliamo ripartire con didattica in presenza, necessari 3 miliardi. 13 maggio assemblee in tutta Italia

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti