Docente nel vincolo quinquennale: non può chiedere trasferimento su materia

Una lettrice ci scrive:

“Sono una docente di sostegno nella scuola Secondaria di I grado. Sono entrata di ruolo nell’agosto 2015 posso fare domanda di passaggio sulla materia proprio nella scuola dove insegno? Oppure c’è l’obbligo quinquennale visto che sto sul sostegno?”

Il docente titolare sul sostegno è obbligato a rimanere per un quinquennio su questa tipologia di posto senza poter chiedere trasferimento o passaggio su materia.

Vincolo quinquennale e decorrenza

Il vincolo quinquennale è previsto nell’art.23 comma 7 del CCNI sulla mobilità dove si stabilisce quanto segue: “Il trasferimento ai posti di tipo speciale, ad indirizzo didattico differenziato e di sostegno comporta la permanenza per almeno un quinquennio a far data dalla decorrenza del trasferimento su tali tipologie di posti [….]”

Chiaramente questa disposizione si applica anche ai docenti immessi in ruolo sul sostegno, con decorrenza dall’anno scolastico di immissione in ruolo

Computo del quinquennio

Come chiarisce l’art.23 comma 8 del CCNI, “Ai fini del computo del quinquennio (che include l’eventuale anno di decorrenza giuridica derivante dalla applicazione del  decreto legge n. 255, del 3 luglio 2001, convertito in legge n. 333 del 20 agosto 2001, art. 1, comma 4-bis), è calcolato l’anno scolastico in corso”

Conclusioni

La nostra lettrice, quindi, immessa in ruolo sul sostegno nell’anno scolastico 2015/16, è ancora nel quinquennio e non potrà partecipare, per il prossimo anno scolastico, alla mobilità per materia, ma soltanto per posti sul sostegno.

Il trasferimento  su materia potrà chiederlo il prossimo anno 2019/20, che sarà per lei il quinto e, quindi, l’ultimo all’interno del vincolo quinquennale, per il 2020/21

Tutto sulla Mobilità 2019

L’articolo Docente nel vincolo quinquennale: non può chiedere trasferimento su materia sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Sostegno – Handicap – Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

ATA 24 mesi: come si calcolano i mesi lavorati. Bandi inserimento a marzo 2020

Commenti disabilitati su ATA 24 mesi: come si calcolano i mesi lavorati. Bandi inserimento a marzo 2020

Mobilità dirigenti scolastici 2019/20, permanenza di tre o sei anni nella regione di assunzione

Commenti disabilitati su Mobilità dirigenti scolastici 2019/20, permanenza di tre o sei anni nella regione di assunzione

Immissioni un ruolo 2019/20, quando si può cambiare proposta già accettata

Commenti disabilitati su Immissioni un ruolo 2019/20, quando si può cambiare proposta già accettata

Il ministero disciplini la didattica a distanza. Lettera

Commenti disabilitati su Il ministero disciplini la didattica a distanza. Lettera

ASP Opus Civium seleziona 4 docenti d’infanzia. Scadenza 16 maggio

Commenti disabilitati su ASP Opus Civium seleziona 4 docenti d’infanzia. Scadenza 16 maggio

Zaia: Stato riconosca davvero le scuole paritarie, risorsa per il Paese

Commenti disabilitati su Zaia: Stato riconosca davvero le scuole paritarie, risorsa per il Paese

Detrazioni spese di istruzione al 19% dichiarazione redditi: dal nido all’Università vediamo quali

Commenti disabilitati su Detrazioni spese di istruzione al 19% dichiarazione redditi: dal nido all’Università vediamo quali

Didattica a distanza, tutte le info utili sull’inclusione. Alunni con disabilità, DSA e BED

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, tutte le info utili sull’inclusione. Alunni con disabilità, DSA e BED

Giornata contro la violenza sulle donne, Fioramonti: la conoscenza è il miglior antidoto

Commenti disabilitati su Giornata contro la violenza sulle donne, Fioramonti: la conoscenza è il miglior antidoto

Quando la pensione con 36 anni di contributi

Commenti disabilitati su Quando la pensione con 36 anni di contributi

A scuola primaria non esistono programmi “da svolgere”, dunque non si può essere “indietro”

Commenti disabilitati su A scuola primaria non esistono programmi “da svolgere”, dunque non si può essere “indietro”

Coronavirus: cari ragazzi, non ci vedremo per un po’ ma vi raccomando di rimanere a casa. Lettera

Commenti disabilitati su Coronavirus: cari ragazzi, non ci vedremo per un po’ ma vi raccomando di rimanere a casa. Lettera

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti