Disturbi specifici di apprendimento: per aiutare gli studenti ci vogliono ore di potenziamento. Lettera

Poi dagli articoli scopriamo che il totale è presentato come  generale, ma il dato viene tutto o quasi dalle regioni del nord.

Quel 3% è sottodimensionato, siamo nei pressi del 6% indicato dalle ricerche internazionali per le lingue indicate come “trasparenti” quale è l’italiano .

Salgono le diagnosi alla quinta primaria e alla secondaria di primo e secondo grado.  Sembra per qualcuno (non per tutti, certo, anzi per una minoranza) una forma di tutela preventiva: quel genitore non agisce per curare il problema o per cercare strategie che lo riducano. Agisce perchè il riconoscimento del problema eviti la bocciatura.

Allora, facciamo prima una riflessione: il dislessico, si sa , legge “gatto” “g…a…t ” e così via; non sa fotografare la parola intera, accorgersi che quelle due t che guardano in alto e quel cerchietto in basso all’inizio gli fanno capire di essere di fronte a “gatto” o a “getto”, e che poi usando il contesto può capire quale parola è. Così fa il lettore non dislessico. Se è un bimbo o ragazzo intelligente, nonostante la dislessia può imparare ugualmente Quella fatica in più gli pesa, certo, e gli rende più difficile studiare. Ma può farlo, e può sviluppare altre modalità, anche fantasiose (il che spiega perchè tanti geni, come Einstein, fra i dislessici).  Se non ha forti doti, fatica di più.E se il contesto non l’aiuta, sarà un adulto che fatica a studiare o che non ama la lettura.

Il genitore amorevole va dagli insegnanti e chiede loro:”Fategli le schede ingrandite in A3; se c’è una domanda in un problema non dettate “Quante ne restano?” ma “Quante caramelle restano?” in modo da evitargli la fatica del riconoscimento del pronome e di capire a quale nome si riferisce.

E così via ( Verdana e non font più eleganti, dove una r è una n vicine diventano una m agli occhi di un lettore problematico; niente giustifica a destra per evitare che spazi nella parola e spazi fra parole si confondano; note a margine e non a pie’ di pagina; frequenti “a capo”, immagini tutte dalla stessa parte, ecc. ).  Ma quel genitore andrà  dal Preside e  dirà:”Quante ore di recupero prevede la programmazione personalizzata di questo alunno?  E quante di esse la scuola è in grado di fornire?”

La famiglia, dal canto suo, si assume gli impegni che la scuola chiede , strumenti tecnologici, sostegno allo svolgimento dei compiti a casa, eventuale supporto.

Bisogna che la  scuola produca non solo documenti – che sono importanti – ma anche ore di potenziamento.

Quel bambino o ragazzo sarà una risorsa per l’Italia e per il mondo perché i suoi talenti saranno valorizzati.  Ragionando così si toglie anche drammaticità al problema della bocciatura.  Ma ci vogliono risorse!

L’articolo Disturbi specifici di apprendimento: per aiutare gli studenti ci vogliono ore di potenziamento. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Facebook Comments

redazione

Related Posts

Bonisoli: ecco cosa abbiamo fatto in questi 14 mesi

Commenti disabilitati su Bonisoli: ecco cosa abbiamo fatto in questi 14 mesi

Il docente non è più una “autorità indiscussa”, come diventare leader con l’ascolto attivo

Commenti disabilitati su Il docente non è più una “autorità indiscussa”, come diventare leader con l’ascolto attivo

Inizio anno scolastico, nella Marche mancano 72 DSGA e 73 dirigenti scolastici

Commenti disabilitati su Inizio anno scolastico, nella Marche mancano 72 DSGA e 73 dirigenti scolastici

TFA sostegno V ciclo: laurea triennale non è titolo di accesso, neanche con i 24 CFU

Commenti disabilitati su TFA sostegno V ciclo: laurea triennale non è titolo di accesso, neanche con i 24 CFU

Pensioni quota 100, scadenza domande insieme a requisiti normali

Commenti disabilitati su Pensioni quota 100, scadenza domande insieme a requisiti normali

Graduatoria interna di istituto: il docente soprannumerario che rientra nella scuola di ex-titolarità è inserito in base al punteggio

Commenti disabilitati su Graduatoria interna di istituto: il docente soprannumerario che rientra nella scuola di ex-titolarità è inserito in base al punteggio

Coronavirus, Don Mazzi alla Ministra Azzolina: alleanza tra istruzione ed educazione

Commenti disabilitati su Coronavirus, Don Mazzi alla Ministra Azzolina: alleanza tra istruzione ed educazione

Concorso Ata lavoratori pulizie: proroga domande non incide su assunzioni dal 1° marzo

Commenti disabilitati su Concorso Ata lavoratori pulizie: proroga domande non incide su assunzioni dal 1° marzo

La responsabilità sulla pubblicazione dei dati sensibili è sempre del DS

Commenti disabilitati su La responsabilità sulla pubblicazione dei dati sensibili è sempre del DS

Scienze formazione primaria, test accesso 11 settembre. Laurea dà accesso a concorso e graduatorie istituto II fascia

Commenti disabilitati su Scienze formazione primaria, test accesso 11 settembre. Laurea dà accesso a concorso e graduatorie istituto II fascia

Riapertura terza fascia graduatorie di istituto, chi deve conseguire i 24 CFU

Commenti disabilitati su Riapertura terza fascia graduatorie di istituto, chi deve conseguire i 24 CFU

Le tre “S” per l’Italia di Calenda (Azione): scuola, sanità e sicurezza

Commenti disabilitati su Le tre “S” per l’Italia di Calenda (Azione): scuola, sanità e sicurezza

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti