Di chi è la colpa dei risultati deludenti della scuola italiana? Lettera

Peraltro nessun docente si è mai lamentato per il fatto che deve adempiere a una serie di formalità per attestare la sua presenza a scuola, né si è mai richiamato alla liberta d’insegnamento per opporsi a questa prassi consolidata.

Orbene indipendentemente dall’analisi che si potrebbe fare mettendo a confronto le modalità precedenti di lavoro della dirigenza scolastica, che prevedevano una presenza ordinaria di 36 ore settimanali, anche su base plurisettimanale, all’attuale libertà di organizzare autonomamente  tempi e modi della propria attività che non significa come e quando si vuole ma che comporta  invece impegno, organizzazione, disponibilità, tempestività, presenza senza mai dimenticare che tutto ciò deve comunque avvenire, sempre e comunque, in assoluta trasparenza, guardiamo ai risultati conseguiti nel mondo dell’istruzione pubblica, prendendo spunto da recenti indagini OCSE-PISA, Programme for International Student Assessment, pubblicati sui mass media.

Da tali indagini emerge, per esempio, che sono più di 100.000 su un totale di quasi mezzo milione,il 20%, gli alunni di 15 anni, provenienti per lo più da contesti svantaggiati,  che non raggiungono i livelli minimi di competenze in matematica e lettura in Italia; dati confermati anche dai risultati delle prove Invalsi 2017. Inoltre in Italia, tra i paesi Ocse, si registra un elevato livello di abbandono scolastico prima della conclusione della scuola secondaria superiore, con circa il 50% in più  rispetto alla media degli altri paesi.

Infine nel Paese si registra una percentuale del 27% dei giovani tra 15 e 19 anni, i quali rappresentano i cosiddetti NEET: non studiano non lavorano e non cercano un lavoro. E il discorso potrebbe continuare.

Orbene, volendo fare un parallelo con il mondo del calcio, dove quando la squadra non raggiunge gli obiettivi prefissati, il primo a pagare è l’allenatore, mi viene da domandare, evitando il consueto lancio della palla fuori campo, rimandando tutta alla politica, le responsabilità dei risultati, a dir poco deludenti, che si registrano nel mondo della scuola italiana, di chi sono?

Su queste questioni è auspicabile che si apra un dibattito, accettando di buon grado anche da parte della dirigenza scolastica l’introduzione dei controlli biometrici, come ulteriore misura  atta a garantire, nel mondo del lavoro, trasparenza e sicurezza.

L’articolo Di chi è la colpa dei risultati deludenti della scuola italiana? Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Concorso straordinario, i quesiti scendono da 8 a 6. Uno di inglese che resta a risposta aperta

Commenti disabilitati su Concorso straordinario, i quesiti scendono da 8 a 6. Uno di inglese che resta a risposta aperta

Consigli intersezione, classe e interclasse: vanno eletti entro il 31 ottobre. La procedura

Commenti disabilitati su Consigli intersezione, classe e interclasse: vanno eletti entro il 31 ottobre. La procedura

Graduatorie ATA terza fascia, aggiornamento: potra essere valutato servizio Garanzia Giovani?

Commenti disabilitati su Graduatorie ATA terza fascia, aggiornamento: potra essere valutato servizio Garanzia Giovani?

Azzolina, in arrivo 16mila posti in più per assunzione Precari. 1,5 miliardi in Decreto rilancio

Commenti disabilitati su Azzolina, in arrivo 16mila posti in più per assunzione Precari. 1,5 miliardi in Decreto rilancio

Anquap: carta personale amministrativo e tecnico per acquisto pc per lavoro agile

Commenti disabilitati su Anquap: carta personale amministrativo e tecnico per acquisto pc per lavoro agile

Permessi 104/92 se l’assistito è ricoverato a tempo pieno. Ecco quando si può

Commenti disabilitati su Permessi 104/92 se l’assistito è ricoverato a tempo pieno. Ecco quando si può

Giornata delle Donne nella Scienza, CNDDU: solo il 28,8% riesce ad affermarsi in ambito scientifico

Commenti disabilitati su Giornata delle Donne nella Scienza, CNDDU: solo il 28,8% riesce ad affermarsi in ambito scientifico

Immissioni in ruolo 2019, i 5.000 posti saranno tolti al sostegno in regioni del nord. I motivi

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo 2019, i 5.000 posti saranno tolti al sostegno in regioni del nord. I motivi

Riforma pensioni, quota 100 e poi…

Commenti disabilitati su Riforma pensioni, quota 100 e poi…

Supplenze, ITP depennati da seconda fascia in caso di sentenze negative

Commenti disabilitati su Supplenze, ITP depennati da seconda fascia in caso di sentenze negative

I quattro pilastri de ‘La nuova scuola’. Lettera

Commenti disabilitati su I quattro pilastri de ‘La nuova scuola’. Lettera

Assunzione lavoratori pulizie, le graduatorie. Reclamo entro cinque giorni. Aggiornato Ancona

Commenti disabilitati su Assunzione lavoratori pulizie, le graduatorie. Reclamo entro cinque giorni. Aggiornato Ancona

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti