Decreto scuola, Turi (UIL): intesa 1° ottobre va rispettata, non tolleriamo diatribe politiche

Dobbiamo rilevare la lentezza con cui si sta dando seguito all’intesa sindacale del 1° ottobre che dà una prima risposta ai precari storici (i cd triennalisti) che sono solo una parte dei precari della scuola – sottolinea il segretario generale della Uil Scuola dall’assemblea dei sindacati confederali ad Assago.

Sono persone a cui dobbiamo dare risposte concrete e prospettive a tutti. Non possiamo tollerare diatribe tra parlamentari alla ricerca di facili consensi sulla pelle dei lavoratori e della scuola in particolare.

Le risposte sono politiche e non tecnocratiche che rappresentano solo alibi che non giustificano alterazioni dell’intesa.

Girano testi sui social che non sono conformi all’intesa – fa notare Turi – se qualcuno vuole vedere l’effetto che fa, sbaglia a non considerare che, in presenza di un accordo non rispettato, si pone un problema politico di cui chiederemo rapidamente conto.

Dall’assemblea delle delegate e dei delegati di Cgil Cisl e Uil di tutte le categorie – mette in evidenza il segretario generale Uil scuola – emergono valori e principi del mondo reale del lavoro, che rappresenta l’asse portante del paese e della sua democrazia.

Nessuna disintermediazione, come nessuna realtà social con la sua dimensione virtuale, si scontra con la solida organizzazione sociale, che trova nei sindacati confederali un punto di riferimento del mondo reale, dal quale sempre di più si sta staccando la classe politica sempre alla ricerca di visibilità e di potere.

È il momento di passare dalle parole ai fatti e dare risposte ai problemi delle persone che lavorano.

Non c’è più tempo per i ripensamenti, come non si può pensare che si possa aprire dopo l’intesa sindacale, un confronto tecnocratico che rimetta in discussione gli impegni assunti. C’è solo il tempo di perfezionare l’intesa con i contenuti che attengono ai tempi e ai modi di acquisizione dell’abilitazione per tutti i precari esclusi dal concorso straordinario.

L’articolo Decreto scuola, Turi (UIL): intesa 1° ottobre va rispettata, non tolleriamo diatribe politiche sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

On. Sasso (Lega): decreto scuola “ammazza-precari”

Commenti disabilitati su On. Sasso (Lega): decreto scuola “ammazza-precari”

Mangiare bio. Fa bene?

Commenti disabilitati su Mangiare bio. Fa bene?

Come elaborare un lutto? I consigli della psicologa

Commenti disabilitati su Come elaborare un lutto? I consigli della psicologa

Tassa sul cane, i Paesi che ce l’hanno sono piu’ attenti al randagismo

Commenti disabilitati su Tassa sul cane, i Paesi che ce l’hanno sono piu’ attenti al randagismo

Il Black Friday dell’irriverente. Il giorno dopo

Commenti disabilitati su Il Black Friday dell’irriverente. Il giorno dopo

La sindrome di Sjögren chiede riconoscimento (e un approccio multidisciplinare)

Commenti disabilitati su La sindrome di Sjögren chiede riconoscimento (e un approccio multidisciplinare)

Domestiche senegalesi all’estero. ‘Quando un giorno ho scoperto di essere stata venduta’

Commenti disabilitati su Domestiche senegalesi all’estero. ‘Quando un giorno ho scoperto di essere stata venduta’

Diamanti in banca: cosa fare dopo le sanzioni Antitrust?

Commenti disabilitati su Diamanti in banca: cosa fare dopo le sanzioni Antitrust?

Corsi sull’uso di PubMed, social media e apps per l’aggiornamento in medicina e la comunicazione/promozione della salute-assmed2

Commenti disabilitati su Corsi sull’uso di PubMed, social media e apps per l’aggiornamento in medicina e la comunicazione/promozione della salute-assmed2

Gelato di melagrane, pere e cannella

Commenti disabilitati su Gelato di melagrane, pere e cannella

Prevenzione droghe. L’esperienza positiva della narcosala di Strasburgo

Commenti disabilitati su Prevenzione droghe. L’esperienza positiva della narcosala di Strasburgo

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti