Decreto scuola, FdI: bocciato il PAS ed esclusi da concorso straordinario docenti con servizio solo su sostegno

Secondo Fratelli d’Italia la scuola viene mortificata da lotte interne al Governo. Su temi fondamentali, scrivono i deputati, incompetenza e pressapochismo.


“La scuola italiana mortificata da lotte interne al governo è destinata a rimanere, come dal rapporto dell’Istat, al penultimo posto nel confronto con il resto d’Europa – scrivono i deputati di Fratelli d’Italia in un comunicato –  Per Fratelli d’Italia è inaccettabile, così come è assurdo che la maggioranza non faccia nulla per cambiare la situazione.”

“Oggi  – prosegue il comunicato – l’ennesimo schiaffo a docenti, dirigenti e precari è arrivato dalla commissione congiunta Cultura-Lavoro, dove le varie anime della maggioranza che litigano continuamente tra loro, hanno bocciato i nostri emendamenti.

Una dimostrazione di incompetenza e pressapochismo nell’affrontare temi fondamentali e delicati.

Hanno detto no alla salvaguardia dei docenti di sostegno in possesso di specializzazione, hanno escluso dalla partecipazione al concorso straordinario chi ha ormai superato i 36 mesi di servizio esclusivo su sostegno ed infine è stato anche bocciato l’emendamento che intendeva riaprire un nuovo PAS a tutti i docenti precari e di ruolo che vogliono conseguire un’abilitazione.

Ci siamo battuti con tutte le nostre forze – concludono i deputato – e continueremo a farlo anche nell’Aula di Montecitorio perché l’Istituzione Scuola non può essere sempre mortificata e umiliata in questo modo”.

Già nella giornata di ieri erano stati bocciati altri emendamenti su concorso religione cattolica e Dirigenti Scolastici

Decreto scuola, bocciati emendamenti concorso religione cattolica e corso formazione ricorrenti concorsi Dirigenti Scolastici

L’articolo Decreto scuola, FdI: bocciato il PAS ed esclusi da concorso straordinario docenti con servizio solo su sostegno sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti