Decreto precari, un primo passo avanti importante. Ora la politica si assuma la sua responsabilità

Un concreto passo avanti è stato fatto, ora è necessario che il decreto venga pubblicato e approvato in tempi brevi, senza cambiamenti sostanziali, e includendo anche la previsione di un concorso riservato ai facenti funzioni DSGA, in coerenza con i contenuti dell’intesa. Difficile comprendere le ragioni per cui si insiste, da parte di esponenti di maggioranza, sull’introduzione di step selettivi più rigidi rispetto a quelli comunque già previsti per tutte le procedure, sia per quelle concorsuali che per i PAS, molto impegnativi e soggetti a valutazione. È una posizione che appare connotata in senso ideologico e che trascura un fatto sostanziale: i destinatari delle misure scaturite dal confronto sindacati MIUR sono persone che hanno già maturato nelle nostre scuole una consistente esperienza di lavoro, è grazie a loro se si sono potute svolgere le attività didattiche in decine di migliaia di classi, il che avrebbe reso possibile anche il riscontro di eventuali impreparazioni o incompetenze.

Non è accettabile che il sistema scolastico utilizzi in modo ricorrente quote abnormi di lavoro precario, in spregio alle norme europee, senza riconoscere in alcun modo l’esperienza maturata: una lacuna che l’intesa sindacati MIUR ha voluto colmare, coniugando i diritti dei precari e l’interesse al buon andamento del sistema scolastico, in particolare con la copertura stabile dei posti disponibili in are territoriali nelle quali le graduatorie a esaurimento e quelle di merito sono da tempo esaurite e non sarebbero possibili assunzioni a tempo indeterminato.

In tale contesto, vanno assicurate le priorità di scorrimento dei Concorsi 2016 e 2018, con l’obiettivo prioritario di coprire tutti i posti disponibili e vacanti nel rispetto delle aspettative dei candidati.

L’approvazione del decreto senza stravolgimenti rappresenta in questo momento una precisa priorità, fermo restando che una valutazione di merito complessiva sarà possibile solo leggendo il decreto in G.U. il 28 agosto, così come sarà anche necessario incrementare e attivare ogni ulteriore confronto con il MIUR e con le Commissioni Parlamentari a cui chiederemo di essere ascoltati. Il nostro impegno comunque prosegue perché sia data piena attuazione a tutto ciò che prevede l’intesa del 24 aprile a Palazzo Chigi e a quelle definite ai tavoli tematici di confronto cui è stata affidata la puntuale declinazione dei suoi contenuti, tra cui quelli riguardanti una diversa politica degli organici e delle assunzioni del personale ATA.

Più in generale, chiediamo al Governo di rispettare, nella prossima legge di stabilità, l’impegno di assicurare le risorse aggiuntive necessarie per un rinnovo contrattuale che riconosca in modo adeguato il valore di tutte le professionalità operanti nel comparto dell’istruzione e della ricerca.

L’articolo Decreto precari, un primo passo avanti importante. Ora la politica si assuma la sua responsabilità sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

In arrivo sgravi fiscali per gli imprenditori che investono soldi nella didattica

Commenti disabilitati su In arrivo sgravi fiscali per gli imprenditori che investono soldi nella didattica

Educazione alimentare e alla salute: offerta formativa per l’a.s. 2019/20

Commenti disabilitati su Educazione alimentare e alla salute: offerta formativa per l’a.s. 2019/20

Coronavirus: i consigli di Telefono Azzurro per gli studenti che tornano a scuola

Commenti disabilitati su Coronavirus: i consigli di Telefono Azzurro per gli studenti che tornano a scuola

16mila posti a precari scuola, insegnanti: esclusi docenti infanzia e primaria

Commenti disabilitati su 16mila posti a precari scuola, insegnanti: esclusi docenti infanzia e primaria

Uso cellulari, Garante Privacy: possibile, ma le scuole possono regolamentare. E’ possibile sequestrarli?

Commenti disabilitati su Uso cellulari, Garante Privacy: possibile, ma le scuole possono regolamentare. E’ possibile sequestrarli?

Programma Tirocini Brevi I sessione 2020, candidature entro oggi 4 novembre

Commenti disabilitati su Programma Tirocini Brevi I sessione 2020, candidature entro oggi 4 novembre

Diplomati magistrale. Fedeli: allarmismo ingiustificato. Non si può vivere di “corsi e ricorsi”

Commenti disabilitati su Diplomati magistrale. Fedeli: allarmismo ingiustificato. Non si può vivere di “corsi e ricorsi”

DAD ai tempi del Coronavirus. Storie di ordinaria follia! Lettera

Commenti disabilitati su DAD ai tempi del Coronavirus. Storie di ordinaria follia! Lettera

Dall’esclusione all’integrazione delle persone con disabilità

Commenti disabilitati su Dall’esclusione all’integrazione delle persone con disabilità

Lettera “Con i miei occhi” al Ministro Azzolina: per alunni ipovedenti serve presenza insegnanti

Commenti disabilitati su Lettera “Con i miei occhi” al Ministro Azzolina: per alunni ipovedenti serve presenza insegnanti

Pensioni: innalzamento a 67 anni, escluse maestre di asilo nido e di scuola materna

Commenti disabilitati su Pensioni: innalzamento a 67 anni, escluse maestre di asilo nido e di scuola materna

Giuliano (M5S) sul grembiule: la povertà va combattuta, non coperta

Commenti disabilitati su Giuliano (M5S) sul grembiule: la povertà va combattuta, non coperta

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti