De Cristofaro: In Italia la scuola è classista. Al governo dico cambiamo rotta rispetto agli ultimi decenni

in Italia c’è purtroppo una scuola classista, la tendenza generale ci parla di una barriera sostanziale, non formale o legislativa, collegata alla condizione sociale del Paese e alle diseguaglianze presenti.
Ed è una condizione in netta contraddizione con un principio della nostra Costituzione che possiamo tradurre più volgarmente così: se prima si poteva considerare la scuola un ascensore sociale ora non è più così .”
Lo afferma il sottosegretario all’Istruzione Peppe De Cristofaro in un’intervista a Fanpage.

“Valorizzare il merito? Il merito è una cosa giusta solo ed esclusivamente quando sono garantite le pari condizioni di partenza – prosegue il sottosegretario di Leu – Altrimenti diventa una grande ipocrisia. Cominciamo a garantire le pari condizioni di partenza e a quel punto sarà giusto parlare di merito . Naturalmente come fai a rimuovere l’ostacolo? Come si fa a far sì che non sia decisivo l’impatto delle condizioni sociali di origine? Anche lavorando molto sulla qualità dell’insegnamento”

“Se in Italia noi abbiamo avuto numeri molto alti che riguardano la dispersione scolastica, se abbiamo un grande problema che riguarda la povertà educativa, tutto questo non nasce dal niente, non è che si sono prodotte dalla sera alla mattina per un destino fortuito. È successo questo perchè si è avuta una linea di tendenza, un’idea di fondo sulla scuola italiana e sulla formazione da 30 anni a questa parte che è andata in una direzione precisa, il problema è che quella direzione era sbagliata. Ora bisogna avere il coraggio e la forza di mettere profondamente in discussione una lunga stagione politica. È per questo che il merito della denuncia di Fioramonti è assolutamente condivisibile e ha ragione: le risorse per la scuola, l’università e la ricerca sono poche. Tra l’altro sono molto di meno di quanto accade negli altri Paesi Ue, e quindi Fioramonti aveva molta ragione a porre questa questione. Ho condiviso di meno come è noto le sue dimissioni proprio perché ritengo che essendo stato lungo il percorso di destrutturazione della scuola pubblica del nostro Paese non risolveremo in quattro e quattr’otto. Bisognerà invertire la tendenza, non sarà una cosa facile e non sarà nemmeno una cosa immediata.”

“Bisogna cambiare proprio il paradigma, e cambiare paradigma significa – conclude De Cristofaro – dare grande centralità a risorse e investimenti, dal punto di vista delle risorse finanziarie ma anche dal punto di vista di come la politica si rapporta alla centralità della formazione dei giovani per garantire un futuro al Paese”

L’articolo De Cristofaro: In Italia la scuola è classista. Al governo dico cambiamo rotta rispetto agli ultimi decenni sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

TFA sostegno V ciclo, ITP accedono alle selezioni con solo diploma

Commenti disabilitati su TFA sostegno V ciclo, ITP accedono alle selezioni con solo diploma

Il ministero disciplini la didattica a distanza. Lettera

Commenti disabilitati su Il ministero disciplini la didattica a distanza. Lettera

Diploma magistrale. Mi hanno immesso in ruolo da disabile, ho superato anno di prova, ed ora mi licenziano. Lettera

Commenti disabilitati su Diploma magistrale. Mi hanno immesso in ruolo da disabile, ho superato anno di prova, ed ora mi licenziano. Lettera

Ricostruzione di carriera: nel computo inclusi i giorni di sciopero

Commenti disabilitati su Ricostruzione di carriera: nel computo inclusi i giorni di sciopero

Alternanza scuola-lavoro per l’orientamento e lo sviluppo delle competenze degli studenti

Commenti disabilitati su Alternanza scuola-lavoro per l’orientamento e lo sviluppo delle competenze degli studenti

Graduatorie di istituto, docenti ITP al primo inserimento devono essere in possesso dei 24 CFU?

Commenti disabilitati su Graduatorie di istituto, docenti ITP al primo inserimento devono essere in possesso dei 24 CFU?

Immissioni in ruolo Quota 100, diplomati magistrale con riserva possono essere assunti? [Aggiornato]

Commenti disabilitati su Immissioni in ruolo Quota 100, diplomati magistrale con riserva possono essere assunti? [Aggiornato]

ATA, domande graduatorie Regionali Sicilia. Scadenza 30 settembre, titoli di accesso

Commenti disabilitati su ATA, domande graduatorie Regionali Sicilia. Scadenza 30 settembre, titoli di accesso

Mobilità, UDIAL: a quando un piano di rientro per i docenti immobilizzati?

Commenti disabilitati su Mobilità, UDIAL: a quando un piano di rientro per i docenti immobilizzati?

Post docente “quando non vi è altra scelta un colpo in testa al reo”, non si riferisce a ragazzo bendato. Parla l’insegnante

Commenti disabilitati su Post docente “quando non vi è altra scelta un colpo in testa al reo”, non si riferisce a ragazzo bendato. Parla l’insegnante

Pensione anticipata e di vecchiaia, dimissioni volontarie e opzione donna: chiarimenti

Commenti disabilitati su Pensione anticipata e di vecchiaia, dimissioni volontarie e opzione donna: chiarimenti

Decreto scuola, Bucalo (FdI): docenti religione traditi, Dsga ff e diplomati magistrale dimenticati

Commenti disabilitati su Decreto scuola, Bucalo (FdI): docenti religione traditi, Dsga ff e diplomati magistrale dimenticati

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti