Dall’Afghanistan alla Svezia: mi batto per i minori (e le donne)

La storia di Mahboba Madadi, attivista afgana. E’ arrivata in Europa come minore non accompagnata e oggi a capo di un’ong che si batte per i diritti dei minorenni soli. “Il vento sta cambiando anche in Svezia, molti rimandati indietro in Afghanistan, che non è un paese sicuro. Alcuni ragazzi si sono suicidati, noi continuiamo a lottare”

Facebook Comments
Precedente Il divieto di far tornare i figli a casa da soli? "Disobbedienza civile dei genitori" Successivo "Armonia sociale dei Borghi": bioarchitetti, psicologi, paesaggisti si mobilitano