Da pendolare (molto) scontento a “consulente” delle Ferrovie

La vicenda di uno studente dell’Università di Pisa, persona con disabilità in carrozzina, che dopo ben cento reclami, ha fatto valere con Trenitalia Toscana la propria conoscenza diretta dei problemi, contribuendo al raggiungimento di buoni risultati sul piano dell’accessibilità, è sintomatica di un indubbio miglioramento della situazione, sul fronte dei viaggi in treno, da parte delle persone con disabilità, pur persistendo qua e là disagi e disservizi, dovuti per lo più a problemi di organizzazione e coordinamento, sui quali è sempre opportuno vigilare con attenzione

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti