Da bottiglie e sacchetti di plastica il “carburante” del futuro grazie a un processo chimico

Ogni anno produciamo circa 100 milioni di tonnellate di rifiuti in plastica. Una quantità così grande e così difficile da smaltire che, come la cronaca tristemente ha registrato, esistono vere e proprie isole di questo materiale. Ma quello che danneggia l’ambiente quando non serve più potrebbe trasformarsi in energia. Bottiglie, busti, contenitori potrebbero diventare carburante.

Un team di ricercatori dell’Università della California Irvine ha sviluppato un nuovo processo chimico in grado di degradare materiali plastici in polietilene in combustibili liquidi e cere. Il metodo, spiegano i ricercatori nell’articolo su Science Advances, potrebbe aiutare a riciclare milioni di tonnellate di plastica prodotte ogni anno e a trasformarle anche in “carburante” per le macchine o in cere usate nei processi di produzione industriale.

La plastica costituisce una parte importante dei rifiuti dell’uomo. I materiali in polietilene e propilene costituiscono oltre il 60% del totale della plastica contenuta nei rifiuti solidi urbani. E, come se non bastasse, il polietilene è molto difficile da degradare senza trattamenti speciali. La nuova tecnica sviluppata dall’ateneo californiano riesce a rimescolare gli idrocarburi presenti nel polietilene usando dei reagenti leggeri e poco costosi e i ricercatori sottolineano che diversi tipi di polietilene possono così essere completamente degradati nel giro di una giornata. Il metodo è stato testato con prodotti in plastica comuni, dalle bottiglie alle pellicole delle confezioni alimentari, alle buste della spesa.

L’articolo su Science

The post Da bottiglie e sacchetti di plastica il “carburante” del futuro grazie a un processo chimico appeared first on Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Manovra, Ascani: valorizzare insegnanti e ridurre costo libri scolastici

Commenti disabilitati su Manovra, Ascani: valorizzare insegnanti e ridurre costo libri scolastici

Proxima b, sul pianeta sosia della Terra ci potrebbe essere un oceano di acqua

Commenti disabilitati su Proxima b, sul pianeta sosia della Terra ci potrebbe essere un oceano di acqua

“L’Italia che fa”, anche Rai 2 dedica uno spazio al racconto della solidarietà

Commenti disabilitati su “L’Italia che fa”, anche Rai 2 dedica uno spazio al racconto della solidarietà

Sei punti per comprendere il sistema integrato 0-6 anni: tra i banchi della scuola un mix di formazione e apprendimento.

Commenti disabilitati su Sei punti per comprendere il sistema integrato 0-6 anni: tra i banchi della scuola un mix di formazione e apprendimento.

David Attenborough, nuova specie di libellula fossilizzata dedicata al naturalista britannico

Commenti disabilitati su David Attenborough, nuova specie di libellula fossilizzata dedicata al naturalista britannico

La storia nube radioattiva sulla Russia spiegata bene

Commenti disabilitati su La storia nube radioattiva sulla Russia spiegata bene

Bambini maltrattati, “Invisibile agli occhi”: la campagna per la costruzione della prima comunità di accoglienza

Commenti disabilitati su Bambini maltrattati, “Invisibile agli occhi”: la campagna per la costruzione della prima comunità di accoglienza

Niger, comincia la festa dei tuareg mentre il ministro della difesa nigerino critica i militari francesi e Usa

Commenti disabilitati su Niger, comincia la festa dei tuareg mentre il ministro della difesa nigerino critica i militari francesi e Usa

Mutilazioni genitali femminili, in Sudan ora sono un reato: “Garantiti i diritti di libertà”

Commenti disabilitati su Mutilazioni genitali femminili, in Sudan ora sono un reato: “Garantiti i diritti di libertà”

ExoMars, anche l’Italia su Marte a caccia di vita aliena (microbica). Flamini (Asi): “Impresa bella e difficile”

Commenti disabilitati su ExoMars, anche l’Italia su Marte a caccia di vita aliena (microbica). Flamini (Asi): “Impresa bella e difficile”

Nigeria, bambini in vendita: l’orrore delle ragazzine schiave nelle “Baby Factory”

Commenti disabilitati su Nigeria, bambini in vendita: l’orrore delle ragazzine schiave nelle “Baby Factory”

La battaglia per lo “ius culturae”: continua il “tam tam” degli italiani senza cittadinanza

Commenti disabilitati su La battaglia per lo “ius culturae”: continua il “tam tam” degli italiani senza cittadinanza

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti