Cyberbullismo: per le scuole meglio rieducare studenti, non punirli. Analisi

E’ la conclusione a cui arriva il Sole 24 Ore con una riflessione lunga e articolata sui dati relativi al cyberbullismo alla luce della legge 71/2017.

Nei casi di questi reati, anche quando i fatti si verificano fuori dall’edificio scolastico ma sono maturati all’interno delle aule, può emergere una qualche responsabilità della scuola.

Gli insegnanti dovrebbero riuscire a intervenire prima che il fatto degeneri in reato, anche se spesso si rivela un compito difficile. Lo conferma anche la sentenza 6919 del 4 aprile 2018 emessa dal Tribunale di Roma.

In base alla suddetta legge, la scuola è chiamata a ricoprire un ruolo importante nel contrasto al cyberbullismo, alla prevenzione di questo tipo di reati e all’educazione digitale. L’articolo riporta alcuni dati della polizia postale. “Soltanto nei primi cinque mesi del 2019 – scrive il quotidiano economico – sono stati 6 i casi in cui l’età di chi ha denunciato i fatti è scesa sotto ai 9 anni, contro i 14 del 2018“.

Nel 2018 la diffamazione aggravata è stata subita da 109 vittime; seguono a ruota minacce e molesti (122), sostituzioni di persona (60) ed estorsioni sessuali (43). Male anche sul fronte della circolazione di materiale pedopornografico: nel 2018 sono stati denunciati 40 casi; nei primi cinque mesi di quest’anno il dato ha già superato la metà (28).

La scuola dovrebbe nominare un referente e ha una serie di strumenti, in base alla legge, per contrastare i casi ed evitare la loro degenerazione in reati. Eppure i dati sono poco confortanti. A elencarli è sempre il Sole24Ore, dove risulta che gli ammonimenti richiesti al questore (il nuovo strumento introdotto dalla legge) sono 30 in tutta Italia, di cui 8 in provincia di Varese, 5 a Venezia, 2 a Roma e Viterbo e altri casi isolati in Italia.

Secondo le conclusioni del Sole 24 Ore, sulla base di questi dati sarebbe difficile capire se la legge è stata efficace. Infatti, il minor numero di denunce potrebbe essere legato alle altre misure di contrasto come la possibilità di rimuovere spontaneamente i contenuti o farli cancellare dai social network; non da meno sarebbe anche il fatto che l’ammonimento possa essere attuato anche per i reati procedibili d’ufficio.

In quest’ultimo caso, infatti – si legge sul quotidiano – verrebbe meno la sua natura preventiva, perché il poliziotto o il carabiniere al quale il minorenne può rivolgersi per avviare l’iter avrebbe l’obbligo di denunciare fatti-reato procedibili d’ufficio, in quanto pubblico ufficiale. L’ammonimento si convertirebbe quindi automaticamente in un procedimento penale pendente innanzi al Tribunale per i minorenni“.

L’articolo Cyberbullismo: per le scuole meglio rieducare studenti, non punirli. Analisi sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Aggiornamento graduatorie provinciali e d’istituto, Bolzano riapre i termini con scadenza 27 marzo

Commenti disabilitati su Aggiornamento graduatorie provinciali e d’istituto, Bolzano riapre i termini con scadenza 27 marzo

Gallo (M5S): dobbiamo affrontare le emergenze del precariato e innovare la didattica

Commenti disabilitati su Gallo (M5S): dobbiamo affrontare le emergenze del precariato e innovare la didattica

Provincia di Trento, nominata nuova sovrintendente scolastica

Commenti disabilitati su Provincia di Trento, nominata nuova sovrintendente scolastica

Quest’anno la mobilità deve essere garantita a tutti. Lettera

Commenti disabilitati su Quest’anno la mobilità deve essere garantita a tutti. Lettera

Didattica a distanza, dirigenti riportano su bacheca registro elettronico tutte le attività svolte dai singoli docenti. E’ legittimo?

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, dirigenti riportano su bacheca registro elettronico tutte le attività svolte dai singoli docenti. E’ legittimo?

APEI: pericolosi screening precoci di DSA a 5 anni. Lettera aperta

Commenti disabilitati su APEI: pericolosi screening precoci di DSA a 5 anni. Lettera aperta

Aumenti stipendiali. Fedeli: no bonus merito e 500 euro nello stipendio. Sarebbero tassati e dimezzati

Commenti disabilitati su Aumenti stipendiali. Fedeli: no bonus merito e 500 euro nello stipendio. Sarebbero tassati e dimezzati

Ecco perchè non si possono perquisire gli zaini degli alunni

Commenti disabilitati su Ecco perchè non si possono perquisire gli zaini degli alunni

Troppo smog nell’aria, merenda in classe per 1.700 bambini

Commenti disabilitati su Troppo smog nell’aria, merenda in classe per 1.700 bambini

Bambina trapiantata: compagni, insegnanti e famiglie si vaccinano per proteggerla

Commenti disabilitati su Bambina trapiantata: compagni, insegnanti e famiglie si vaccinano per proteggerla

Fare l’Università in Giappone: Borse di studio a diplomati italiani per volare in Giappone e studiare all’ombra del Fuji

Commenti disabilitati su Fare l’Università in Giappone: Borse di studio a diplomati italiani per volare in Giappone e studiare all’ombra del Fuji

Stipendio, aumento docenti potrebbe essere inferiore a 70 euro. Soldi servono anche per i precari

Commenti disabilitati su Stipendio, aumento docenti potrebbe essere inferiore a 70 euro. Soldi servono anche per i precari

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti