Cosa deciderà Strasburgo sui diritti delle persone con sindrome di Down?

Sarà la Corte dei Diritti dell’Uomo a pronunciarsi sulla censura attuata nel 2014 dal Consiglio Superiore per l’Audiovisivo francese, nei confronti di “Dear Future Mom”, video promosso dal CoorDown, insieme ad altre organizzazioni internazionali, che grande risonanza ha ottenuto ovunque. I promotori di quella campagna, basata sul messaggio che anche «le persone con la sindrome di Down possono avere una vita felice», non hanno dubbi: venne violata la libertà di espressione delle persone con sindrome di Down, ciò che portò una delle organizzazioni coinvolte a ricorrere alla Corte di Strasburgo

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti