Coronavirus, è ufficiale: pandemia Vineis: «Alcuni Paesi sono in ritardo»

Per l’Organizzazione mondiale della sanità «non cambia la valutazione sulla minaccia». L’epidemiologo dell’Imperial College di Londra: «I giovani possono grandemente contribuire, con i loro stili di vita, a diffondere l’epidemia alle fasce più vulnerabili»

Leggi Tutto

Fonte Corriere.it – Salute

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti