Corea del Nord, la bomba H “arma potente che funziona come il Sole” e con “effetti devastanti”

La bomba all’idrogeno o bomba H, testata dalla Corea del Nord, è “un’arma potente che funziona come il sole, ovvero basandosi sullo stesso processo che avviene per la liberazione dell’energia solare, ed è molto più potente rispetto alla bomba atomica sganciata su Hiroshima poiché l’energia rilasciata è maggiore”. A chiarire all’Ansa la portata dell’ordigno nucleare utilizzato da Pyongyang è il fisico del Cnr Valerio Rossi Albertini, secondo cui, tuttavia, c’è anche “il rischio che si tratti solo di propaganda e che la Corea del Nord non abbia in realtà testato la bomba H ma utilizzato un ordigno convenzionale, sia pure molto più potente”. Il test, “cinque volte potente la bomba su Nagasaki” secondo Pyongyang, ha comunque generato una onda lunga di reazioni di molti leader mondiali Putin e Xi Jiping inclusi: le continue provocazioni di Kim Jong-un hanno fatto infuriare Donald Trump che in un tweet ha definito il paese uno “stato canaglia”

La bomba H, spiega il fisico, “utilizza una tecnologia diversa rispetto alla bomba atomica di Hiroshima, che si basa sulla stessa tecnologia delle centrali nucleari oggi in funzione: per la bomba che distrusse Hiroshima si utilizzano cioè due metalli pesanti, l’uranio e il plutonio, e l’energia rilasciata nell’esplosione è determinata dalla frammentazione, o fissione, dei nuclei degli atomi, da qui il nome di bomba a fissione nucleare. Al contrario, la bomba H funziona con un meccanismo opposto: non frammenta i nuclei dei metalli pesanti, ma aggrega i nuclei di elementi leggeri come è l’idrogeno sprigionando energia, da cui il nome di bomba a fusione nucleare”. La bomba H, sottolinea, “è molto più potente rispetto a quella nucleare ‘convenzionale’ di Hiroshima e utilizza lo stesso processo di fusione nucleare che avviene nel Sole, dove i nuclei degli atomi si fondono liberando energia solare”. Se un simile ordigno “di dimensioni convenzionali venisse sganciato per ipotesi su una città, distruggerebbe diversi quartieri, con effetti devastanti sul circondario“.

In realtà, la bomba H è già stata testata da varie potenze nucleari: la prima più grande, nota come bomba ‘Zar’, fu fatta esplodere in Russia nel 1961, e sono noti i test Usa sull‘isola di Bikini nel 1958 e quelli francesi di Mururoa negli anni ’80. Comunque, afferma Albertini, “se le esplosioni rilevate dimostrano che la Corea del Nord è in possesso di una tecnologia nucleare, ritengo non sia invece certo che l’ultima testata sia effettivamente una bomba all’idrogeno, e potrebbe anche trattarsi solo di propaganda”.

Infatti, precisa, “l’entità dell’esplosione e dei successivi terremoti registrati è compatibile anche con l’utilizzo di una bomba a fissione convenzionale ma di maggiore potenza rispetto a quella di Hiroshima, sempre ammesso che la Corea sia in possesso di materiale nucleare come plutonio e uranio”. Insomma, conclude l’esperto, “la potenza di deflagrazione dell’ultimo test di Pyongyang apre a due possibilità, essendo compatibile o con l’utilizzo di una bomba ‘convenzionale’ come quella utilizzata per Hiroshima ma di maggiore potenza, o con l’utilizzo di una bomba H ma di dimensioni limitate”.

L’articolo Corea del Nord, la bomba H “arma potente che funziona come il Sole” e con “effetti devastanti” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Facciamo una pausa… e chiediamo

Commenti disabilitati su Facciamo una pausa… e chiediamo

Siracusa. Rinvio a giudizio per i giornalisti della “Civetta” e dell’ “Isola dei cani”

Commenti disabilitati su Siracusa. Rinvio a giudizio per i giornalisti della “Civetta” e dell’ “Isola dei cani”

Ecuador, gli aiuti alimentari alle famiglie del Paese latino americano ma anche tablet e cellulari per gli studenti

Commenti disabilitati su Ecuador, gli aiuti alimentari alle famiglie del Paese latino americano ma anche tablet e cellulari per gli studenti

Cannabis light, EasyJoint: “Ben vengano i controlli dei NAS, legittimano l’operazione”

Commenti disabilitati su Cannabis light, EasyJoint: “Ben vengano i controlli dei NAS, legittimano l’operazione”

Cile, la missione nel Paese latinoamericano per indagare sulle gravi violazioni: già 18 morti per le strade

Commenti disabilitati su Cile, la missione nel Paese latinoamericano per indagare sulle gravi violazioni: già 18 morti per le strade

Verso una nuova idea di impresa: L’Oréal riconosciuta come una delle aziende più etiche al mondo

Commenti disabilitati su Verso una nuova idea di impresa: L’Oréal riconosciuta come una delle aziende più etiche al mondo

Sudafrica, “Anni di impunità per i crimini contro gli stranieri alla base degli ultimi attacchi”

Commenti disabilitati su Sudafrica, “Anni di impunità per i crimini contro gli stranieri alla base degli ultimi attacchi”

La nuova frontiera del biometano. Conferenza nazionale 6 febbraio 2017, Bologna

Commenti disabilitati su La nuova frontiera del biometano. Conferenza nazionale 6 febbraio 2017, Bologna

Alessandro Manzoni, anche la «mia peste» all’inizio fu sottovalutata…

Commenti disabilitati su Alessandro Manzoni, anche la «mia peste» all’inizio fu sottovalutata…

Prigioni minorili, bassa recidiva: i numeri premiano la ‘messa alla prova’

Commenti disabilitati su Prigioni minorili, bassa recidiva: i numeri premiano la ‘messa alla prova’

Aumentano i morti nelle strade catanesi

Commenti disabilitati su Aumentano i morti nelle strade catanesi

Arabia Saudita, Jeddah: l’ira dei giovani per la cancellazione del concerto di Nicki Minaj

Commenti disabilitati su Arabia Saudita, Jeddah: l’ira dei giovani per la cancellazione del concerto di Nicki Minaj

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti