Contratto, Anief: l’aumento sarà di soli 66 euro. Ricorso unica via per il recupero delle somme spettanti

Da un’analisi dei testi e delle tabelle allegate al ddl, si può dire con certezza che i 3,3 milioni di dipendenti pubblici possono dire addio agli 85 euro medi stabiliti a lavoratore pubblico, peraltro già di per sé largamente insufficiente a risalire la china rispetto al costo della vita: in base ai finanziamenti previsti dalle ultime due Leggi di Stabilità, sono infatti in arrivo aumenti mensili di appena 14 euro per ogni statale per gli arretrati 2016 e 2017; poi, dal prossimo 1° gennaio, l’incremento medio sarà di soli 66 euro. Vanno invece nel dimenticatoio le somme dell’ultimo quadrimestre 2015, previste diversamente da una puntuale sentenza della Corte Costituzionale.

Ai sensi dell’art. 58 del disegno di legge n. 2960, infatti, sono stati stanziati per gli statali la miseria di 300 milioni di euro per il 2016 che si aggiungono ai 900 milioni per il 2017 e 2,850 miliardi per il 2018. “Tali somme – spiega Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e Udir – eludono proprio il fatto che la Corte costituzionale abbia sbloccato il contratto dal settembre 2015, mese in cui il Governo avrebbe dovuto anche sbloccare l’adeguamento dell’indennità di vacanza contrattuale al tasso di inflazione, programmata al netto dell’aumento del costo della vita registrato negli ultimi dieci anni. Un’eventuale firma del contratto, d’altronde, assorbirebbe proprio quell’anticipo dell’indennità di vacanza contrattuale che è bloccato ai valori registrati nel 2008”.

Il sindacalista autonomo si sofferma sul fatto che “siamo giunti ad un paradosso: se non si firma il contratto al lavoratore spettano 80 euro e dal 2015, ma se si firma gliene toccano 31 e dal 2016. Ecco perché a queste condizioni è decisamente meglio non sottoscrivere alcun contratto. Il solo adeguamento dell’indennità di vacanza contrattuale al 50 per cento del costo dell’inflazione registrata e programmata, da rivendicare in tribunale, porterebbe invece incrementi di 120 euro”, conclude Pacifico.

Il giovane sindacato annuncia quindi battaglia in Parlamento, dove chiederà, in audizione, almeno di trovare i finanziamenti pubblici per ancorare da subito gli stipendi al 50 per cento dell’aumento del costo dell’inflazione registrata dal 2008 a partire dal settembre 2015. Si tratta di aumenti mensili incluse le annualità trascorse di 105 euro a dipendente, il doppio per i dirigenti come sostiene anche Udir.

Di sicuro, in ogni caso, solo presentando ricorso con Anief è possibile da subito recuperare il 7% dello stipendio da settembre 2015, come già confermato dalla Corte Costituzionale. Tutti i dipendenti interessati, possono utilizzare i modelli di diffida per ancorare almeno lo stipendio al 50% della spinta inflattiva, come previsto dall’articolo 36 della Costituzione. È possibile anche pre-aderire direttamente al ricorso.

Parallelamente, anche Udir ha predisposto, per i dirigenti scolastici, il ricorso per lo sblocco dell’indennità di vacanza contrattuale. L’obiettivo dichiarato dell’Udir, attraverso l’invio di una formale diffida all’amministrazione, è quello di ottenere 7.251,62 euro di arretrati comprensivi di un aumento mensile di 101, 57 euro a partire dal 2018. Per informazioni ulteriori o adesioni cliccare qui.

05 novembre 2017

Ufficio Stampa Anief

L’articolo Contratto, Anief: l’aumento sarà di soli 66 euro. Ricorso unica via per il recupero delle somme spettanti sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

https://www.orizzontescuola.it/contratto-anief-laumento-sara-soli-66-euro-ricorso-unica-via-recupero-delle-somme-spettanti/

Leggi Tutto

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

adminreal

Related Posts

Veneto: quasi 8.000 cattedre vuote per i precari

Commenti disabilitati su Veneto: quasi 8.000 cattedre vuote per i precari

La scuola in tempi di pandemia. Lettera

Commenti disabilitati su La scuola in tempi di pandemia. Lettera

I permessi della legge 104 fanno maturare le ferie: sentenza della Corte di Cassazione

Commenti disabilitati su I permessi della legge 104 fanno maturare le ferie: sentenza della Corte di Cassazione

Bonus merito, Gilda: deve servire per premiare solo insegnanti. Parere Funzione Pubblica in lockdown

Commenti disabilitati su Bonus merito, Gilda: deve servire per premiare solo insegnanti. Parere Funzione Pubblica in lockdown

Il Preside dirigente non serve a nulla. Lettera

Commenti disabilitati su Il Preside dirigente non serve a nulla. Lettera

PAS, requisito di accesso: tre anni di servizio, non 36 mesi

Commenti disabilitati su PAS, requisito di accesso: tre anni di servizio, non 36 mesi

Bando contributi INPS e SNA per master universitari: domande dal 9 gennaio

Commenti disabilitati su Bando contributi INPS e SNA per master universitari: domande dal 9 gennaio

FLCGIL: irresponsabile rinviare le assunzioni al prossimo anno, siamo pronti allo sciopero

Commenti disabilitati su FLCGIL: irresponsabile rinviare le assunzioni al prossimo anno, siamo pronti allo sciopero

Didattica a distanza, Azzolina: state vicini ai 270mila alunni con disabilità

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, Azzolina: state vicini ai 270mila alunni con disabilità

PAS, ancora discriminazione: non considerati alcuni servizi e limite degli ultimi otto anni. Lettera

Commenti disabilitati su PAS, ancora discriminazione: non considerati alcuni servizi e limite degli ultimi otto anni. Lettera

Rebibbia, in aumento i detenuti studenti. Questa sera cena con Mattarella

Commenti disabilitati su Rebibbia, in aumento i detenuti studenti. Questa sera cena con Mattarella

L’inclusione a tutti i costi non paga. Lettera

Commenti disabilitati su L’inclusione a tutti i costi non paga. Lettera

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti