Contratto, Anief: bonus 107 in contrattazione strada poco percorribile e a rischio effetto boomerang

I due importi annuali, conferiti agli insegnanti, sono rispettivamente pari a 381,137 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2015 e a 200 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2016. Sul primo, il bonus merito, non si capisce, ad esempio, come potrebbe essere portato in busta paga un compenso accessorio soggetto oggi a valutazione discrezionale del dirigente scolastico. Per attuare un’operazione del genere, quindi, occorrerebbe agire con una modifica normativa che, come ha anche fatto osservare il presidente Aran Sergio Gasparrini, non compete di certo al tavolo contrattuale ma alla politica.

Ancora meno fattibile appare la trasposizione delle somme destinate alla formazione dei docenti: se è vero che portarle in busta paga farebbe diventare il bonus strutturale e non soggetto a rifinanziamento annuale, è altrettanto vero che vorrebbe dire sottoporlo a tassazione, con conseguente diminuzione del netto utile. In pratica, oggi un docente ha a disposizione 500 euro effettive per acquisti formativi di vario genere; portando in busta paga quella cifra, andrebbe a percepire circa la metà della somma.

Infine, vanno fatti due calcoli. Considerando che la somma dei bonus annuali corrisponde a 600 milioni di euro e che va divisa per circa un milione e 100mila euro, dovendo inserire nel computo anche il personale Ata, gli educatori e tutte le figure professionali che ora non accedono ai bonus merito e formazione, si ottengono poco più di 40 euro mensili lordo Stato, che al netto delle trattenute e della previdenza corrispondono a 20 euro mensili netti in più al mese. La domanda allora è: vale la pena per un esiguo aumento mensile, 20 euro al mese, ritrovarsi con un carico di lavoro maggiore? Sicuramente no.

“Ma l’aspetto sinora non considerato e forse ancora più paradossale – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – è che salterebbe la possibilità di rendicontarne la spesa, aprendo al rischio di indurre la parte pubblica a chiedere uno scambio in termini di ore obbligatorie di formazione per aggiornamento. Mentre oggi non esiste una quantificazione. In pratica, i sindacati rappresentativi stanno provando a far passare per aumento stipendiale ciò che strutturalmente non lo è, con il rischio di trasformare la proposta in un vero boomerang, che potrebbe aprire la strada a un aumento di fatto dell’orario di servizio, qualora il bonus 500 euro in busta paga dovesse tradursi in ore di aggiornamento obbligatorie e quantificate”.

“Di fatto, si compirebbe un vero e proprio suicidio economico. Per quanto riguarda invece il bonus merito, tanto vale chiedere l’abolizione della stessa procedura prevista dalla Buona Scuola e procedere con la redistribuzione delle somme stanziate per gli aumenti in busta paga a pioggia”, conclude il presidente nazionale Anief.

05 gennaio 2018

Ufficio Stampa Anief

L’articolo Contratto, Anief: bonus 107 in contrattazione strada poco percorribile e a rischio effetto boomerang sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Concorsi ordinari e revisione decreto salva-precari, lo stato dell’arte. Cosa farà Fioramonti

Commenti disabilitati su Concorsi ordinari e revisione decreto salva-precari, lo stato dell’arte. Cosa farà Fioramonti

Retribuzione della malattia con diversi contratti, gravi patologie e computo

Commenti disabilitati su Retribuzione della malattia con diversi contratti, gravi patologie e computo

Invalsi 2020. Bandi per osservatori esterni, anche laureati e diplomati. I compensi. Aggiunta Sicilia

Commenti disabilitati su Invalsi 2020. Bandi per osservatori esterni, anche laureati e diplomati. I compensi. Aggiunta Sicilia

I precari non chiedono una sanatoria, ma di essere valutati per titoli. Lettera

Commenti disabilitati su I precari non chiedono una sanatoria, ma di essere valutati per titoli. Lettera

Ruolo su sostegno senza concorso? No, le regole valgono per tutti. Lettera

Commenti disabilitati su Ruolo su sostegno senza concorso? No, le regole valgono per tutti. Lettera

Didattica a distanza, un “peer to peer” tra scuole per la formazione

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, un “peer to peer” tra scuole per la formazione

No a regionalizzazione; unità d’Italia conquistata con il sangue. Lettera

Commenti disabilitati su No a regionalizzazione; unità d’Italia conquistata con il sangue. Lettera

Concorso DSGA, attesa per la banca dati di 4mila quesiti. Le info

Commenti disabilitati su Concorso DSGA, attesa per la banca dati di 4mila quesiti. Le info

Precari con tre anni sul sostegno chiedono di partecipare al concorso straordinario

Commenti disabilitati su Precari con tre anni sul sostegno chiedono di partecipare al concorso straordinario

Scuolabus gratis per gli studenti sardi per contrastare la dispersione

Commenti disabilitati su Scuolabus gratis per gli studenti sardi per contrastare la dispersione

Orientare alle differenze: il lavoro del futuro passa attraverso l’integrazione delle diversità

Commenti disabilitati su Orientare alle differenze: il lavoro del futuro passa attraverso l’integrazione delle diversità

Insegnanti delle scuole italiane all’estero, UIL: vale il contratto nazionale

Commenti disabilitati su Insegnanti delle scuole italiane all’estero, UIL: vale il contratto nazionale

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti