Conflitti di interesse e salute. Come industrie e istituzioni condizionano le scelte del medico

conflittidinteresseDi M. Bobbio

[recensione uscita su Slow Medicine]

Riproponiamo di seguito una recensione di Conflitti di interesse e salute. Come industrie e istituzioni condizionano le scelte del medico di Nerina Dirindin, Chiara Rivoiro, Luca De Fiore (Il Mulino, Bologna 2018).

Canto la canzone di chi mi dà il pane è uno dei tanti proverbi che si tramandano in diverse culture popolari a sottolineare un concetto comune: chi riceve un regalo è condizionato dal donatore. Spesso il buon senso popolare viene utilizzato per giudicare l’operato degli altri più che il proprio; come risulta da alcune ricerche, molti medici affermano di non essere influenzati dalla propaganda aziendale, mentre gran parte dei loro colleghi sì. Da qui nasce la constatazione, presente in tutta l’accurata e lucida analisi di Dirindin, Rivoiro e De Fiore, che il problema principale dell’interazione molesta tra il mondo dell’industria sanitaria (chi produce farmaci, dispositivi e offre servizi) e il mondo dei professionisti della sanità (ricercatrici e ricercatori, mediche e medici, infermiere e infermieri, ostetrici e ostetriche, manager, giornaliste e giornalisti) riguarda la mancanza di consapevolezza che anche piccoli regali possano influenzare in modo determinate e subdolo la propria indipendenza, danneggiare l’immagine della propria moralità e minare la fiducia dei pazienti. «Il conflitto di interessi è un rischio» – ribadiscono gli autori – «per l’integrità del sistema, perché rappresenta una condizione raramente riconosciuta come critica». Il libro riporta la ricchissima e interessante letteratura scientifica riguardante ricerche che documentano pesanti e misconosciuti condizionamenti da parte di chi svolge ricerche, di chi scrive articoli scientifici, di chi prescrive farmaci, di chi gestisce gli ospedali, di chi promuove l’aggiornamento, di chi dirige società scientifiche. Come sostengono gli autori, elemento cruciale di un auspicabile cambiamento consiste nel creare la consapevolezza dei rischi legati a chi dà il pane (soprattutto nei giovani professionisti più vulnerabili alle lusinghe di piccole gratificazioni e senza una sufficiente esperienza sulla mendacità di molta propaganda) perché l’approccio preventivo è più efficace di quello normativo/repressivo. Si tratta di affrontare una strada irta di ostacoli e di incomprensioni; una strada che è indispensabile iniziare a percorrere per il bene del sistema sanitario, per ricreare un rapporto fiduciario medico/paziente e in ultima analisi per garantire cure scevre da condizionamenti economici. Un libro che soprattutto gli studenti di medicina e i giovani professionisti dovrebbero leggere per sapere come evitare le facili lusinghe di chi ti fa cantare la sua canzone.

Leggi Tutto

Fonte forumsalutementale.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Il gruppo di lavoro. Esiste ancora?

Commenti disabilitati su Il gruppo di lavoro. Esiste ancora?

Tornavo da Trieste. 4

Commenti disabilitati su Tornavo da Trieste. 4

Jefferson Garcia Tomala

Commenti disabilitati su Jefferson Garcia Tomala

C’è bisogno di intellettuali riluttanti

Commenti disabilitati su C’è bisogno di intellettuali riluttanti

Ma a lei, dottor Basaglia, interessa più il malato o la malattia?

Commenti disabilitati su Ma a lei, dottor Basaglia, interessa più il malato o la malattia?

Cattive notizie dall’unione europea

Commenti disabilitati su Cattive notizie dall’unione europea

La costruzione partecipata della rete pugliese per la tutela della salute mentale

Commenti disabilitati su La costruzione partecipata della rete pugliese per la tutela della salute mentale

Sui fatti di Trieste ho qualcosa da dire

Commenti disabilitati su Sui fatti di Trieste ho qualcosa da dire

Cosa è successo all’ospedale di Bergamo?

Commenti disabilitati su Cosa è successo all’ospedale di Bergamo?

Di cosa parliamo quando parliamo di taser

Commenti disabilitati su Di cosa parliamo quando parliamo di taser

La scuola degli spiazzi. La città che cura

Commenti disabilitati su La scuola degli spiazzi. La città che cura

Le discariche umane sono un focolaio annunciato

Commenti disabilitati su Le discariche umane sono un focolaio annunciato

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti