Concorso ordinario infanzia e primaria, “dove è andato a finire?”

Noi laureati in Scienze della Formazione Primaria ci sentiamo delle mosche bianche a non chiedere al Ministro di turno scorciatoie e sanatorie. Vogliamo un concorso vero! Esiste il Decreto Ministeriale del 9 aprile 2019 e un regolamento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 7 maggio 2019, i 60 giorni per la pubblicazione del bando sono scaduti da ormai 3 mesi.

È semplicemente vergognoso! È vergognoso che da settembre 2019, là dove le graduatorie a esaurimento e di merito siano terminate, si assuma al 100% da concorso straordinario, ossia da una prova orale non selettiva.
Da questo concorso- farsa, la cui procedura si è conclusa a luglio 2019, sono stati esclusi quasi tutti i laureati in Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento. Molti di loro hanno fatto ricorso per partecipare.

I ricorsi sono stati rigettati in virtù del fatto che, se indetti parallelamente i concorsi, ordinario e straordinario, non ci sarebbe stata discriminazione tra abilitati, ma pari opportunità. Così preannunciava la politica. Così non è stato. A parte la discriminazione e la disequità a monte, ma a valle neanche una dura selezione per i giovani e meno giovani insegnanti laureati?

Quante volte dovremo scendere in piazza per ribadire concetti lapalissiani, come il diritto dei bambini e delle bambine ad avere docenti preparati e selezionati? Quante volte dovremo ancora sentire che per insegnare basta la sola esperienza sul campo? La stabilizzazione nel pubblico impiego è prerogativa di chi arriva prima, di nonnismo da caserma militare, non di competenza, conoscenza, formazione, che siano pensate e di qualità? Quante assurdità dovremo ancora ascoltare e leggere?

Vogliamo il cambiamento, sì, ma non di bandiera. Vogliamo un cambiamento, che metta al centro la cultura e l’istruzione, che promuova la professionalità, l’etica, la morale; quello che spiega alle persone che lo studio è necessario, perché i traguardi facili, senza sacrificio, non sono traguardi.

Chiediamo al ministro Fioramonti di aprire le consultazioni e di intervenire sugli scempi che stanno perpetrando a scuola, che è diventata un ammortizzare sociale, un bacino di voti, un “do ut des”, non l’istituzione democratica, didattica e formativa per eccellenza, non il luogo educativo dei nostri bambini e ragazzi, che saranno il futuro di questo Paese.

Una nazione che registra una percentuale così bassa di laureati è destinata al sottosviluppo. E siamo d’accordo con le recenti affermazioni dell’on. Lucia Azzolina, oggi sottosegretario di Stato del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che pensa alla scuola come un investimento e non come spesa.

Come docenti, abbiamo il dovere di guidare la futura classe dirigenziale, di rendere ogni singolo bambino un cittadino di domani, attivo e consapevole.

Coordinamento Nazionale Scienze della Formazione Primaria Nuovo Ordinamento

L’articolo Concorso ordinario infanzia e primaria, “dove è andato a finire?” sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Protesta ricercatori al Miur. Sinistra Italiana: si stanzino risorse necessarie alla stabilizzazione

Commenti disabilitati su Protesta ricercatori al Miur. Sinistra Italiana: si stanzino risorse necessarie alla stabilizzazione

Docente sospesa, viviamo nella società del “non pensiero”. Lettera

Commenti disabilitati su Docente sospesa, viviamo nella società del “non pensiero”. Lettera

Tutti i docenti colpevoli come Rosa Dell’Aria! Lettera

Commenti disabilitati su Tutti i docenti colpevoli come Rosa Dell’Aria! Lettera

Zaia: Stato riconosca davvero le scuole paritarie, risorsa per il Paese

Commenti disabilitati su Zaia: Stato riconosca davvero le scuole paritarie, risorsa per il Paese

Maturità, al via la campagna di sensibilizzazione della Polizia di Stato contro fake news. Video

Commenti disabilitati su Maturità, al via la campagna di sensibilizzazione della Polizia di Stato contro fake news. Video

Concorso a cattedra, posso partecipare con i miei titoli? Cosa devo studiare? Consulenza gratuita

Commenti disabilitati su Concorso a cattedra, posso partecipare con i miei titoli? Cosa devo studiare? Consulenza gratuita

Didattica a distanza, nuove responsabilità: dirigenti, docenti e genitori devono vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi informatici

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, nuove responsabilità: dirigenti, docenti e genitori devono vigilare sul corretto utilizzo dei dispositivi informatici

Usura psicofisica dell’insegnante, qual è la causa principale?

Commenti disabilitati su Usura psicofisica dell’insegnante, qual è la causa principale?

Didattica a distanza, sondaggio Uil Puglia: oltre 44% famiglie senza device

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, sondaggio Uil Puglia: oltre 44% famiglie senza device

Mobilità annuale per docente che ha presentato domanda di trasferimento: è possibile partecipare in presenza dei requisiti necessari

Commenti disabilitati su Mobilità annuale per docente che ha presentato domanda di trasferimento: è possibile partecipare in presenza dei requisiti necessari

Rientro a scuola, CNDDU: elaborare misure ad hoc in base a età personale

Commenti disabilitati su Rientro a scuola, CNDDU: elaborare misure ad hoc in base a età personale

Di Meglio (Gilda): Fioramonti propone di abolire bonus merito, ottima notizia

Commenti disabilitati su Di Meglio (Gilda): Fioramonti propone di abolire bonus merito, ottima notizia

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti