Concorso DS, Turi: ora il ministero inventa le gerarchie delle riserve

Si fa l’elenco delle ammissioni con riserve delle riserve, quando ufficialmente, pur non entrando nel merito, il Consiglio di Stato ha già stabilito che l’interesse prevalente è quello pubblico, anche in presenza di legittimi diritti soggettivi.

Pensare di accantonare centinaia di posti rischia di rendere vana l’intera organizzazione del dopo concorso, mettendo l’intero procedimento in mano a ricorsi.
Un risultato che immobilizza tutto, con il rischio di un successivo effetto domino disastroso, con risultati inimmaginabili in termini di ricorsi e controricorsi.

Non si possono creare gerarchie tra le riserve. Tutti i candidati che si trovano in posizione utile per essere nominati devono prendere servizio il primo settembre.
La burocrazia e le procedure non possono andare contro il buon senso – chiarisce il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi.

Se le procedure amministrative giudiziarie non fossero superabili dalla prassi – mette in evidenza Turi – il ministro e il governo sono invitati ad agire legislativamente anche in virtù dell’annunciato decreto legge che dovrebbe essere presentato a breve.

Si potranno così anticipare i tempi di un film già visto: giocare d’anticipo per trovare i rimedi per legittimare le posizioni dei canditati, sia vincitori con riserva ‘uno’, sia quelli con riserva ‘due’, sia coloro che ancora hanno in piedi un ricorso. Si dovrebbero evitare strade percorse negativamente nei concorsi precedenti, insieme agli effetti che ancora oggi influiscono pesantemente sul sistema.

Nel dettaglio – mette in evidenza la responsabile del Dipartimento Dirigenti della Uil Scuola, Rosa Cirillo- l’inserimento in graduatoria di merito per tutti, riserverà per alcuni un asterisco, il che significa scegliere la regione in cui il posto viene ‘congelato’, in attesa che il giudice si pronunci.

Il concorso ha già subito difficoltà e ricorsi tali da mettere in pericolo la nomina stessa dei candidati – continua Cirillo – e l’amministrazione ha utilizzato, in difesa del concorso, la motivazione di “urgenza” e di “utilità pubblica” che non può essere dimenticata per chi ha comunque dimostrato di aver superato tutte le prove del concorso con competenza e conoscenza e che non possono essere disperse in questo momento, tanto da inserirli nella graduatoria di merito con il proprio punteggio delle prove e dei titoli.

Procedendo all’accantonamento dei posti spettanti si lasciano altrettante scuole, ancora senza dirigente.
In pratica, mettere in riserva e dunque bloccare di fatto la situazione di malcapitate scuole – sottolinea Rosa Cirillo – significa iniziare l’anno scolastico con ulteriori reggenze la cui durata non è prevedibile.

Il risultato è ancora una volta quello di far pagare alle scuole il costo di disservizi, che il buon senso può prevenire.

L’articolo Concorso DS, Turi: ora il ministero inventa le gerarchie delle riserve sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Riforma sostegno, Rapisarda: continuità didattica solo stabilizzando i posti in deroga

Commenti disabilitati su Riforma sostegno, Rapisarda: continuità didattica solo stabilizzando i posti in deroga

Crolla il solaio, a Napoli scuola chiusa

Commenti disabilitati su Crolla il solaio, a Napoli scuola chiusa

Mense scolastiche: Nas sequestrano 900 kg di cibo, 21 ditte sospese

Commenti disabilitati su Mense scolastiche: Nas sequestrano 900 kg di cibo, 21 ditte sospese

In salute e in malattia, ma i bambini?

Commenti disabilitati su In salute e in malattia, ma i bambini?

Bando sussidi scolastici Fondo ex Ipost, domande entro il 23 dicembre

Commenti disabilitati su Bando sussidi scolastici Fondo ex Ipost, domande entro il 23 dicembre

Coronavirus, Mattarella: ringrazio i docenti che restano in contatto con gli studenti

Commenti disabilitati su Coronavirus, Mattarella: ringrazio i docenti che restano in contatto con gli studenti

Lezioni in presenza anche fuori della scuola: un manifesto contro la DaD

Commenti disabilitati su Lezioni in presenza anche fuori della scuola: un manifesto contro la DaD

Sostegno: no esonero insegnamento per componenti GIT, spetterà compenso

Commenti disabilitati su Sostegno: no esonero insegnamento per componenti GIT, spetterà compenso

“Scuole sicure”, a scuole umbre assegnati 139mila euro

Commenti disabilitati su “Scuole sicure”, a scuole umbre assegnati 139mila euro

Supplenze: ITP illegittimamente ancora in seconda fascia, sintesi della normativa

Commenti disabilitati su Supplenze: ITP illegittimamente ancora in seconda fascia, sintesi della normativa

Centinaia di studenti in piazza per la copertura totale delle borse di studio

Commenti disabilitati su Centinaia di studenti in piazza per la copertura totale delle borse di studio

Fioramonti: tema di storia ritorna alla maturità, ma occorre diverso modo di insegnare

Commenti disabilitati su Fioramonti: tema di storia ritorna alla maturità, ma occorre diverso modo di insegnare

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti