Con governo M5S Pd quale sorte per precari della scuola? Lettera

L’unione tra M5s e PD sancirebbe l’eliminazione definitiva di noi docenti precari, salvo un intervento massiccio dei sindacati che, ricordiamolo, non scrivono e approvano le leggi.

L’avvento di Zingaretti ha fatto sentire all’interno del PD un rantolo di sinistra, ma sarà veramente così? Soluzioni per il lavoro, soprattutto quello precario, si trovano nell’agenda del nuovo e rinnovato PD?

Camilla Sgambato, neo-responsabile scuola del Partito Democratico, rilasciava la seguente dichiarazione in merito al PAS lo scorso luglio, su Orizzonte Scuola: “Penso che il governo abbia deciso di procedere con una sanatoria che, come tutte le sanatorie, temo non risolverà i problemi strutturali che si ripresenteranno tra qualche anno. E poi bisogna cominciare davvero a tenere insieme diritti degli studenti con diritti dei docenti, in modo equilibrato. Comunque, aspettiamo di vedere cosa proporrà il governo che mi pare anche molto diviso al suo interno su questa opzione”

Dunque il principale partito di sinistra del paese, definisce “sanatoria” un provvedimento a tutela dei lavoratori precari. Neanche un’incombente procedura d’infrazione Europea per abuso di precariato nel pubblico impiego sembra far ragionare il nuovo PD, che in tempi meno sospetti si trovava già allineato con le posizioni ufficiali del M5s.

Sia ben chiaro che, oltre 55000 precari, insieme ai sindacati, sono pronti a lottare duramente per la tutela e la stabilità del lavoro.

Anche a settembre saremo in cattedra ed è ora che la politica riconosca il ruolo fondamentale che da anni svolgiamo nel sistema pubblico d’istruzione

L’articolo Con governo M5S Pd quale sorte per precari della scuola? Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

50 docenti dell’IIS Giorgi di Milano scrivono alla docente sospesa. Lettera

Commenti disabilitati su 50 docenti dell’IIS Giorgi di Milano scrivono alla docente sospesa. Lettera

EduFootprint “L’impronta energetica delle scuole nelle città mediterranee”

Commenti disabilitati su EduFootprint “L’impronta energetica delle scuole nelle città mediterranee”

Mobilità, CNDDU: questione esiliati legge 107 mai presa in considerazione

Commenti disabilitati su Mobilità, CNDDU: questione esiliati legge 107 mai presa in considerazione

Supplenze ITP: chiarimenti su permanenza o depennamento da II fascia istituto

Commenti disabilitati su Supplenze ITP: chiarimenti su permanenza o depennamento da II fascia istituto

Piero Angela, ancora troppo analfabetismo digitale e le scuole non insegnano metodo scientifico

Commenti disabilitati su Piero Angela, ancora troppo analfabetismo digitale e le scuole non insegnano metodo scientifico

TFA sostegno, accolto ordine del giorno per rinviare al VI ciclo “sconto” preselettiva a docenti con tre anni di servizio specifico

Commenti disabilitati su TFA sostegno, accolto ordine del giorno per rinviare al VI ciclo “sconto” preselettiva a docenti con tre anni di servizio specifico

Dispersione al 14,5%, Corte dei Conti: “didattica rigida” e povertà le cause. Sfruttare fondi UE

Commenti disabilitati su Dispersione al 14,5%, Corte dei Conti: “didattica rigida” e povertà le cause. Sfruttare fondi UE

Coronavirus, M5S: cinema e teatri chiusi, radio e TV diano spazio a temi culturali

Commenti disabilitati su Coronavirus, M5S: cinema e teatri chiusi, radio e TV diano spazio a temi culturali

Linee guida, Pittoni (Lega): Azzolina scaricabarile su Regioni, Usr, scuole

Commenti disabilitati su Linee guida, Pittoni (Lega): Azzolina scaricabarile su Regioni, Usr, scuole

Mobilità intercompartimentale, richieste docenti e Ata: precisazioni

Commenti disabilitati su Mobilità intercompartimentale, richieste docenti e Ata: precisazioni

A Chicago insegnanti scioperano anche 10 giorni, e in Italia? Lettera

Commenti disabilitati su A Chicago insegnanti scioperano anche 10 giorni, e in Italia? Lettera

Ascani: docenti devono cambiare metodi didattica. Sì a tecnologia, ma cellulare ultimo strumento da utilizzare

Commenti disabilitati su Ascani: docenti devono cambiare metodi didattica. Sì a tecnologia, ma cellulare ultimo strumento da utilizzare

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti