Competenze linguistiche studenti, che fine ha fatto l’appello dei 600 docenti universitarie? Lettera

Solito more in Italia si fa soltanto rumore e poi cala il silenzio, perché tutto finisce nel vuoto e nella dimenticanza. I risultati delle prove Invalsi sulle competenze linguistiche hanno prepotentemente riacceso il problema portandolo alla ribalta nella sua evidente drammaticità.

Sappiamo ormai (e lo sanno anche i muri) che gli studenti leggono spesso stentatamente, non rispettano la punteggiatura, sbagliano nella pronuncia corretta dei vocaboli e, in più, non possiedono affatto l’espressività della lettura, in quanto la lettura stessa è espressione viva della lingua.

Leggere male impedisce all’ascoltatore di capire ciò che il lettore sta declamando attraverso la lettura ad alta voce. Molto spesso gli studenti non amano leggere a voce alta e bisogna dire che proprio la lettura ad alta voce permette a chi legge di udire con le proprie orecchie quello che si legge e così si impara a leggere bene e con tonalità espressiva.

Bisogna, quindi, che dalla scuola primaria fino all’università gli studenti debbano imparare a leggere tutti i tipi di testo e almeno due libri al mese. Gli studenti di oggi, purtroppo, hanno una vera e propria avversione alla lettura, non sono affatto appassionati ai libri. Preferiscono stare continuamente incollati ad uno smartphone a chattare e quando lo fanno scrivono senza rispettare la cognizioni elementari della buona grammatica.

Una cosa importante da fare per potenziare le abilità di lettura è abituare gli studenti a conoscere il lessico ossia il significato delle parole. Abituarli a portare sempre il dizionario della lingua italiana a scuola e dare loro la possibilità di ricercarvi il maggior numero di vocaboli possibili imparandone il significato perché gli studenti nativi digitali sono carenti nella conoscenza del significato delle parole e possiedono un vocabolario povero, striminzito e poco incisivo.

Non sanno argomentare un discorso lineare, corretto, asciutto, privo di ridondanze, ripetono sempre gli stessi vocaboli. È per questo motivo che è urgente potenziare soprattutto le abilità di base incominciando da quelle di lettura compiendo un percorso che giunge alla scrittura.

È assolutamente vergognoso che il Ministero dell’Istruzione e il Governo Italiano si siano altamente infischiati di un problema gravissimo che riguarda le competenze linguistiche di base degli studenti e che il grido d’allarme lanciato dai 600 docenti universitari non sia stato considerato. Si tratta di ben seicento professori universitari di spessore con tanti anni di studio e di ricerca e con tanto di pubblicazioni scientifiche, i quali allarmati dallo stato di “degrado” linguistico di scrittura e di lettura degli studenti avevano pensato di lanciare un allarme che doveva essere all’istante fatto proprio dal MIUR e dal Governo Italiano. Invece si è lasciato correre ed ora il problema già evidenziato dagli accademici è diventato cronico e incurabile. Anzi c’è bisogno di una forte cura da cavallo!

L’articolo Competenze linguistiche studenti, che fine ha fatto l’appello dei 600 docenti universitarie? Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Docente muore di infarto dopo aggressione genitori: chi ci tutela? Lettera

Commenti disabilitati su Docente muore di infarto dopo aggressione genitori: chi ci tutela? Lettera

Autonomia, Bonaccini: non vogliamo docenti regionali, ma garantire continuità didattica

Commenti disabilitati su Autonomia, Bonaccini: non vogliamo docenti regionali, ma garantire continuità didattica

Vizzini (Misto): DAD sfida persa basata solo su buone intenzioni e scarsa cultura

Commenti disabilitati su Vizzini (Misto): DAD sfida persa basata solo su buone intenzioni e scarsa cultura

Riapertura settembre, ecco su cosa si dovranno formare i docenti. BOZZA LINEE GUIDA

Commenti disabilitati su Riapertura settembre, ecco su cosa si dovranno formare i docenti. BOZZA LINEE GUIDA

In Sicilia mancano banchi monoposto, saranno segati quelli doppi per rispettare il metro tra studenti

Commenti disabilitati su In Sicilia mancano banchi monoposto, saranno segati quelli doppi per rispettare il metro tra studenti

Coronavirus, Azzolina in riunione con Ministri Ue: stanziare fondi straordinari per la scuola

Commenti disabilitati su Coronavirus, Azzolina in riunione con Ministri Ue: stanziare fondi straordinari per la scuola

Salvini: necessaria riforma università e scuola, deve valere merito non raccomandazione. Al centro lo studente

Commenti disabilitati su Salvini: necessaria riforma università e scuola, deve valere merito non raccomandazione. Al centro lo studente

Personale ATA con supplenza part-time verticale e anzianità di servizio inferiore a tre anni, calcolo ferie

Commenti disabilitati su Personale ATA con supplenza part-time verticale e anzianità di servizio inferiore a tre anni, calcolo ferie

Due milioni di giovani italiani non studiano né lavorano: debole il legame scuola-imprese

Commenti disabilitati su Due milioni di giovani italiani non studiano né lavorano: debole il legame scuola-imprese

Accordo tra Univda e ateneo Zaragoza per doppia laurea

Commenti disabilitati su Accordo tra Univda e ateneo Zaragoza per doppia laurea

Drago (M5S): per didattica a distanza si utilizzi un’unica piattaforma per istituto

Commenti disabilitati su Drago (M5S): per didattica a distanza si utilizzi un’unica piattaforma per istituto
Comitato <a href=#equoconcorso:  On. Azzolina alla guida del MIUR" title="Comitato #equoconcorso:  On. Azzolina alla guida del MIUR"/>

Comitato #equoconcorso:  On. Azzolina alla guida del MIUR

Commenti disabilitati su Comitato #equoconcorso:  On. Azzolina alla guida del MIUR

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti