Città del futuro, presentato progetto a Bussetti

Oltre 1500 bambini e ragazzi tra i tre e i diciotto anni, i loro insegnanti e i dirigenti scolastici di 53 scuole, di ogni ordine e grado, 87 classi, 60 architetti/tutor, 33 referenti degli Ordini Territoriali degli Architetti sono stati i protagonisti del primo anno di sperimentazione in 33 realtà territoriali. Principio fondamentale del Progetto – che è stato lanciato dall’VIII Congresso Nazionale degli Architetti italiani – è che compito fondamentale dell’architettura sia quello di migliorare la qualità della vita delle persone. Da qui l’esigenza di avviare un percorso di ricerca del quale siano autori bambini e ragazzi in quanto cittadini del presente, fruitori e autori di vissuti in città e centrali nel progetto di città del futuro. Il progetto ha avuto avvio lo scorso novembre e si è sviluppato durante tutto l’anno scolastico attraverso l’attività svolta nei singoli territori dagli architetti/tutor, in collaborazione con gli insegnanti che ha consentito attraverso incontri periodici di unire le singole esperienze in un progetto unitario. Per esplorare e dialogare con i luoghi ed elaborare la loro visione di città i bambini e i ragazzi hanno utilizzato scatti fotografici, filmati, diari di viaggio, appunti, schizzi, mappe, installazioni e plastici realizzati con i materiali più diversi che sono stati raccolti, in sintesi, in una Mostra. (a Roma, fino al 31 maggio all’Acquario Romano, Piazza Manfredo Fanti, 47)

Per Giuseppe Cappochin, Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti “la promozione della conoscenza dello spazio in cui viviamo, naturale e antropizzato, quindi del paesaggio e dell’architettura, incoraggia il senso di opportunità, di identità e di responsabilità, la collaborazione e l’interazione dell’intera comunità. Questo implica una grande responsabilità sociale nell’attivare politiche e processi in grado di assicurare la qualità dell’abitare. E’ importante che l’architettura entri nelle scuole per generare una cultura della domanda di architettura, a partire dall’idea che le persone e tra queste prima i bambini ed i ragazzi siano al centro del progetto città. Città che è intelligente quando riesce a valorizzare in modo sempre nuovo, diverso e sostenibile le risorse ambientali, culturali e soprattutto umane che la compongono, quando trova strade per offrire diritti ed avvicinare gli ultimi ai primi, quando è progettata con e per i bambini, i ragazzi, i disabili e gli anziani”.

“Pensare alla città del futuro – per Carla Rinaldi, Presidente di Fondazione Reggio Children – richiede la costruzione di un progetto di città, inteso come processo permanente di trasformazione a partire dai cittadini. E i primi cittadini sono proprio i bambini e i ragazzi, ricordando però che il bambino non è solo cittadino del futuro ma è cittadino del presente. Nasce cittadino e come tale è un soggetto forse più esperto di altri per rispondere a queste domande: qual è il significato di una città? com’è una città? come si può vivere in una città? ma soprattutto come può essere il futuro di una città e una citta futura. Attraverso questo progetto abbiamo seguito questa idea e abbiamo cercato di promuovere questa cultura della domanda, a partire dalla centralità della scuola come nodo culturale”.

I 33 territori pilota, individuati nella prima fase del Progetto, rappresentano grandi città e aree interne, zone periferiche e aree di particolare complessità e sono: Bologna, Catania, Como, Genova, La Spezia, Latina, Lecce, Lecco, Milano, Napoli, Novara, Taranto, Padova, Palermo, Prato, Ragusa, Ravenna, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Rimini, Roma, Rovigo, Sassari, Siena, Teramo, Trieste, Torino, Udine, Varese, Venezia, Verona, Vicenza.

La seconda edizione del Progetto che partirà a settembre, alla ripresa del prossimo anno scolastico, avrà, sulla scorta delle molteplici manifestazioni di interesse già pervenute, una diffusione capillare su tutto il territorio con l’obiettivo di diventare una occasione di confronto continuo tra architettura e scuola.

L’articolo Città del futuro, presentato progetto a Bussetti sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Sindacati proclamano stato agitazione: su concorso straordinario accordo totalmente inadeguato. Unica certezza 200 mila supplenze

Commenti disabilitati su Sindacati proclamano stato agitazione: su concorso straordinario accordo totalmente inadeguato. Unica certezza 200 mila supplenze

C’è accordo sulle scuole paritarie: fino a 300 milioni. Il Pd: era doveroso intervenire

Commenti disabilitati su C’è accordo sulle scuole paritarie: fino a 300 milioni. Il Pd: era doveroso intervenire

Coronavirus ed Erasmus+, aggiornamento indicazioni Commissione europea

Commenti disabilitati su Coronavirus ed Erasmus+, aggiornamento indicazioni Commissione europea

Contrattazione di Istituto al via, su quali materie. Quando il Dirigente può decidere da solo

Commenti disabilitati su Contrattazione di Istituto al via, su quali materie. Quando il Dirigente può decidere da solo

Lettera a Toccafondi (Italia Viva): PAS non è sanatoria ma giusto riconoscimento a chi manda avanti le scuole

Commenti disabilitati su Lettera a Toccafondi (Italia Viva): PAS non è sanatoria ma giusto riconoscimento a chi manda avanti le scuole

Didattica on line per allievi diversamente abili: la bella esperienza di creare un libro di ricette

Commenti disabilitati su Didattica on line per allievi diversamente abili: la bella esperienza di creare un libro di ricette

Procedura straordinaria per abilitazione, come inserire i tre anni di servizio. Domanda fino al 3 luglio

Commenti disabilitati su Procedura straordinaria per abilitazione, come inserire i tre anni di servizio. Domanda fino al 3 luglio

Periodo natalizio, scuola chiude nelle giornate prefestive. No ferie d’ufficio per personale ATA

Commenti disabilitati su Periodo natalizio, scuola chiude nelle giornate prefestive. No ferie d’ufficio per personale ATA

Permessi motivi personali e familiari, Aran: anche a docenti e ATA non di ruolo. Le condizioni

Commenti disabilitati su Permessi motivi personali e familiari, Aran: anche a docenti e ATA non di ruolo. Le condizioni

Mobilità licei musicali: oggi pubblicazione movimenti art. 5 comma 7

Commenti disabilitati su Mobilità licei musicali: oggi pubblicazione movimenti art. 5 comma 7

Bandi docenti di ruolo per lavorare un anno all’USR. Aggiornato con Toscana

Commenti disabilitati su Bandi docenti di ruolo per lavorare un anno all’USR. Aggiornato con Toscana

Studiare latino: la tecnologia può aiutare, impariamo ad usarla

Commenti disabilitati su Studiare latino: la tecnologia può aiutare, impariamo ad usarla

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti