CI RISIAMO SCUOLE CHIUSE EDUCATORI/TRICI DI SERIE A E B, COMUNI CHE DANNO IL 100% E ALTRI CHE ELARGISCONO LE BRICIOLE. 100% PER …

CI RISIAMO SCUOLE CHIUSE EDUCATORI/TRICI DI SERIE A E B, COMUNI CHE DANNO IL 100% E ALTRI CHE ELARGISCONO LE BRICIOLE. 100% PER TUTTI/E!!


DOPO UN ANNO SIAMO ANCORA COSTRETTI A LOTTARE PER IL 100% DELLE ORE E DELLO STIPENDIO..

Ad un anno di distanza dal primo lockdown la situazione per molti educatori ed educatrici di Rimini e provincia rimane invariata: perdita di ore, orario lavorativo incerto e indicazioni che cambiano ora dopo ora. In tutto il territorio riceviamo segnalazioni da parte di educatori/trici di diminuzioni orarie, nonostante la possibilità per i bambini disabili e BES di frequentare la scuola in presenza.
Ogni Comune e ogni Dirigente Scolastico applica le sue regole creando così una forte disomogeneità di trattamento per gli educatori e le educatrici, ma anche per le stesse famiglie.
Alcuni Dirigenti decidono di tenere aperte le scuole dalle 9 alle 12, altri dalle 8:30 alle 12:30, altri ancora mantengono l’orario scolastico come prima della chiusura. Un’amministrazione comunale concede 10 ore ad educatore per ogni bambino, un’altra acconsente ad effettuare tutte le ore dell’educatore in presenza e un massimo di 10 ore in DAD, un’altra ancora accorda sole 6 ore a fronte di 12/15 per l’educatore dell’infanzia, un’altra ancora delega l’organizzazione oraria alla Dirigente Scolastica e agli insegnanti di sostegno..
Il risultato è una partita di poker in cui devi sperare di avere una mano di carte buone per vincere la partita: di lavorare o frequentare (nel caso delle famiglie) una scuola con una Dirigente pronta a tutelare i diritti e ad accogliere le esigenze di tutti, di effettuare il servizio educativo in un Comune che assicura continuità di lavoro e reddito per la figura educativa.
Ciò che però più ci preoccupa, e su cui ancora non abbiamo risposte, è la strada che decideranno di percorrere le cooperative sociali, che gestiscono il servizio educativo in appalto nei diversi Comuni, per coprire la perdita di ore da parte degli educatori/educatrici. Le cooperative richiederanno il FIS? Useranno le ferie accumulate dai lavoratori/trici? Oppure come addirittura si vocifera in una coop proveranno a proporre un adeguamento contrattuale a ribasso?
Durante il primo lockdown abbiamo ben capito che il FIS non è un ammortizzatore sociale in grado di sorreggere il reddito di una lavoratrice/tore del sociale poichè consiste davvero in pochi spiccioli. Abbiamo anche compreso che non tutte le cooperative anticipano il FIS, per cui alcune di noi hanno iniziato a vedere i soldi dell’ammortizzatore sociale, richiesto a marzo, solo nel mese di maggio. Infine abbiamo visto che le ferie possono coprire poche settimane e già come stiamo capendo dalle notizie che corrono sui media la chiusura delle scuole potrebbe prorogarsi fino a Pasqua.
Dopo la prima settimana di chiusura delle scuole risulta ben chiaro che il nodo principale che sta riemergendo, ancora una volta, è il legame tra precarietà e reddito per gli operatori/trici del servizio educativo scolastico. Precarietà che è causa di discontinuità di reddito per educatrici/tori che perdono ore di lavoro a causa di una chiusura delle scuole, che è di fatto indipendente dalla loro volontà. Precarietà che è causa di discontinuità di reddito per le lavoratrici precarie con figli piccoli, costrette a richiedere un concedo parentale pagato al 50% che, nel settore educativo a causa degli stipendi già bassi, significa davvero una miseria.
Dopo un anno dalla scoppio della pandemia siamo ancora costretti a lottare in ogni scuola e in ogni comune per poter mantenere l’intero monte ore e il 100% dello stipendio, con l’aggravante che molte lavoratrici del settore educativo, a prevalenza femminile, siano costrette a scegliere tra rimanere a casa prendendo pochi euro di concedo parentale oppure andare a lavorare improvvisando soluzioni praticabili per il babysitteraggio dei propri figli.
Non ci viene altro da dire che questo 8 marzo è tutt’altro che un bel regalo per le educatrici e soprattutto per le madri educatrici!

(Feed generated with FetchRSS)

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

portaleducatori

Related Posts

Scuola, dal prossimo anno scolastico parte la figura dell’ “educatore di plesso”

Commenti disabilitati su Scuola, dal prossimo anno scolastico parte la figura dell’ “educatore di plesso”

Piano Scuola Estate: rammendo o inizio del dopo?

Commenti disabilitati su Piano Scuola Estate: rammendo o inizio del dopo?

“La pattuizione della sospensione (anche in parte) della obbligazione retributiva a carico del datore di lavoro in caso…

Commenti disabilitati su “La pattuizione della sospensione (anche in parte) della obbligazione retributiva a carico del datore di lavoro in caso…

ROMA, REINTERNALIZZAZIONE AEC/OEPA: CI SIAMO, DEPOSITATA LA DELIBERA DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO COMUNALE.

Commenti disabilitati su ROMA, REINTERNALIZZAZIONE AEC/OEPA: CI SIAMO, DEPOSITATA LA DELIBERA DI MODIFICA DEL REGOLAMENTO COMUNALE.

Signore e Signori il Welfare è Sparito! – Puntata di Giovedì 18 Febbraio 2021

Commenti disabilitati su Signore e Signori il Welfare è Sparito! – Puntata di Giovedì 18 Febbraio 2021

This content isn’t available right now

Commenti disabilitati su This content isn’t available right now

Chi, come e quando vaccinare | Vaccino anti Covid-19

Commenti disabilitati su Chi, come e quando vaccinare | Vaccino anti Covid-19

Blog | Gli Aec tra stipendi in ritardo e tamponi extra: l’assistenza scolastica ai disabili è quasi un costo – Il Fatto Quotidia…

Commenti disabilitati su Blog | Gli Aec tra stipendi in ritardo e tamponi extra: l’assistenza scolastica ai disabili è quasi un costo – Il Fatto Quotidia…

“Anche il personale scolastico (circa 120mila persone) ha una data di partenza, grazie all’accordo con i medici di famig…

Commenti disabilitati su “Anche il personale scolastico (circa 120mila persone) ha una data di partenza, grazie all’accordo con i medici di famig…

Essenziali ma non per il vaccino: la discriminazione di chi lavora in appalto – Radio Città Fujiko

Commenti disabilitati su Essenziali ma non per il vaccino: la discriminazione di chi lavora in appalto – Radio Città Fujiko

Migranti, Cnca: “Il sistema di accoglienza faccia capo al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali”

Commenti disabilitati su Migranti, Cnca: “Il sistema di accoglienza faccia capo al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali”

Signore e Signori il Welfare é Sparito! – Puntata di Giovedì’ 25 Febbraio 2021

Commenti disabilitati su Signore e Signori il Welfare é Sparito! – Puntata di Giovedì’ 25 Febbraio 2021

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti