Cellule staminali, creato primo embrione artificiale di topo. Redi: “Studio che realizza una promessa della biologia”

Cellule staminali, creato primo embrione artificiale di topo. Redi: “Studio che realizza una promessa della biologia”

Commenti disabilitati su Cellule staminali, creato primo embrione artificiale di topo. Redi: “Studio che realizza una promessa della biologia”

Un nuovo successo per la ricerca sulle staminali. Un team di studiosi britannici dell’Università di Cambridge ha annunciato di avere realizzato in laboratorio il primo embrione artificiale. Si tratta di un embrione di topo, formato a partire da cellule staminali che si sono assemblate dando origine a una struttura tridimensionale in tutto e per tutto simile a un embrione naturale. Il risultato è illustrato su Science. Secondo gli autori, l’embrione aiuterà a comprendere meglio l’origine di molte malattie legate alle fasi iniziali dello sviluppo, e a ridurre i test condotti sugli animali.

Il risultato è stato raggiunto grazie all’utilizzo sia di cellule staminali embrionali che danno origine agli organi, sia di quelle che formano le strutture esterne all’embrione, come la placenta. “Entrambe cominciano a parlare le une con le altre fino a organizzarsi in una struttura che si comporta come un embrione – spiega Magdalena Zernicka-Goetz, del dipartimento di fisiologia, sviluppo e neuroscienze di Cambridge, autrice della ricerca -. L’embrione ha regioni anatomicamente corrette, che si sviluppano al posto giusto nel momento giusto”. Confrontato con un embrione normale, quello artificiale ha, infatti, mostrato di seguire lo stesso andamento nello sviluppo, e di essere completo sotto ogni punto di vista. Compresa la formazione delle cellule germinali destinate a diventare ovuli e spermatozoi, e quella della cavità amniotica nella quale l’embrione si sviluppa. Secondo gli autori, questo embrione artificiale permetterebbe, in linea di principio, lo sviluppo di un individuo fuori dall’utero. Anche se, come precisano gli stessi studiosi, questa è solo una possibilità teorica e applicabile soltanto in alcuni settori, come la zootecnia.

“Si tratta di un lavoro ben fatto di un gruppo di ricerca serio – dichiara a caldo a IlFattoquotidiano.it – Carlo Alberto Redi, accademico dei Lincei e docente di biologia dello sviluppo presso l’Università di Pavia -. Senza volare nella fantascienza ed immaginare chissà quali scenari, questo studio realizza una delle promesse della biologia delle cellule staminali embrionali: portare in provetta la malattia e studiarne l’evolversi sin dalle primissime fasi dello sviluppo”.

Le staminali sono considerate delle cellule jolly in biologia. La loro versatilità ed enorme plasticità rappresenta una delle rivoluzioni della ricerca biomedica. Apre, infatti, la porta alla possibilità di far crescere cellule in laboratorio, in grado di trasformarsi in tessuti differenti, che possono poi essere utilizzati nella cosiddetta medicina rigenerativa. Ma scatena anche numerose paure di manipolazione della vita, soprattutto quando si parla di staminali embrionali. “Questa ricerca – aggiunge Redi – consente di analizzare finemente, a livello molecolare, le primissime fasi dello sviluppo embrionale dei mammiferi, e di capire quale sia la gerarchia dei fattori di crescita chiamati in causa durante le fasi pre-impianto. È un solido avanzamento del sapere embriologico – sottolinea lo studioso di Pavia -. Il risultato di oggi ci aiuterà a capire meglio come accade che in natura la stragrande maggioranza degli eventi di fecondazione, più del 50%, non giunga all’impianto dell’embrione. Direi che può bastare – conclude Redi -, per chiedere alla comunità tutta di discutere di queste premesse”.

L’articolo Cellule staminali, creato primo embrione artificiale di topo. Redi: “Studio che realizza una promessa della biologia” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

Davide Patitucci

Related Posts

Maryam Mirzakhani, morta a 40 anni la prima donna vincitrice del “Nobel per la matematica”

Commenti disabilitati su Maryam Mirzakhani, morta a 40 anni la prima donna vincitrice del “Nobel per la matematica”

Terremoto in Nuova Zelanda, cos’è la cintura (o anello) di fuoco

Commenti disabilitati su Terremoto in Nuova Zelanda, cos’è la cintura (o anello) di fuoco

Bambini allontanati dalle famiglie: la nostra risposta a Presadiretta

Commenti disabilitati su Bambini allontanati dalle famiglie: la nostra risposta a Presadiretta

Fisica, ipotizzato un nuovo bosone: si chiama Madala e interagisce con la materia oscura

Commenti disabilitati su Fisica, ipotizzato un nuovo bosone: si chiama Madala e interagisce con la materia oscura

Terremoto Centro Italia, controlli su dighe. Esperto: “Campotosto diverso da Vajont. Svuotarlo? Potrebbe essere rischioso”

Commenti disabilitati su Terremoto Centro Italia, controlli su dighe. Esperto: “Campotosto diverso da Vajont. Svuotarlo? Potrebbe essere rischioso”

Eclissi solare totale, dall’Oregon al South Carolina. Ma per vederla in Italia bisognerà aspettare il 2081

Commenti disabilitati su Eclissi solare totale, dall’Oregon al South Carolina. Ma per vederla in Italia bisognerà aspettare il 2081

La nostra personalità? Dipende anche dalla conformazione delle strutture cerebrali

Commenti disabilitati su La nostra personalità? Dipende anche dalla conformazione delle strutture cerebrali

Riscaldamento globale, morta la Grande barriera corallina senza misure di contrasto

Commenti disabilitati su Riscaldamento globale, morta la Grande barriera corallina senza misure di contrasto

Sole, eruzione simile a un canyon di fuoco. Previste tempesta magnetica e aurore boreali

Commenti disabilitati su Sole, eruzione simile a un canyon di fuoco. Previste tempesta magnetica e aurore boreali

Obesità, ecco il gene che brucia i grassi e permette di disperderli sotto forma di calore

Commenti disabilitati su Obesità, ecco il gene che brucia i grassi e permette di disperderli sotto forma di calore

L’intervallo è finito, grillini maestri: entrate in aula, la scuola vi aspetta!

Commenti disabilitati su L’intervallo è finito, grillini maestri: entrate in aula, la scuola vi aspetta!

Alzheimer, “nei prossimi vent’anni una famiglia italiana su quattro avrà un parente malato”

Commenti disabilitati su Alzheimer, “nei prossimi vent’anni una famiglia italiana su quattro avrà un parente malato”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti