Cellulare in classe: battaglia non facile, preside chiede collaborazione ai genitori

L’esperimento va avanti da qualche anno e la dirigente scolastica ammette che non è facile; ecco perché chiede la collaborazione  dei genitori, che talvolta chiamano i figli durante le lezioni.

La scuola, che accoglie studenti tra i 15 e i 19 anni, afferma di non voler demonizzare lo smartphone,che talvolta viene usato anche per ricerche online.

“I ragazzi in realtà sono molto collaborativi quando li si coinvolge. Non quando si impone loro una situazione, ma quando si parla con loro” afferma la dirigente scolastica.

L’articolo Cellulare in classe: battaglia non facile, preside chiede collaborazione ai genitori sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti