Caregiver familiari, il lavoro come “rimpianto”, o come “salto mortale”

Anna lavora “facendo i salti mortali”. Sonia invece è una “disoccupata con il rimpianto del mio ristorante”: un sogno che ha dovuto lasciare ad altri, perché nessuno poteva occuparsi di suo figlio disabile. Storie quotidiane di caregiver e del loro lavoro

Leggi Tutto

Fonte redattoresociale.it – Ultime Notizie

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti