Calo nascite, scuola con due alternative: meno classi o meno pollaio

Il Veneto sembrerebbe orientarsi verso la prima direzione; la fondazione Agnelli mette in guardia, indirettamente, sulla seconda ipotesi, pubblicando un’elaborazione su dati Istat; senza dimenticare l’allarme lanciato anche da Bussetti in quel di Verona, in occasione del congresso mondiale della famiglia: “Da qui al 2050 le stime parlano di un possibile calo demografico del 17%“.

Le proiezioni al 2028 indicano un calo di studenti dalla scuola dell’infanzia a quella secondaria di secondo grado pari al 13%-11%. In termini assoluti, corrisponde a una diminuzione di circa un milione di studenti.

Stando a quanto pubblicato anche dal quotidiano Italia Oggi, in nessun altro paese europeo pare registrarsi un andamento al ribasso così allarmante. Nessuna regione italiana è esente dal fenomeno.

Nella ripartizione fra i gradi di istruzione, nella scuola dell’infanzia (3-5 anni) si potrebbe verificare un taglio di 6343 sezioni, ma molto dipenderà dalle politiche adottate per il sostegno alla famiglia e alle migrazioni.

A livello percentuale, il calo di bimbi a scuola è paritario da Nord a Sud con un piccolo incremento di 3 punti un quest’ultima area geografica (17 contro il 14% di Nord e Centro). A livello regionale, invece, l’area più sofferente potrebbe diventare la Sardegna con un calo del 20%. In controtendenza appare essere il Trentino Alto Adige dove un misero aumento dell’1% avrà come effetto la creazione di ulteriori 18 sezioni.

Il minor numero di classi anche al Nord comporterà anche un minor numero di cattedre disponibili e di conseguenza una minore tendenza allo spostamento dei docenti provenienti dal Sud e una minore richiesta di mobilità. Tradotto: anche al Nord ci saranno molte meno cattedre da coprire.Si assisterà – è il ragionamento della Fondazione Agnelli – anche a un rallentamento del turnover. A soffrirne sarà il rinnovamento del corpo docente e probabilmente anche l’innovazione didattica“.

L’unico aspetto positivo, magra consolazione, potrebbe essere il risvolto per le casse pubbliche: un risparmio di 402 milioni di euro annui per la sola scuola dell’infanzia. Secondo il direttore della Fondazione Agnelli, Andrea Gavosto, l’unica alternativa è offerta da “chi dà priorità al miglioramento della qualità dell’istruziovariene in Italia; è un rafforzamento generalizzato della scuola del pomeriggio“.

L’articolo Calo nascite, scuola con due alternative: meno classi o meno pollaio sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

CUB Pubblico Impiego incontra il Ministro della Pubblica Amministrazione. Le richieste

Commenti disabilitati su CUB Pubblico Impiego incontra il Ministro della Pubblica Amministrazione. Le richieste

Assegnazioni provvisorie e utilizzi, novità nei contratti regionali 2019/20. Aggiunta Basilicata

Commenti disabilitati su Assegnazioni provvisorie e utilizzi, novità nei contratti regionali 2019/20. Aggiunta Basilicata

Assistenti lingua straniera, proroga registrazione su SIDI al 19 aprile

Commenti disabilitati su Assistenti lingua straniera, proroga registrazione su SIDI al 19 aprile

Dottori di ricerca e insegnamento, le incoerenze italiane! Lettera

Commenti disabilitati su Dottori di ricerca e insegnamento, le incoerenze italiane! Lettera

Detrazione spesa abbonamento figli: possono beneficiarne entrambi i genitori

Commenti disabilitati su Detrazione spesa abbonamento figli: possono beneficiarne entrambi i genitori

Coronavirus, i bambini stanno imparando una grande lezione di vita. Lettera

Commenti disabilitati su Coronavirus, i bambini stanno imparando una grande lezione di vita. Lettera

Casalmaggiore, altre scuole diventano “plastic free”

Commenti disabilitati su Casalmaggiore, altre scuole diventano “plastic free”

Bando centri estivi minori 3-14 anni, domande entro 30 giugno

Commenti disabilitati su Bando centri estivi minori 3-14 anni, domande entro 30 giugno

Alternanza scuola-lavoro. Raccolta record di olive dalle 700 piante dell’ Agrario di Trapani: la scuola venderà l’olio prodotto dagli studenti

Commenti disabilitati su Alternanza scuola-lavoro. Raccolta record di olive dalle 700 piante dell’ Agrario di Trapani: la scuola venderà l’olio prodotto dagli studenti

Concorso straordinario, Sasso (Lega): precari illusi e traditi

Commenti disabilitati su Concorso straordinario, Sasso (Lega): precari illusi e traditi

Legge sul libro, M5S: contrastiamo analfabetismo di ritorno e calo consumo libri

Commenti disabilitati su Legge sul libro, M5S: contrastiamo analfabetismo di ritorno e calo consumo libri

Maturità, De Cristofaro: primo giorno riapertura scuola è momento fondamentale

Commenti disabilitati su Maturità, De Cristofaro: primo giorno riapertura scuola è momento fondamentale

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti