Buchi neri, scoperti e analizzati i segreti dei più distanti. Un italiano a capo del team: “La nuova astronomia è realtà”

Buchi neri, scoperti e analizzati i segreti dei più distanti. Un italiano a capo del team: “La nuova astronomia è realtà”

Commenti disabilitati su Buchi neri, scoperti e analizzati i segreti dei più distanti. Un italiano a capo del team: “La nuova astronomia è realtà”

La nuova astronomia diventa realtà dopo la scoperta delle onde gravitazionali: permetterà di esplorare alcuni dei fenomeni più misteriosi dell’universo, come i buchi neri. Lo indica l’analisi dei segnali registrati nel 2015 e nel 2017 che ha rivelato i segreti dei buchi più distanti, esterni alla Via Lattea. Pubblicata su Nature, l’analisi si deve al gruppo coordinato dall’italiano Alberto Vecchio, dell’università britannica di Birmingham, e da Ben Farr, dell’università americana di Chicago.

Per Vecchio l’astronomia gravitazionale è già reale: lo è diventata “il 14 settembre del 2015 con la prima osservazione delle onde gravitazionali” ossia le ‘vibrazioni’ dello spazio tempo originate da fenomeni violenti, come collisioni di buchi neri e supernovae, fino al Big Bang. “Questo lavoro è un esempio delle nuove informazioni che possiamo trarre sull’universo”, ha detto all’Ansa il fisico italiano. “La disciplina è importante – ha aggiunto – perché ci permette di osservare fenomeni nell’universo che non possiamo vedere in nessun altro modo”. Per esempio “i buchi neri sono oggetti fatti di pura gravità, e le onde gravitazionali sono il linguaggio della gravità: l’unico modo in cui questi oggetti comunicano direttamente con noi”.

I ricercatori hanno analizzato i segnali delle onde gravitazionali prodotti durante quattro eventi di collisione fra coppie di buchi neri e rivelati nel 2015 e nel 2017 dall’osservatorio americano Ligo che “ci ha dato delle informazioni sulle proprietà di ogni sistema di buchi neri” e ora, ha spiegato Vecchio, “possiamo metterle insieme per capire cosa ha originato la popolazione di questi oggetti cosmici”.

I dati, ha aggiunto il fisico, sembrano confermare lo scenario secondo cui i buchi neri dei sistemi binari “si formino in abbondanza” dal collasso di stelle che si trovano in un ambiente molto ricco di astri, e che, “data l’alta densità di questi corpi, due buchi neri si possano trovare sufficientemente vicini per ‘catturarsi’ e dar vita ad un sistema binario”. Secondo un’altra teoria invece i buchi neri nei sistemi binari si formerebbero già in coppia: ossia nascerebbero dal collasso di due stelle molto massive che orbitano in un sistema binario. Tuttavia, per confermare l’ipotesi e riuscire a comprendere definitivamente l’origine dei buchi neri i ricercatori attendono altri dati sulle onde gravitazionali e stimano che l’analisi di altri dieci eventi potrebbe sciogliere ogni dubbio.

Lo studio pubblicato da Nature

L’articolo Buchi neri, scoperti e analizzati i segreti dei più distanti. Un italiano a capo del team: “La nuova astronomia è realtà” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Poliomelite, commissario Ue: “Status polio free dell’Europa a rischio a causa bassa immunità della popolazione”

Commenti disabilitati su Poliomelite, commissario Ue: “Status polio free dell’Europa a rischio a causa bassa immunità della popolazione”

David Attenborough, nuova specie di libellula fossilizzata dedicata al naturalista britannico

Commenti disabilitati su David Attenborough, nuova specie di libellula fossilizzata dedicata al naturalista britannico

Tumori, cellule con Dna modificato: al via test nel 2017 per applicare terapie su pazienti pediatrici

Commenti disabilitati su Tumori, cellule con Dna modificato: al via test nel 2017 per applicare terapie su pazienti pediatrici

Abbronzatura, sulla nostra pelle c’è l’universo. Una parte dei fotoni arriva dai buchi neri e fonti extragalattiche

Commenti disabilitati su Abbronzatura, sulla nostra pelle c’è l’universo. Una parte dei fotoni arriva dai buchi neri e fonti extragalattiche

Proxima b, sul pianeta sosia della Terra ci potrebbe essere un oceano di acqua

Commenti disabilitati su Proxima b, sul pianeta sosia della Terra ci potrebbe essere un oceano di acqua

Coop sociali sul lastrico: sono oltre 300 i lavoratori a rischio (guarda il video)

Commenti disabilitati su Coop sociali sul lastrico: sono oltre 300 i lavoratori a rischio (guarda il video)

Venere, osservata dalla sonda Akatsuki un’enorme onda a 65 km dalla superficie

Commenti disabilitati su Venere, osservata dalla sonda Akatsuki un’enorme onda a 65 km dalla superficie

Buchi neri, italiane le Indiana Jones delle stelle. Il loro studio notato dalla Nasa

Commenti disabilitati su Buchi neri, italiane le Indiana Jones delle stelle. Il loro studio notato dalla Nasa

“Maschilisti e playboy più soggetti a rischio malattie mentali” per studio Usa

Commenti disabilitati su “Maschilisti e playboy più soggetti a rischio malattie mentali” per studio Usa

Eclissi solare totale, negli Stati Uniti si farà notte in pieno giorno. Problema fotovoltaico: l’ombra ‘spegnerà’ i pannelli

Commenti disabilitati su Eclissi solare totale, negli Stati Uniti si farà notte in pieno giorno. Problema fotovoltaico: l’ombra ‘spegnerà’ i pannelli

Così l’intelligenza artificiale riesce a prevedere la morte di chi soffre di malattie cardiache

Commenti disabilitati su Così l’intelligenza artificiale riesce a prevedere la morte di chi soffre di malattie cardiache

Sonda spaziale Juno, è entrata nell’orbita di Giove. “È stata la cosa più difficile che la Nasa abbia mai fatto”

Commenti disabilitati su Sonda spaziale Juno, è entrata nell’orbita di Giove. “È stata la cosa più difficile che la Nasa abbia mai fatto”

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti