Buchi neri, scoperti e analizzati i segreti dei più distanti. Un italiano a capo del team: “La nuova astronomia è realtà”

La nuova astronomia diventa realtà dopo la scoperta delle onde gravitazionali: permetterà di esplorare alcuni dei fenomeni più misteriosi dell’universo, come i buchi neri. Lo indica l’analisi dei segnali registrati nel 2015 e nel 2017 che ha rivelato i segreti dei buchi più distanti, esterni alla Via Lattea. Pubblicata su Nature, l’analisi si deve al gruppo coordinato dall’italiano Alberto Vecchio, dell’università britannica di Birmingham, e da Ben Farr, dell’università americana di Chicago.

Per Vecchio l’astronomia gravitazionale è già reale: lo è diventata “il 14 settembre del 2015 con la prima osservazione delle onde gravitazionali” ossia le ‘vibrazioni’ dello spazio tempo originate da fenomeni violenti, come collisioni di buchi neri e supernovae, fino al Big Bang. “Questo lavoro è un esempio delle nuove informazioni che possiamo trarre sull’universo”, ha detto all’Ansa il fisico italiano. “La disciplina è importante – ha aggiunto – perché ci permette di osservare fenomeni nell’universo che non possiamo vedere in nessun altro modo”. Per esempio “i buchi neri sono oggetti fatti di pura gravità, e le onde gravitazionali sono il linguaggio della gravità: l’unico modo in cui questi oggetti comunicano direttamente con noi”.

I ricercatori hanno analizzato i segnali delle onde gravitazionali prodotti durante quattro eventi di collisione fra coppie di buchi neri e rivelati nel 2015 e nel 2017 dall’osservatorio americano Ligo che “ci ha dato delle informazioni sulle proprietà di ogni sistema di buchi neri” e ora, ha spiegato Vecchio, “possiamo metterle insieme per capire cosa ha originato la popolazione di questi oggetti cosmici”.

I dati, ha aggiunto il fisico, sembrano confermare lo scenario secondo cui i buchi neri dei sistemi binari “si formino in abbondanza” dal collasso di stelle che si trovano in un ambiente molto ricco di astri, e che, “data l’alta densità di questi corpi, due buchi neri si possano trovare sufficientemente vicini per ‘catturarsi’ e dar vita ad un sistema binario”. Secondo un’altra teoria invece i buchi neri nei sistemi binari si formerebbero già in coppia: ossia nascerebbero dal collasso di due stelle molto massive che orbitano in un sistema binario. Tuttavia, per confermare l’ipotesi e riuscire a comprendere definitivamente l’origine dei buchi neri i ricercatori attendono altri dati sulle onde gravitazionali e stimano che l’analisi di altri dieci eventi potrebbe sciogliere ogni dubbio.

Lo studio pubblicato da Nature

L’articolo Buchi neri, scoperti e analizzati i segreti dei più distanti. Un italiano a capo del team: “La nuova astronomia è realtà” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Hawking lancia l’allarme sul futuro della Terra: “La salvezza dell’umanità è in un nuovo mondo”

Commenti disabilitati su Hawking lancia l’allarme sul futuro della Terra: “La salvezza dell’umanità è in un nuovo mondo”

Pecora Dolly, “i 4 cloni del primo mammifero clonato vivono bene”

Commenti disabilitati su Pecora Dolly, “i 4 cloni del primo mammifero clonato vivono bene”

Maryam Mirzakhani, morta a 40 anni la prima donna vincitrice del “Nobel per la matematica”

Commenti disabilitati su Maryam Mirzakhani, morta a 40 anni la prima donna vincitrice del “Nobel per la matematica”

David Attenborough, nuova specie di libellula fossilizzata dedicata al naturalista britannico

Commenti disabilitati su David Attenborough, nuova specie di libellula fossilizzata dedicata al naturalista britannico

Sclerosi multipla, prima infusione di cellule staminali neurali in un paziente

Commenti disabilitati su Sclerosi multipla, prima infusione di cellule staminali neurali in un paziente

Giovanni Bignami morto, addio all’astrofisico che ha portato stelle e pianeti nelle case di tutti

Commenti disabilitati su Giovanni Bignami morto, addio all’astrofisico che ha portato stelle e pianeti nelle case di tutti

Curare con l’omeopatia è un diritto, ma almeno sappia cosa sta facendo

Commenti disabilitati su Curare con l’omeopatia è un diritto, ma almeno sappia cosa sta facendo

Fotografata dal telescopio Hubble l’inafferrabile “galassia nascosta” – FOTO

Commenti disabilitati su Fotografata dal telescopio Hubble l’inafferrabile “galassia nascosta” – FOTO

Scoperta dal Cern la particella Xi: “È come un sistema planetario in miniatura”

Commenti disabilitati su Scoperta dal Cern la particella Xi: “È come un sistema planetario in miniatura”

Proxima b, Nature: “Scoperta un’altra Terra potenzialmente abitabile a 4,2 anni luce da noi. Possibile che ci sia acqua”

Commenti disabilitati su Proxima b, Nature: “Scoperta un’altra Terra potenzialmente abitabile a 4,2 anni luce da noi. Possibile che ci sia acqua”

Pronto il primo progetto operativo di un pc quantistico, prototipo tra due anni

Commenti disabilitati su Pronto il primo progetto operativo di un pc quantistico, prototipo tra due anni

Brasile, come si costruisce un trafficante

Commenti disabilitati su Brasile, come si costruisce un trafficante

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti