Boom di cattedre vacanti dopo le festività: ecco i motivi. Voglioinsegnare.it

Dopo che il Decreto Scuola è diventato legge, e quindi in previsione dell’uscita imminente dei concorsi, è scattata l’ansia da preparazione tra la maggior parte dei docenti precari italiani.

Sembra infatti che vi sia davvero poco tempo per prepararsi in modo adeguato ai prossimi concorsi, i bandi infatti dovrebbero uscire verso febbraio 2020.

Poco tempo per studiare: precari pronti a dimettersi dagli incarichi

Visto il poco tempo per studiare, diversi insegnanti in particolare nelle scuole salernitane e nel resto della Campania hanno annunciato che sono pronti a dimettersi nei prossimi giorni, per avere tempo sufficiente per studiare in vista dei concorsi.

La richiesta arriva anche a nome dei sindacati, i quali chiedono che ai precari venga data qualche settimana prima del concorso – che probabilmente si terrà in primavera – una banca dati di domande informatizzate da studiare.

Per questi motivi, può essere una buona idea inviare la messa a disposizione online per le convocazioni che andranno a coprire queste cattedre vacanti.

Ci sono però anche altri motivi per cui dopo le feste le scuole ricercano supplenti, vediamo quali sono.

Boom di cattedre vacanti dopo le feste: ecco perché

Siamo nel pieno delle festività natalizie, ma anche se le scuole sono chiuse per due settimane, al ritorno dalle vacanze gli istituti scolastici saranno alle prese con la ricerca di supplenti: è fondamentale pertanto continuare a inviare la propria domanda di messa a disposizione, specificando titoli, servizi svolti e classi di concorso.

All’inizio del nuovo anno infatti molti docenti sono solitamente assenti per malattia, in numero più elevato per via del periodo invernale, e tanti insegnanti devono essere sostituiti al rientro dalle vacanze di Natale.

Inoltre molti docenti si possono assentare per il congedo parentale, cioè un periodo di astensione facoltativo dal lavoro concesso ai genitori per prendersi cura del bambino nei suoi primi anni di vita.

Per queste ragioni inviare la mad online in questo momento dell’anno è molto indicato, e ci sono probabilità maggiori di essere chiamati per una supplenza immediatamente dopo il periodo natalizio, quando molti insegnanti possono ancora essere a casa, per congedo o malattia.

Invio della domanda di messa a disposizione con Voglioinsegnare.it

Per inviare la messa a disposizione in autonomia è possibile utilizzare Voglioinsegnare.it: è sufficiente compilare il form con i propri dati personali e titoli di studio, scegliere la provincia e ordine di scuola dove si vuole inviare la mad e in pochi minuti la propria domanda sarà arrivata a centinaia di scuole italiane.

Messa a disposizione: strategie per l’invio

Per inviare una perfetta messa a disposizione, si dovrebbero seguire queste indicazioni principali:

  • compilare la messa a disposizione in modo completo, con tutti i titoli di studio posseduti, e le esperienze di servizio effettuate;
  • inserire la propria disponibilità al sostegno, perché sono ancora tantissimi i docenti ricercati, anche senza specializzazione, in attesa del TFA Sostegno;
  • indicare il proprio domicilio in Nord Italia, se la mad è stata inviata al Nord, e viceversa, per aumentare le probabilità di una chiamata;
  • inviare la mad su più province e ordini di scuola.

INVIA ORA LA TUA MAD

Non hai ancora conseguito i 24 CFU? Scopri come fare in tempi brevi prima dell’uscita del Concorso Scuola, clicca qui

AGGIORNAMENTO GRADUATORIE 2020: OTTIENI 10 PUNTI SUBITO!

 

Per informazioni contatta la segreteria didattica allo 02 40031245

Iscriviti alla nostra pagina facebook -> CLICCA QUI

L’articolo Boom di cattedre vacanti dopo le festività: ecco i motivi. Voglioinsegnare.it sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Docenti italiani tutti pessimi? Lettera

Commenti disabilitati su Docenti italiani tutti pessimi? Lettera

Coronavirus, Profumo: bisogna ripartire dalla formazione, ciò che è stato fatto non basta dei docenti

Commenti disabilitati su Coronavirus, Profumo: bisogna ripartire dalla formazione, ciò che è stato fatto non basta dei docenti

Sindacati: fallita la conciliazione fra sindacati e Ministero, proclamato lo sciopero della scuola per l’8 giugno

Commenti disabilitati su Sindacati: fallita la conciliazione fra sindacati e Ministero, proclamato lo sciopero della scuola per l’8 giugno

La retorica di un’istruzione inclusiva: 41 per cento di studenti cambia insegnante di sostegno rispetto all’anno precedente

Commenti disabilitati su La retorica di un’istruzione inclusiva: 41 per cento di studenti cambia insegnante di sostegno rispetto all’anno precedente

Intesa precari, CUB: 24mila assunzioni ma vi sono 200mila supplenti

Commenti disabilitati su Intesa precari, CUB: 24mila assunzioni ma vi sono 200mila supplenti

PD: libri gratis fino alle superiori e obbligo scolastico ai 18 anni

Commenti disabilitati su PD: libri gratis fino alle superiori e obbligo scolastico ai 18 anni

Testamento (M5S): per la scuola netto cambiamento rispetto al passato

Commenti disabilitati su Testamento (M5S): per la scuola netto cambiamento rispetto al passato

Concorso ordinario infanzia e primaria, bando slittato alla prossima settimana

Commenti disabilitati su Concorso ordinario infanzia e primaria, bando slittato alla prossima settimana

Graduatoria interna di istituto: sono inseriti solo i docenti titolari nella scuola

Commenti disabilitati su Graduatoria interna di istituto: sono inseriti solo i docenti titolari nella scuola

Concorsi scuola in Gazzetta: tutte le date per la presentazione della domanda online, si comincia il 28 maggio

Commenti disabilitati su Concorsi scuola in Gazzetta: tutte le date per la presentazione della domanda online, si comincia il 28 maggio

Coronavirus, Lamorgese: pronti a inasprire pene e controlli per contenere diffusione

Commenti disabilitati su Coronavirus, Lamorgese: pronti a inasprire pene e controlli per contenere diffusione

A metà novembre i presidi ancora a caccia di supplenti. Anief: è il fallimento della riforma Renzi, si corra subito ai ripari con la Legge di Stabilità

Commenti disabilitati su A metà novembre i presidi ancora a caccia di supplenti. Anief: è il fallimento della riforma Renzi, si corra subito ai ripari con la Legge di Stabilità

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti