Bonus 500 euro: ancora dubbi su ciò che si può acquistare. Chiarimenti

Una lettrice ci scrive:

Si possono acquistare libri come: codici civili e libri di economia con la carta del docente?”

Il bonus di 500 euro, destinato all’aggiornamento e formazione del personale docente delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, riguarda esclusivamente gli insegnanti con contratto a tempo indeterminato e non possono usufruirne, quindi, i docenti precari

Cosa si può acquistare

Il bonus di 500 euro può essere utilizzato per le seguenti finalità di formazione e aggiornamento professionale:

  1. acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste
  2. acquisto di hardware e software
  3. iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
  4. iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale
  5. iscrizione a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale,
  6. partecipazione a rappresentazioni teatrali e cinematografiche, per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo
  7. per iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del Piano dell’Offerta Formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione

Acquisto libri: nessun limite per  tipologia e numero

Le disposizioni ministeriali non prevedono alcun limite relativamente al numero e alla tipologia di libri che è possibile acquistare con il bonus di 500 euro

In una delle FaQ esplicative pubblicate dal MIUR, al fine di fornire chiarimenti e risposte alle numerose domande poste dai docenti, si forniscono indicazioni esplicite in merito.

Si tratta della FaQ n.1 che di seguito riportiamo:

  1. La Carta del Docente consente “l’acquisto di libri e di testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste comunque utili all’aggiornamento professionale” (legge 107/2015, art. 1, comma 121). Questi acquisti devono essere attinenti alle discipline insegnate dal docente (ad esempio: un docente di matematica può utilizzare il bonus per l’acquisto di un romanzo) ?

L’acquisto di libri, pubblicazioni e riviste, anche in formato digitale, non deve essere necessariamente attinente alla disciplina insegnata, così come previsto dalla legge 107/2015 (art. 1, comma 7), che riconosce fondamentale la formazione professionale del docente nel quadro degli obiettivi formativi, che riguardano competenze disciplinari e trasversali, scelte educative e metodologie laboratoriali, non riconducibili a una sola e specifica professionalità.

L’articolo Bonus 500 euro: ancora dubbi su ciò che si può acquistare. Chiarimenti sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti