Basta con le insegnanti crocerossine, siamo educatori. Lettera

Quest’ultimo non potrà darti allo stesso modo studio e risultati. La scuola che rifiuta i più “deboli” e poveri, è una scuola che fallisce, come dice la lettera a una professoressa: “Se si perde loro, la scuola non è più scuola. È un ospedale che cura i sani e respinge i malati. Diventa uno strumento di differenziazione sempre più irrimediabile. E voi professoressa ve la sentite di fare questa parte nel mondo? Allora richiamateli, insistete, ricominciate tutto da capo all’infinito a costo di passar da pazzi. Meglio passar da pazzi che essere strumento di razzismo.”

Ma lo sappiamo bene, noi insegnanti, quanto vere sono quelle parole, e perciò spesso abbiamo adottato implicitamente, nella nostra libertà d’insegnamento, due pesi e due misure: chi non ha preteso di meno da chi ci poteva dare di meno, ma sapevamo che ci aveva messo tutto? Chi non ha aiutato i volenterosi, anche se non potevano arrivare più in là, ma davano il massimo?

Specialmente ora, con i molti figli di immigrati che siedono tra i banchi delle nostre classi, chi nega la necessità di una didattica ‘ad personam’ e inclusiva, ai nostri giorni? E’ diventato naturale, oltre che normato dalle linee guida sui ‘BES’ , applicare due pesi e due misure: solo così si può lavorare in sintonia con gli studenti, dando opportunità a tutti.

Però c’è un però: quando l’inclusività estrema arriva alla tolleranza verso comportamenti scorretti e reiterati, si può intaccare il rapporto di rispetto tra alunno e insegnante, e si può perdere la credibilità. A volte, infatti, assistiamo ai sermoni dei paladini delle ‘situazioni difficili’, ovvero docenti che si ergono a psicologi-confessori che difendono allo spasimo i loro ‘casi umani’: quelle (a dir loro) vittime di mamme-mostro, o di famiglie allo sbaraglio, che vanno difese ad ogni costo inducendo i consigli di classe a tollerare senza colpo ferire i comportamenti a dir poco maleducati.

Ma se è vero che le colpe dei genitori non devono ricadere sui figli, allo stesso modo, diciamo noi, le colpe dei figli non dovrebbero ricadere sui genitori, come Caino e Abele insegnano. E anche quando ci sono babbi assenti o mamme deboli e pressanti, ciò non toglie che un adolescente debba essere in grado di applicare quelle regole basilari di rispetto verso gli altri, che sono tipiche dell’educazione alla cittadinanza imparata a scuola fin dall’asilo. Per cui c’è da augurarsi che gli insegnanti si svestano del ruolo di crocerossine per riprendere quello primario di educatori, perché la scuola non è né un ospedale né un riformatorio. Che l’inclusione scolastica sia sociale e didattica, sì, ma non del comportamento più scorretto e della maleducazione reiterata!

L’articolo Basta con le insegnanti crocerossine, siamo educatori. Lettera sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Regionalizzazione scuola, “Vedremo dissolversi il cuore storico-letterario della nostra civiltà e il sentire comune”. Lettera

Commenti disabilitati su Regionalizzazione scuola, “Vedremo dissolversi il cuore storico-letterario della nostra civiltà e il sentire comune”. Lettera

In Sicilia voto il 4 e il 5 Ottobre

Commenti disabilitati su In Sicilia voto il 4 e il 5 Ottobre

Concorso ATA 24 mesi, domande dal 5 maggio al 3 giugno. I bandi regionali, aggiunta Lombardia e Campania

Commenti disabilitati su Concorso ATA 24 mesi, domande dal 5 maggio al 3 giugno. I bandi regionali, aggiunta Lombardia e Campania

Linee guida rientro a scuola, FdI: confuse, serve aumento organico docenti e ATA

Commenti disabilitati su Linee guida rientro a scuola, FdI: confuse, serve aumento organico docenti e ATA

Tagli cattedre e fabbisogno organici, saranno decisi da intelligenza artificiale. Stanziati 10milioni di euro per sistema informatico

Commenti disabilitati su Tagli cattedre e fabbisogno organici, saranno decisi da intelligenza artificiale. Stanziati 10milioni di euro per sistema informatico

Donazzan: in Veneto ogni 100 diplomati 84 trovano subito lavoro’

Commenti disabilitati su Donazzan: in Veneto ogni 100 diplomati 84 trovano subito lavoro’

Elezioni europee, personale impegnato nei seggi. Riposi compensativi

Commenti disabilitati su Elezioni europee, personale impegnato nei seggi. Riposi compensativi

Coronavirus, Azzolina: attenti alle fake news, seguire solo informazioni ufficiali

Commenti disabilitati su Coronavirus, Azzolina: attenti alle fake news, seguire solo informazioni ufficiali

Alternanza scuola-lavoro studenti al Mac Donad’s, docente organizzatore: anche architetti possono fare tesoro esprienza

Commenti disabilitati su Alternanza scuola-lavoro studenti al Mac Donad’s, docente organizzatore: anche architetti possono fare tesoro esprienza

Atenei in calo di immatricolazioni? Possibile rimedio da didattica digitale

Commenti disabilitati su Atenei in calo di immatricolazioni? Possibile rimedio da didattica digitale

Il Comune di Eboli seleziona due posti per educatori asilo nido

Commenti disabilitati su Il Comune di Eboli seleziona due posti per educatori asilo nido

Titolo studio DSGAFF risolto con concorso in svolgimento. Caro Mattarella, firmi decreto scuola. Lettera

Commenti disabilitati su Titolo studio DSGAFF risolto con concorso in svolgimento. Caro Mattarella, firmi decreto scuola. Lettera

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti