Autonomia: regioni vogliono assumere i docenti, pagarli di più ma decidere orario. E’ scontro

A dare i dettagli sull’idea di scuola regionalizzata è stato proprio il ministro Bussetti. In un articolo pubblicato dal Corriere del Veneto domenica 6 luglio, il titolare dell’Istruzione avrebbe indicato come linea da seguire il modello del Trentino e della Valle d’Aosta.

Che cosa prevede il modello

Ieri c’è stato vertice di maggioranza concluso con una fumata nera sulla questione regionalizzazione e autonomia. Tra i nodi da sciogliere quello relativo all’istruzione e alla scuola che ha visto un acceso dibattito.

Le Regioni di cui si parla in questo momento sono Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna.

Secondo l’art. 12 le regioni potranno assumere docenti con concorsi regionali.

Obiettivo ancora non messo nero su bianco: garantire stipendi più alti, ma anche  decidere l’orario di lavoro.

Significherebbe inoltre che i docenti diventerebbero dipendenti regionali e non più statali.

Proprio durante l’incontro sindacale di fine aprile, dove venne scongiurato lo sciopero del 17 maggio, il Miur aveva garantito l’impegno per la salvaguardia dell’unità del sistema nazionale d’istruzione, stato giuridico di tutto il personale regolamentato dal CCNL, ecc.

Il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini (Pd) si è tirato fuori dalla problematica affermando di non avere posto il problema delle assunzioni e della contrattualizzazione degli insegnanti per la regione da lui amministrata.

I nodi degli articoli 11 e 12

L’opposizione del Movimento 5 Stelle a questo disegno non ha consentito di raggiungere l’intesa nel vertice a palazzo Chigi, sostenendo che in questo modo si sarebbero create differenziazioni troppo evidenti “scuola di serie A, B e persino C” all’interno del Paese.

A certificare questo scenario è stato anche Sergio Mattarella nel periodo in cui ricopriva l’incarico di costituzionalista nella Consulta. Come ha ricordato il sottosegretario al Miur, Salvatore Giuliano, fu proprio l’attuale presidente della Repubblica a scrivere una sentenza nel 2013, evidenziando che la richiesta avanzata allora dalla regione Lombardia, molto simile a quella attuale, era “incostituzionale”.

L’articolo 11 del testo curato dalla ministra Erika Stefani – si legge inoltre sul Manifesto – prevede che alle regioni passino quasi tutte le competenze scolastiche: piano di studio, valutazioni di sistema, alternanza scuola-lavoro, formazione degli insegnanti, contenuto dei programmi, norme sulla parità scolastica, organizzazione su offerta formativa.

Il modello di regionalizzazione a cui si fa costante richiamo è quello già in vigore in alcune regioni a statuto speciale, come per esempio il Trentino.

L’articolo Autonomia: regioni vogliono assumere i docenti, pagarli di più ma decidere orario. E’ scontro sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Convocazione GLI entro 30 giugno, adempimenti anche di fine anno per l’inclusione ai sensi della rinnovata normativa vigente: scarica modello convocazione

Commenti disabilitati su Convocazione GLI entro 30 giugno, adempimenti anche di fine anno per l’inclusione ai sensi della rinnovata normativa vigente: scarica modello convocazione

Fedeli (Pd): idea plexiglass Azzolina pessima, sbagliata

Commenti disabilitati su Fedeli (Pd): idea plexiglass Azzolina pessima, sbagliata

Concorso 2018: i 24 CFU incompatibili con altri corsi. Vediamo quali

Commenti disabilitati su Concorso 2018: i 24 CFU incompatibili con altri corsi. Vediamo quali

Limonta (Edilizia Milano): il 20% delle scuole non garantisce il distanziamento

Commenti disabilitati su Limonta (Edilizia Milano): il 20% delle scuole non garantisce il distanziamento

PON “Messa in sicurezza e Riqualificazione edifici scolastici”, Miur agli Enti locali: aggiornare Anagrafe entro il 15 gennaio

Commenti disabilitati su PON “Messa in sicurezza e Riqualificazione edifici scolastici”, Miur agli Enti locali: aggiornare Anagrafe entro il 15 gennaio

Bene aumento stipendio dirigenti scolastici, ma quando toccherà ai DSGA? Lettera

Commenti disabilitati su Bene aumento stipendio dirigenti scolastici, ma quando toccherà ai DSGA? Lettera

C’è accordo sulle scuole paritarie: fino a 300 milioni. Il Pd: era doveroso intervenire

Commenti disabilitati su C’è accordo sulle scuole paritarie: fino a 300 milioni. Il Pd: era doveroso intervenire

Punteggio di continuità nel comune: non si può cumulare con la continuità nella scuola per lo stesso anno scolastico

Commenti disabilitati su Punteggio di continuità nel comune: non si può cumulare con la continuità nella scuola per lo stesso anno scolastico

De Cristofaro: cancellare decreti Salvini. Lavoriamo per scuola aperta e inclusiva

Commenti disabilitati su De Cristofaro: cancellare decreti Salvini. Lavoriamo per scuola aperta e inclusiva

Trasporto studenti disabili. La regione Sardegna protesta per i tagli

Commenti disabilitati su Trasporto studenti disabili. La regione Sardegna protesta per i tagli

Passaggio di ruolo: movimento solo volontario, non può essere disposto su scuola non richiesta

Commenti disabilitati su Passaggio di ruolo: movimento solo volontario, non può essere disposto su scuola non richiesta

Snals, Governo si impegni per rinnovo contrattuale

Commenti disabilitati su Snals, Governo si impegni per rinnovo contrattuale

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti