Atrofia muscolare spinale: in arrivo primo farmaco per duecento pazienti gravi

Atrofia muscolare spinale: in arrivo primo farmaco per duecento pazienti gravi

Commenti disabilitati su Atrofia muscolare spinale: in arrivo primo farmaco per duecento pazienti gravi

Una “svolta storica” in Italia per le persone con atrofia muscolare spinale. La sperimentazione della molecole Isis Smn rx, che negli ultimi due anni ha coinvolto anche alcuni ospedali d’eccellenza, ha riportato “risultati positivi”, tali da spingere la casa farmaceutica Biogen a dichiarare di volerla mettere a disposizione “al più presto” per tutti gli affetti della forma più grave della malattia, la Sma di tipo 1.

“Con questo evento la storia della Sma cambia, perché per la prima volta si discute di cura e distribuzione di farmaci“, ha detto Eugenio Mercuri, professore dell’Università Cattolica di Roma, da anni impegnato nello studio e ricerca su questa patologia neuromuscolare. Il farmaco verrà somministrato a 200 pazienti gravi, in particolare neonati e bambini. La Sma 1 ha infatti un alto tasso di decessi tra i minori ed è considerata la prima malattia genetica per mortalità infantile. Anche la responsabile delle sperimentazioni cliniche per Italia e Israele di Biogen, Paola Marcon, durante il convegno nazionale dell’associazione Famiglie Sma (3-4 settembre) ha espresso “grande soddisfazione” per l’impegno e l’attivismo scientifico di questi anni. “L’ho sempre sperato, ma io come tutti noi ho conosciuto la Sma come malattia genetica incurabile, e ascoltare oggi che c’è un farmaco salvavita presto fruibile supera la tenacia dei miei più rosei sogni” ha detto Daniela Lauro, presidente dell’associazione di persone con l’atrofia muscolare spinale.

“In queste settimane sarà fondamentale informare tutte le famiglie, e soprattutto quelle che stanno ricevendo ora una diagnosi, ma ancora più importante sarà tenerle informate sulle modalità di distribuzione della molecola, non appena verranno stabilite”, ha precisato Mercuri. “L’associazione si offre di sostenere i costi di gestione dei centri medici che si occuperanno della distribuzione, in modo che il più alto numero di bambini possa venire incluso”, ha continuato Lauro, a poche settimane dall’avvio della campagna di raccolta fondi nazionale, che si svolgerà dal 24 settembre all’8 ottobre.

Durante il convegno del 4 settembre è stata presentata anche la sperimentazione di terapia genica che, a differenza di quelle farmacologiche, ambirebbe a sostituire il gene difettoso con uno sano. Finora è stata intrapresa soltanto nel Nationwide Children’s Hospital di Columbus, negli Stati Uniti, e ha registrato dei primi risultati molto positivi. Verrà affrontata anche in Italia tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017. La Food and Drug Administration ha attribuito a questa terapia il riconoscimento di “breaking through“, il che comporta l’avvio di un processo preferenziale per la sua commercializzazione. “Se questa terapia si concludesse con successo e rendesse quindi possibile curare questa patologia tramite l’introduzione di un gene sano, si tratterebbe di una rivoluzione senza precedenti”, ha concluso Mercuri.

L’articolo Atrofia muscolare spinale: in arrivo primo farmaco per duecento pazienti gravi proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

Renato La Cara

Related Posts

Cancro, studio Usa sull’aspirina: “Uso quotidiano a basse dosi riduce il rischio mortalità di diversi tumori”

Commenti disabilitati su Cancro, studio Usa sull’aspirina: “Uso quotidiano a basse dosi riduce il rischio mortalità di diversi tumori”

Cancro, Oms: “Tumori infantili +13% rispetto agli anni ‘80”. Tra ragioni diagnosi più precoci e predisposizione

Commenti disabilitati su Cancro, Oms: “Tumori infantili +13% rispetto agli anni ‘80”. Tra ragioni diagnosi più precoci e predisposizione

Hubble scova un nuovo abitante del Sistema Solare che sembra una cometa

Commenti disabilitati su Hubble scova un nuovo abitante del Sistema Solare che sembra una cometa

Riscaldamento globale, dimostrata “corrispondenza tra scioglimento del permafrost e aumento dei gas serra”

Commenti disabilitati su Riscaldamento globale, dimostrata “corrispondenza tra scioglimento del permafrost e aumento dei gas serra”

Rosetta, missione compiuta. La sonda è atterrata sulla cometa 67P: “Ottenuti risultati unici, forse irripetibili”

Commenti disabilitati su Rosetta, missione compiuta. La sonda è atterrata sulla cometa 67P: “Ottenuti risultati unici, forse irripetibili”

Onde gravitazionali, catturato nuovo segnale emesso da fusione tra buchi neri. “Abbiamo iniziato a studiare l’invisibile”

Commenti disabilitati su Onde gravitazionali, catturato nuovo segnale emesso da fusione tra buchi neri. “Abbiamo iniziato a studiare l’invisibile”

Epta e Geco: lavoratori dal prefetto per gli stipendi arretrati. E garanzie sul futuro

Commenti disabilitati su Epta e Geco: lavoratori dal prefetto per gli stipendi arretrati. E garanzie sul futuro

Alzheimer, Italia al top in Ue per ricerca, ma dietro nell’assistenza. Nature: “Nel 2018 al via test su primo vaccino”

Commenti disabilitati su Alzheimer, Italia al top in Ue per ricerca, ma dietro nell’assistenza. Nature: “Nel 2018 al via test su primo vaccino”

Robotica, grazie a un guanto hi-tech sei quadriplegici riescono a mangiare da soli e bere il caffè

Commenti disabilitati su Robotica, grazie a un guanto hi-tech sei quadriplegici riescono a mangiare da soli e bere il caffè

Usa, “super soldati con la stimolazione elettrica del cervello”

Commenti disabilitati su Usa, “super soldati con la stimolazione elettrica del cervello”

Alzheimer, tracciata la firma genetica: “Ecco perché la malattia inizia e si diffonde sempre allo stesso modo”

Commenti disabilitati su Alzheimer, tracciata la firma genetica: “Ecco perché la malattia inizia e si diffonde sempre allo stesso modo”

Alzheimer, scoperta l’origine della malattia nell’area del cervello collegata anche ai disturbi dell’umore

Commenti disabilitati su Alzheimer, scoperta l’origine della malattia nell’area del cervello collegata anche ai disturbi dell’umore

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti