Asteroidi, pronto il lancio di Osiris-Rex verso Bennu: un viaggio di due anni, un bacio fugace e il rientro nel 2023

Asteroidi, pronto il lancio di Osiris-Rex verso Bennu: un viaggio di due anni, un bacio fugace e il rientro nel 2023

Commenti disabilitati su Asteroidi, pronto il lancio di Osiris-Rex verso Bennu: un viaggio di due anni, un bacio fugace e il rientro nel 2023

Gli asteroidi continuano a essere materia di studio e di opportunità per gli scienziati. E la Nasa, dopo il progetto battezzato “Asteroid redirect mission” che partirà nel 2020, è pronta a nuova sfida. Come si legge sul sito dell’Asi (Agenzia spaziale italiana) è partito il conto alla rovescia per OSIRIS-REx: l’Origins, Spectral Interpretation, Resource Identification, Security-Regolith Explorer, la missione dell’agenzia statunitense per l’esplorazione degli asteroidi nell’ambito del Programma New Frontiers. 

Il lancio, infatti, è previsto per il prossimo 8 settembre. Obiettivo della missione è Bennu “un asteroide del Sistema Solare della famiglia Apollo classificato come carbonaceo di tipo B, di forma sferoidale e diametro medio di 560 metri”. Il viaggio avrà inizio a Cape Canaveral alle13.05 italiane di giovedì prossimo a bordo del vettore Atlas V. Il razzo accompagnerà nello spazio la sonda, che una volta immessa sulla rotta giusta proseguirà la sua crociera di 2 anni in solitaria.

Diversa la missione rispetto alla sonda Rosetta (nella foto), atterrata sulla cometa cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko e che sta già regalando importantissimi dati agli scienziati. La missione di Osiris-Rex “sarà mappare in dettaglio la superficie del corpo celeste per predisporre l’atterraggio, sbarcare e prelevare fino a circa 60 grammi di materiale e infine riportare il campione collezionato sulla Terra, dove sarà analizzato e studiato. Secondo i piani, il primo step di missione – si legge sul sito dell’Asi – sarà produrre quattro diversi tipi di mappe che insieme comporranno un modello 3D dell’asteroide e serviranno a garantire nel 2020 il successo della fase due della missione: la manovra TAG-SAM, che sta per Touch And Go e Sample Acquisition Mechanism.

Gli scienziati e i tecnici della Nasa hanno individuato il sito più adatto al prelievo. “OSIRIS-REx dispiegherà un braccio robotico e si avvicinerà lentamente a Bennu, fino a che l’estremità dello strumento non riuscirà a rubare un ‘bacio fugace‘ alla superficie del corpo celeste. Sarà in quei brevissimi cinque secondi che la sonda dovrà catturare il suo ‘pezzo’ di asteroide. E di lì iniziare il viaggio di ritorno verso casa, mentre alla Nasa comincerà l’attesa. Per aprire la capsula del tempo di OSIRIS-Rex bisognerà infatti pazientare fino al 2023″.

L’articolo Asteroidi, pronto il lancio di Osiris-Rex verso Bennu: un viaggio di due anni, un bacio fugace e il rientro nel 2023 proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Caro Zichichi, dal tempo di Galileo e di Newton la scienza è andata avanti

Commenti disabilitati su Caro Zichichi, dal tempo di Galileo e di Newton la scienza è andata avanti

Vaccini, giusto punire chi li sconsiglia. Un medico che dice il falso è un pericolo pubblico

Commenti disabilitati su Vaccini, giusto punire chi li sconsiglia. Un medico che dice il falso è un pericolo pubblico

“Farmaco per il diabete riduce sintomi ritardo mentale ereditario”

Commenti disabilitati su “Farmaco per il diabete riduce sintomi ritardo mentale ereditario”

Da bottiglie e sacchetti di plastica il “carburante” del futuro grazie a un processo chimico

Commenti disabilitati su Da bottiglie e sacchetti di plastica il “carburante” del futuro grazie a un processo chimico

L’omeopatia (anche se in buona fede) può uccidere?

Commenti disabilitati su L’omeopatia (anche se in buona fede) può uccidere?

Obesity day, “il 49% degli italiani segue una dieta. Ma sei milioni sono obesi”

Commenti disabilitati su Obesity day, “il 49% degli italiani segue una dieta. Ma sei milioni sono obesi”

Sonda spaziale Juno, è entrata nell’orbita di Giove. “È stata la cosa più difficile che la Nasa abbia mai fatto”

Commenti disabilitati su Sonda spaziale Juno, è entrata nell’orbita di Giove. “È stata la cosa più difficile che la Nasa abbia mai fatto”

Buchi neri, scoperti e analizzati i segreti dei più distanti. Un italiano a capo del team: “La nuova astronomia è realtà”

Commenti disabilitati su Buchi neri, scoperti e analizzati i segreti dei più distanti. Un italiano a capo del team: “La nuova astronomia è realtà”

Scienza, sapere come si fa non significa sapere cos’è

Commenti disabilitati su Scienza, sapere come si fa non significa sapere cos’è

Rosetta, la sonda madre ritrova Philae il lander scomparso. La sorpresa degli scienziati

Commenti disabilitati su Rosetta, la sonda madre ritrova Philae il lander scomparso. La sorpresa degli scienziati

Tatuaggi, il viaggio della nanoparticelle di inchiostro nel corpo fino ai linfonodi

Commenti disabilitati su Tatuaggi, il viaggio della nanoparticelle di inchiostro nel corpo fino ai linfonodi

Malattie rare, 350 milioni di pazienti. Comitato Onu perché sia una priorità globale

Commenti disabilitati su Malattie rare, 350 milioni di pazienti. Comitato Onu perché sia una priorità globale

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti