Assunzioni docenti, contingente in ritardo. Uffici Scolastici “salvano” avvio anno scolastico

Contingente distribuito per provincia e classe di concorso

Particolarmente attesa la distribuzione del contingente per provincia e classe di concorso.

Si tratta di 58.627 docenti, di cui 14.552 per il sostegno, annunciati da alcune settimane dal ministro dell’Istruzione Marco Bussetti.

Saltata la data del 26 luglio, i docenti si augurano che l’invio possa avvenire lunedì 29 luglio.

Lavoro degli Uffici Scolastici

Numerosi uffici scolastici si stanno portando avanti con il lavoro e nel frattempo stanno predisponendo le operazioni preliminari, con le istruzioni per la scelta della provincia da graduatoria di merito del concorso.

In questo modo, quando saranno trasmessi i contingenti, sarà possibile procedere in maniera spedita.

Se la situazione non si dovesse sbloccare nelle prossime ore – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – il Miur avrà quasi ‘bruciato’ le settimane di vantaggio che era riuscita a creare rispetto agli ultimi anni nella gestione della complessa macchina organizzativa del reclutamento e della gestione delle supplenze di lunga durata. Costringendo, quindi, gli uffici scolastici a lavorare a ritmi forzati nei giorni a ridosso di ferragosto e, soprattutto, non garantendo la nomina dei docenti dal primo giorno di scuola, peraltro già complicata dalla pessima organizzazione delle supplenze e delle graduatorie in generale”.

Obiettivo: docenti in cattedra dal 1° settembre

Obiettivo dichiarato da Bussetti è quello di avere i docenti in cattedra dal primo settembre. Di questo passo però ci saranno regioni in cui ciò potrà avvenire e altre in cui i problemi persisteranno.

Inoltre, se comunque per i ruoli si farà il possibile, come al solito il punto dolente rimangono le supplenze. Soprattutto quelle su sostegno.

L’articolo Assunzioni docenti, contingente in ritardo. Uffici Scolastici “salvano” avvio anno scolastico sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti