Assistenti educativi all’autonomia e alla comunicazione: la Torre di Babele

«Perché creare tante condizioni ostative – scrive Paola Di Michele – agli assistenti all’autonomia e alla comunicazione, come sta accadendo in queste settimane? Non bisogna infatti dimenticare che nell’attuale “Torre di Babele” che ci riguarda, chi ci rimetterà, oltre a noi lavoratori, con stipendi decurtati all’80%, saranno soprattutto i bambini con disabilità, di cui caparbiamente molti si stanno già occupando in maniera “informale”, con i propri mezzi, sentendo l’obbligo etico di non lasciarli soli con le loro famiglie»

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

Stefano

Related Posts

L’autismo merita rispetto e sostegno, non luoghi comuni e pregiudizi!

Commenti disabilitati su L’autismo merita rispetto e sostegno, non luoghi comuni e pregiudizi!

Nuotare e muoversi, per migliorare la vita delle persone con sclerosi multipla

Commenti disabilitati su Nuotare e muoversi, per migliorare la vita delle persone con sclerosi multipla

Disabilità e lavoro: cinque azioni per cambiare, osare, migliorare

Commenti disabilitati su Disabilità e lavoro: cinque azioni per cambiare, osare, migliorare

Il superdisabile. Analisi di uno stereotipo

Commenti disabilitati su Il superdisabile. Analisi di uno stereotipo

Riconoscere finalmente l’assistente alla comunicazione

Commenti disabilitati su Riconoscere finalmente l’assistente alla comunicazione

Decisi a combattere la latitanza colpevole sul tema della disabilità

Commenti disabilitati su Decisi a combattere la latitanza colpevole sul tema della disabilità

L’attimo che ti cambia la vita

Commenti disabilitati su L’attimo che ti cambia la vita

Sorridere e divertirsi insieme, per migliorare l’accessibilità

Commenti disabilitati su Sorridere e divertirsi insieme, per migliorare l’accessibilità

Le problematiche educative e formative dell’alunno con disabilità visiva

Commenti disabilitati su Le problematiche educative e formative dell’alunno con disabilità visiva

Per disegnare una nuova storia della sindrome X Fragile

Commenti disabilitati su Per disegnare una nuova storia della sindrome X Fragile

C’è tanta storia in quel locale di Napoli, ma è anche inaccessibile

Commenti disabilitati su C’è tanta storia in quel locale di Napoli, ma è anche inaccessibile

L’“Isola Formativa”, opportunità poco sfruttata

Commenti disabilitati su L’“Isola Formativa”, opportunità poco sfruttata

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti