Aspettativa per motivi di studio e per altro lavoro: quali limiti e quando è possibile cumularle

Claudia scrive

Buongiorno, Sono una docente di lettere in ruolo nella scuola secondaria di Primo Grado. Per motivi diversi, ho intenzione  di chiedere un periodo  di aspettativa. Non mi è chiara la durata massima della stessa: si parla di periodo non superiore ad un anno e di non più di 2,5 anni in un quinquennio. Calando la norma nella mia situazione: se io chiedessi sei mesi da gennaio per motivi di studio, potrei poi chiedere a settembre un anno per svolgere altro lavoro? O solo sei mesi? Grazie

Aspettativa per motivi di studio

L’art. 18 comma 1 del CCNL 2007 dispone che l’aspettativa per motivi di famiglia o personali continua ad essere regolata dagli artt. 69 e 70 del T.U. approvato con D.P.R. n. 3 del 10 gennaio 1957 e dalle leggi speciali che a tale istituto si richiamano. L’aspettativa è erogata dal dirigente scolastico al personale docente ed ATA. Il comma 2, che ai sensi della predetta norma [comma 1] il dipendente può essere collocato in aspettativa anche per motivi di studio.

In questo caso:

  • Se fruita senza soluzione di continuità, non può avere una durata superiore a 12 mesi.
  • Se fruita per periodi spezzettati o frazionati non può superare in ogni caso, nell’arco temporale di un quinquennio, la durata massima di due anni e mezzo (30 mesi). Il quinquennio da prendere in considerazione è quello che verrà a scadere nell’ultimo giorno del nuovo periodo di aspettativa richiesto.

I periodi di aspettativa intervallati da periodi di servizio attivo non superiori a sei mesi si sommano ai fini del raggiungimento del limite di un anno come se fossero continuativi, mentre se il servizio attivo è superiore a sei mesi il computo del limite massimo riprende dall’inizio.

Per motivi particolarmente gravi è prevista la proroga eccezionale dell’aspettativa di durata non superiore a sei mesi.

Aspettativa per altro lavoro

Il comma 3, invece, prevede che il dipendente è collocato, a domanda, in aspettativa, per un anno scolastico, al fine di svolgere  l’esperienza di una diversa attività lavorativa o per superare un periodo di prova. 

L’aspettativa, al pari della precedente, è senza retribuzione, per cui interrompe l’anzianità di servizio e la progressione di carriera.

Conclusioni

La collega che ci scrive probabilmente “unisce” le due tipologie di aspettativa mentre, al contrario, sono distinte e separate e quindi cumulabili.

La prima, infatti, che sarà quella che in ordine temporale fruirà per i primi 6 mesi, è riconducibile all’aspettativa per motivi personali e familiari (in questo caso per studio); la seconda, invece, da settembre 2020, è quella specifica per svolgere un altro lavoro.

In questo caso la seconda non rientra nel conteggio dei 30 mesi (e dei 12 continuativi), ma è a “parte”:

la dizione letterale della norma, infatti,  “per un anno scolastico” si riferisce alla natura dell’aspettativa.

In conclusione, da settembre 2020 si calcoleranno 12 mesi di aspettativa specifica per altro lavoro. Oltretutto, è una tipologia di aspettativa che si esaurisce al termine dell’anno scolastico e non può più essere richiesta o prorogata.

Al rientro, visto che non sono comunque trascorsi 6 mesi di servizio attivo, potrà chiedere altri 6 mesi (fino ai 12) sempre di aspettativa per motivi personali o familiari (o studio).

L’articolo Aspettativa per motivi di studio e per altro lavoro: quali limiti e quando è possibile cumularle sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Dalle U.D.A alla scuola senza materie: come sbriciolare il sapere e con esso la scuola. Lettera

Commenti disabilitati su Dalle U.D.A alla scuola senza materie: come sbriciolare il sapere e con esso la scuola. Lettera

Scuola italiana con mancanze e lacune, servono investimenti secondo Sinopoli

Commenti disabilitati su Scuola italiana con mancanze e lacune, servono investimenti secondo Sinopoli

Esame di Stato 2020 II ciclo: istruzioni per l’uso. Percorso formativo online DeA Formazione

Commenti disabilitati su Esame di Stato 2020 II ciclo: istruzioni per l’uso. Percorso formativo online DeA Formazione

Scuole italiane all’Estero: mobilità d’ufficio e tra scuole. Nota

Commenti disabilitati su Scuole italiane all’Estero: mobilità d’ufficio e tra scuole. Nota

Università, aumentate di oltre 110 milioni le risorse per il Fondo di Finanziamento Ordinario

Commenti disabilitati su Università, aumentate di oltre 110 milioni le risorse per il Fondo di Finanziamento Ordinario

Rete Nazionale Coordinamenti Precari Scuola: richieste per il tavolo tecnico

Commenti disabilitati su Rete Nazionale Coordinamenti Precari Scuola: richieste per il tavolo tecnico

Azzolina (M5S) sottosegretario e Ascani (PD) viceministro, le nomine per l’Istruzione

Commenti disabilitati su Azzolina (M5S) sottosegretario e Ascani (PD) viceministro, le nomine per l’Istruzione

Assistenti lingua straniera, stanziati 652.800 euro. Decreto ed elenco scuole assegnatarie

Commenti disabilitati su Assistenti lingua straniera, stanziati 652.800 euro. Decreto ed elenco scuole assegnatarie

Utilizzazione interprovinciale: quando è possibile presentare domanda

Commenti disabilitati su Utilizzazione interprovinciale: quando è possibile presentare domanda

Coronavirus, 600 euro per pagare la babysitter

Commenti disabilitati su Coronavirus, 600 euro per pagare la babysitter

Diplomati magistrale: ci sarà proroga contratto 30 giugno 2020, ma ruolo anche ad aventi diritto GaE

Commenti disabilitati su Diplomati magistrale: ci sarà proroga contratto 30 giugno 2020, ma ruolo anche ad aventi diritto GaE

Appello per un vero contratto della scuola dagli Autoconvocatiscuoleroma

Commenti disabilitati su Appello per un vero contratto della scuola dagli Autoconvocatiscuoleroma

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti