Aspettando il contratto, Anief: restituire prestigio e autorevolezza agli insegnanti

Il personale della scuola merita di più, non può essere considerato marginale. Tanto più che oggi la funzione del docente è centrale nel sistema di istruzione e per la costruzione della società. In vista del prossimo contratto, Anief non resta a guardare. Un gruppo di lavoro del giovane sindacato ha elaborato una piattaforma di proposte in vista del prossimo contratto, chiedendo, oltre allo stanziamento di maggiori risorse economiche, una svolta nella considerazione dei docenti, il riconoscimento pieno della professionalità.

Come se non bastasse sono progressivamente aumentati gli adempimenti burocratici – legati ad attività organizzative e processi di informatizzazione – che spesso compromettono le attività di insegnamento dei docenti, sempre più vittime di episodi di burnout; visto poi il contesto sempre più multiculturale della società e dell’utenza, gli insegnanti devono sforzarsi di più per organizzare offerta formativa e accoglienza.

Secondo Anief le ore impiegate nelle attività funzionali all’insegnamento non devono superare il monte ore previsto e, comunque, i compiti dei docenti non devono esulare dalla loro principale funzione, né la libertà di insegnamento deve essere compromessa dalla svalutazione degli organi collegiali e dalla subalternità al dirigente. L’obiettivo è recuperare la centralità dell’insegnamento e restituire prestigio e autorevolezza alla figura dei docenti.

L’articolo Aspettando il contratto, Anief: restituire prestigio e autorevolezza agli insegnanti sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Decreto scuola, oggi 18 novembre inizia esame emendamenti. Testo in Aula il 25

Commenti disabilitati su Decreto scuola, oggi 18 novembre inizia esame emendamenti. Testo in Aula il 25

Privacy e scuola, come comportarsi con la pubblicazione delle foto? Occorre aggiornamento del Garante

Commenti disabilitati su Privacy e scuola, come comportarsi con la pubblicazione delle foto? Occorre aggiornamento del Garante

Ingiusto cambiare la valutazione dei master per le GPS. Lettera

Commenti disabilitati su Ingiusto cambiare la valutazione dei master per le GPS. Lettera

Dirigenti Scolastici concorso 2017, UIL: riconvocare sulle sedi che si liberano

Commenti disabilitati su Dirigenti Scolastici concorso 2017, UIL: riconvocare sulle sedi che si liberano

Con il bonus va premiato docente che lavora in classe! Lettera

Commenti disabilitati su Con il bonus va premiato docente che lavora in classe! Lettera

Assunzioni lavoratori pulizie: precedenza per Legge 104/92. Indicazioni

Commenti disabilitati su Assunzioni lavoratori pulizie: precedenza per Legge 104/92. Indicazioni

Ed. fisica a rischio alla primaria, Spadafora: ora dobbiamo trovare i soldi

Commenti disabilitati su Ed. fisica a rischio alla primaria, Spadafora: ora dobbiamo trovare i soldi

Mobilità, Docenti Immobilizzati: tutte le cattedre prima ai trasferimenti e poi ai ruoli

Commenti disabilitati su Mobilità, Docenti Immobilizzati: tutte le cattedre prima ai trasferimenti e poi ai ruoli

Concorso dirigente, vicaria non idonea all’orale su attività svolte quotidianamente! Lettera

Commenti disabilitati su Concorso dirigente, vicaria non idonea all’orale su attività svolte quotidianamente! Lettera

Precariato, De Lorenzo M5S: riapertura graduatorie e piano straordinario assunzioni

Commenti disabilitati su Precariato, De Lorenzo M5S: riapertura graduatorie e piano straordinario assunzioni

Carta del docente: insegnanti utilizzano i 500 euro per acquisto pc e tablet, ma anche libri, riviste e corsi di aggiornamento. Tutti i dati

Commenti disabilitati su Carta del docente: insegnanti utilizzano i 500 euro per acquisto pc e tablet, ma anche libri, riviste e corsi di aggiornamento. Tutti i dati

“Scuole belle”, Udir: risorse potevano essere convogliate sul fronte sicurezza. 42 mila plessi fuori norma e presidi rischiano carcere

Commenti disabilitati su “Scuole belle”, Udir: risorse potevano essere convogliate sul fronte sicurezza. 42 mila plessi fuori norma e presidi rischiano carcere

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti