Antibiotici, molecola “disinnesca” l’enzima che produce resistenza

La resistenza agli antibiotici è da tempo un tema all’attenzione anche dell’Onu. È dello scorso settembre la notizia che super batteri resistenti agli antibiotici – come ha dimostrato una ricerca di Harvard – si sono darwinianamente evoluti. Ma è di oggi la notizia che scienziati Usa hanno sviluppato una molecola che rende nuovamente sensibili a vecchi e ormai ‘inutili’ antibiotici diversi batteri farmaco-resistenti che rappresentano oggi una minaccia per la salute pubblica. Il risultato è stato messo a segno, per ora in provetta e su topolini, dal gruppo di Bruce Geller della Oregon State University in un lavoro pubblicato sul Journal of Antimicrobial Chemotherapy.

Si tratta di una molecola che “disinnesca” – in modo universale – un enzima batterico (NDM-1) che produce la resistenza agli antibiotici carbapenemi, usati esclusivamente in ospedale per gravi infezioni. Molti di questi stanno diventando o sono divenuti inutili perché i diversi batteri, grazie a diverse versioni dell’enzima NDM-1 aggirano la loro azione.

I ricercatori hanno sviluppato una molecola – nome in codice PPMO – in grado di mettere ko le svariate forme in cui è presente l’enzima della resistenza. Testata in provetta e su topolini infettati con batteri killer resistenti ad antibiotici, PPMO si è rivelata efficace, per di più su diversi tipi di batteri. Gli esperti contano di iniziare le sperimentazioni cliniche di PPMO in associazione a diversi carbapenemi nell’arco dei prossimi tre anni.

L’articolo Antibiotici, molecola “disinnesca” l’enzima che produce resistenza proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Etiopia, diario di un viaggio verso una clinica al limite della savana, tra capanne di terra e paglia

Commenti disabilitati su Etiopia, diario di un viaggio verso una clinica al limite della savana, tra capanne di terra e paglia

Coronavirus, potremo tornare ad abbracciarci? Sì, ecco come

Commenti disabilitati su Coronavirus, potremo tornare ad abbracciarci? Sì, ecco come

Depakin, Sanofi a processo in Francia per gli effetti dell’antiepilettico su feti

Commenti disabilitati su Depakin, Sanofi a processo in Francia per gli effetti dell’antiepilettico su feti

Uno sguardo al passato

Commenti disabilitati su Uno sguardo al passato

Alzheimer, “nei prossimi vent’anni una famiglia italiana su quattro avrà un parente malato”

Commenti disabilitati su Alzheimer, “nei prossimi vent’anni una famiglia italiana su quattro avrà un parente malato”

Dopo le analisi, è arrivato il dissequestro: la canapa torna crescere liberamente (o quasi)

Commenti disabilitati su Dopo le analisi, è arrivato il dissequestro: la canapa torna crescere liberamente (o quasi)

Lo shuttle segreto cinese, in orbita nel 2020

Commenti disabilitati su Lo shuttle segreto cinese, in orbita nel 2020

Materia oscura, l’ipotesi degli scienziati russi: “Dall’epoca del Big Bang si è ristretta”

Commenti disabilitati su Materia oscura, l’ipotesi degli scienziati russi: “Dall’epoca del Big Bang si è ristretta”

…a metterci al servizio

Commenti disabilitati su …a metterci al servizio

Carceri, “Il viaggio della speranza in Calabria” per superare lo stato d’emergenza

Commenti disabilitati su Carceri, “Il viaggio della speranza in Calabria” per superare lo stato d’emergenza

Regione Veneto, portale orientamento per ridurre dispersione scolastica

Commenti disabilitati su Regione Veneto, portale orientamento per ridurre dispersione scolastica

I sintomi del nuovo coronavirus Come distinguerlo dall’influenza

Commenti disabilitati su I sintomi del nuovo coronavirus Come distinguerlo dall’influenza

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti