Antibiotici, molecola “disinnesca” l’enzima che produce resistenza

Antibiotici, molecola “disinnesca” l’enzima che produce resistenza

Commenti disabilitati su Antibiotici, molecola “disinnesca” l’enzima che produce resistenza

La resistenza agli antibiotici è da tempo un tema all’attenzione anche dell’Onu. È dello scorso settembre la notizia che super batteri resistenti agli antibiotici – come ha dimostrato una ricerca di Harvard – si sono darwinianamente evoluti. Ma è di oggi la notizia che scienziati Usa hanno sviluppato una molecola che rende nuovamente sensibili a vecchi e ormai ‘inutili’ antibiotici diversi batteri farmaco-resistenti che rappresentano oggi una minaccia per la salute pubblica. Il risultato è stato messo a segno, per ora in provetta e su topolini, dal gruppo di Bruce Geller della Oregon State University in un lavoro pubblicato sul Journal of Antimicrobial Chemotherapy.

Si tratta di una molecola che “disinnesca” – in modo universale – un enzima batterico (NDM-1) che produce la resistenza agli antibiotici carbapenemi, usati esclusivamente in ospedale per gravi infezioni. Molti di questi stanno diventando o sono divenuti inutili perché i diversi batteri, grazie a diverse versioni dell’enzima NDM-1 aggirano la loro azione.

I ricercatori hanno sviluppato una molecola – nome in codice PPMO – in grado di mettere ko le svariate forme in cui è presente l’enzima della resistenza. Testata in provetta e su topolini infettati con batteri killer resistenti ad antibiotici, PPMO si è rivelata efficace, per di più su diversi tipi di batteri. Gli esperti contano di iniziare le sperimentazioni cliniche di PPMO in associazione a diversi carbapenemi nell’arco dei prossimi tre anni.

L’articolo Antibiotici, molecola “disinnesca” l’enzima che produce resistenza proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Intelligenza artificiale, proprio come l’uomo può essere aggressiva o cooperare

Commenti disabilitati su Intelligenza artificiale, proprio come l’uomo può essere aggressiva o cooperare

Universo molto più affollato del previsto. Il numero delle galassie è dieci volte maggiore al previsto

Commenti disabilitati su Universo molto più affollato del previsto. Il numero delle galassie è dieci volte maggiore al previsto

Vita umana, qual è il limite invalicabile? Secondo i ricercatori è 125 anni

Commenti disabilitati su Vita umana, qual è il limite invalicabile? Secondo i ricercatori è 125 anni

Maryam Mirzakhani, morta a 40 anni la prima donna vincitrice del “Nobel per la matematica”

Commenti disabilitati su Maryam Mirzakhani, morta a 40 anni la prima donna vincitrice del “Nobel per la matematica”

Matteo Renzi, Nature: “Scienziati italiani non rimpiangono la fine del suo governo. Nessun impegno concreto per la ricerca”

Commenti disabilitati su Matteo Renzi, Nature: “Scienziati italiani non rimpiangono la fine del suo governo. Nessun impegno concreto per la ricerca”

Brexit, l’appello della Royal Society: “No a tagli alla ricerca”. Umberto Veronesi: “La scienza non ha confini”

Commenti disabilitati su Brexit, l’appello della Royal Society: “No a tagli alla ricerca”. Umberto Veronesi: “La scienza non ha confini”

Sesso, “il calo del desiderio degli uomini curabile con l’esposizione a una luce intensa”

Commenti disabilitati su Sesso, “il calo del desiderio degli uomini curabile con l’esposizione a una luce intensa”

Dagli Usa le staminali muscolari “in sonno”: una riserva per riparare tessuti danneggiati o malati

Commenti disabilitati su Dagli Usa le staminali muscolari “in sonno”: una riserva per riparare tessuti danneggiati o malati

Così l’innamoramento modifica la biologia del nostro cervello

Commenti disabilitati su Così l’innamoramento modifica la biologia del nostro cervello

Terremoto Centro Italia, Ingv: “Ecco perché ci sono due magnitudo”

Commenti disabilitati su Terremoto Centro Italia, Ingv: “Ecco perché ci sono due magnitudo”

Obesity day, “il 49% degli italiani segue una dieta. Ma sei milioni sono obesi”

Commenti disabilitati su Obesity day, “il 49% degli italiani segue una dieta. Ma sei milioni sono obesi”

Terapia del dolore, dagli oppiacei all’agopuntura: i trattamenti per alleviare la sofferenza dei pazienti

Commenti disabilitati su Terapia del dolore, dagli oppiacei all’agopuntura: i trattamenti per alleviare la sofferenza dei pazienti

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti