Anno di prova in assegnazione provvisoria: la formazione si effettua sempre sulla tipologia di posto di titolarità

Francesca scrive

sono una docente che quest’anno ha ottenuto il passaggio di ruolo dalla primaria alla scuola dell’infanzia su posto comune . Successivamente ho avuto l’assegnazione provvisoria con la fase 41,quindi sul sostegno,ora volevo alcuni chiarimenti per il mio anno di prova,anche se c’e qualche riferimento normativo a riguardo,poiché questa situazione non è chiara nemmeno alla mia scuola,nel senso se il mio anno di  prova (quindi UDA)lo dovrò fare su posto comune o sul sostegno. Spero di essere stata chiara e ti ringrazio per la tua gentilezza.

Anno di prova: chi deve svolgerlo

Secondo la nota MIUR del 2019 tenuti a svolgere l’anno di formazione e prova, ai fini della conferma in ruolo:

  • i docenti neo immessi in ruolo a.s. 2018/19;
  • i docenti per i quali ne è stata chiesta la proroga o che non hanno potuto completarlo negli anni precedenti (è possibile, infatti, che il docente, anche per più anni scolastici, si assenti a causa della fruizione di aspettative per motivi di famiglia, per altro lavoro, malattia, congedi per maternità, tali da non permettere, per ogni anno scolastico di riferimento, il raggiungimento dei 180 giorni di servizio, di cui almeno 120 di attività didattiche. In tal caso l’anno di formazione e prova viene differito con motivato provvedimento del DS);
  • i docenti che hanno ottenuto una valutazione negativa al termine del primo anno di formazione e prova (l’anno di prova, ai sensi del DM 850/15, si può ripetere una sola volta);
  • i docenti che hanno ottenuto il passaggio di ruolo.

Stesso ruolo ma altra tipologia di posto

Con la circolare n. 36167 del 5/11/2015 il Miur aveva all’epoca chiarito alcuni aspetti problematici relativi a quell’anno scolastico soprattutto per il personale supplente, nominato giuridicamente in ruolo, che poteva comunque svolgere l’anno di prova.

E precisato che:

la supplenza su posto di sostegno è valida ai fini dello svolgimento del periodo di prova anche su posto comune e viceversa, nel medesimo ordine e grado di scuola.

Conclusione

Trattandosi di un passaggio di ruolo da scuola primaria a quella dell’infanzia su posto comune e successiva assegnazione provvisoria sempre su infanzia ma su posto di sostegno, nulla osta perché la collega svolga l’anno di prova già da quest’anno anche se il passaggio è avvnuto su posto comune mentre quest’anno è in servizio su sostegno. Ciò perché si tratta comunque dello stesso ordine di scuola.

Così come però evidenziato dal comma 6 dell’art 3 del DM 850/2015 l’attività di formazione è comunque svolta con riferimento al posto o alla classe di concorso di immissione in ruolo.

Nel caso della collega, quindi, a mio avviso le attività di formazione devono comunque riguardare infanzia posto comune.

L’articolo Anno di prova in assegnazione provvisoria: la formazione si effettua sempre sulla tipologia di posto di titolarità sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti