Anna Monia Alfieri: genitori che scelgono educazione dei figli fanno paura?

I cittadini che sanno, pensano, criticano, giudicano, scelgono fanno paura al Potere Costituito; non resta che delegittimarli nel loro agire responsabile, perché libero, e privarli dello spazio di scelta ledendo la potestà genitoriale e il pluralismo educativo.

L’art. 30 della Costituzione recita: “E` dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti.”

…”Nei casi di incapacità” provvede la legge, che cosi potrà fare dei bambini ciò che vuole: sottrarli alla patria potestà dei genitori, educarli, affidarli, istruirli, condizionarli, venderli. La cronaca (nera) è sotto gli occhi di tutti.
Stride lo sconcerto perbenista di quanti oggi si sdegnano, eppure forse sapevano. Nessuna meraviglia, dopo che per anni la famiglia è stata delegittimata e depredata del diritto di scegliere l’educazione di questi figli… solo perché indigente. “Tu non scegli l’educazione per tuo figlio, tu non puoi, tuo figlio te lo istruisco io, e te lo tolgo pure, perché io posso, sono il Potere Costituito”.

Nella logica delle cose tutto ha una premessa, un percorso una conclusione. Il Governo sia chiaro e responsabile nei confronti dei Genitori: il pluralismo educativo garantisce la libertà e il monopolio crea burattini sottomessi, in tutti i campi. Dica, il Governo, se vuole reiterare all’infinito “Angeli e demoni”.

Un cittadino che si sente preda di uno Stato che non lo difende ma lo discrimina, diventa sempre più inerte. L’Italia è uno stato di diritto e in quanto tale deve garantire i diritti che riconosce; l’alternativa è il far west della difesa personale, dei poteri forti, della società imbarbarita.

Se i genitori sapessero che, essendo liberi, hanno la responsabilità educativa, svilupperebbero una coscienza critica e una consapevolezza educativa che non cederebbe all’elettroshock. Soprattutto, capirebbero che la libertà di educare non è “acquistabile” a nessun prezzo e quindi per il suo esercizio deve essere garantita la libertà economica.

Per questo è necessario riconoscere una dote a ciascuno studente, pari ad un costo standard di sostenibilità ossia all’ammontare minimo di risorse da riconoscere a ciascuna scuola pubblica – statale e paritaria – sulla base di parametri certi. Chi si sente legittimato ad alimentare la confusione, altro non fa che discriminare. E se chi discrimina è lo Stato, è proprio finita.

L’articolo Anna Monia Alfieri: genitori che scelgono educazione dei figli fanno paura? sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Rientro docenti nelle proprie province, astensione facoltativa con stipendio al 60%, riforma calcolo ISEE. Mini riforma On. Drago (M5S) per natalità

Commenti disabilitati su Rientro docenti nelle proprie province, astensione facoltativa con stipendio al 60%, riforma calcolo ISEE. Mini riforma On. Drago (M5S) per natalità

DSGA potrebbero essere assunti a costo zero per l’Amministrazione. Lettera

Commenti disabilitati su DSGA potrebbero essere assunti a costo zero per l’Amministrazione. Lettera

Nuovo decreto coronavirus, confermate misure per la Scuola. Ecco quali

Commenti disabilitati su Nuovo decreto coronavirus, confermate misure per la Scuola. Ecco quali

Educazione civica, Apidge al Miur: si impieghino i 4.124 docenti di diritto già in servizio

Commenti disabilitati su Educazione civica, Apidge al Miur: si impieghino i 4.124 docenti di diritto già in servizio

Valutazione alunni, Ordinanza non accoglie giudizio articolato richiesto da CSPI

Commenti disabilitati su Valutazione alunni, Ordinanza non accoglie giudizio articolato richiesto da CSPI

FLC CGIL, esami di Stato: la Ministra decide da sola, così non va!

Commenti disabilitati su FLC CGIL, esami di Stato: la Ministra decide da sola, così non va!

Serafini (SNALS): chiediamo risorse per il contratto, scuola merita di più

Commenti disabilitati su Serafini (SNALS): chiediamo risorse per il contratto, scuola merita di più

Percorso abitante speciale necessario, non si possono sfruttare i precari e poi liquidarli con un test! Lettera

Commenti disabilitati su Percorso abitante speciale necessario, non si possono sfruttare i precari e poi liquidarli con un test! Lettera

Scrutini ed esami: saranno “seri” come li voleva la Ministra?

Commenti disabilitati su Scrutini ed esami: saranno “seri” come li voleva la Ministra?

Precariato, PSI: pochi i posti per le assunzioni e tentativo di dividere i precari

Commenti disabilitati su Precariato, PSI: pochi i posti per le assunzioni e tentativo di dividere i precari

“Consecutio temporum”, la sconosciuta della scuola e della società attuale! Lettera

Commenti disabilitati su “Consecutio temporum”, la sconosciuta della scuola e della società attuale! Lettera

Graduatoria interna di istituto, 6 punti ricongiungimento genitori: quando spettano e a quali condizioni

Commenti disabilitati su Graduatoria interna di istituto, 6 punti ricongiungimento genitori: quando spettano e a quali condizioni

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti