Alzheimer, scoperta l’origine della malattia nell’area del cervello collegata anche ai disturbi dell’umore

Alzheimer, scoperta l’origine della malattia nell’area del cervello collegata anche ai disturbi dell’umore

Commenti disabilitati su Alzheimer, scoperta l’origine della malattia nell’area del cervello collegata anche ai disturbi dell’umore

Continua senza sosta la ricerca sull’Alzheimer. E negli ultimi mesi sono state molte le notizie positive che hanno riguardato questa patologia che nel mondo colpisce 47 milioni di persone. I ricercatori italiani hanno individuato l’origine della malattia: secondo gli scienziati italiani non è nell’area del cervello associata alla memoria che va cercato il responsabile del morbo. Ma all’origine della malattia ci sarebbe, invece, la morte dei neuroni nell’area collegata anche ai disturbi d’umore. A mettere a punto la scoperta, che promette di rivoluzionare l’approccio all’Alzheimer uno studio italiano pubblicato su Nature Communications, i cui risultati dimostrano anche che la depressione sarebbe una “spia” dell’Alzheimer, non viceversa.

Solo in Italia, l’Alzheimer colpisce circa mezzo milione di persone e ben 47 milioni in tutto il mondo. La ricerca, coordinata da Marcello D’Amelio, professore associato di Fisiologia Umana e Neurofisiologia presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma, getta ora una luce nuova su questa patologia. Finora si riteneva infatti che fosse dovuta a una degenerazione delle cellule dell’ippocampo, area cerebrale da cui dipendono i meccanismi del ricordo.

La nuova ricerca, condotta in collaborazione con la Fondazione IRCCS Santa Lucia e del CNR di Roma, punta invece l’attenzione sull’area tegmentale ventrale, dove viene prodotta la dopamina, neurotrasmettitore collegato anche ai disturbi d’umore. Come in un effetto domino, la morte di neuroni deputati alla produzione di dopamina provoca il mancato arrivo di questa sostanza nell’ippocampo, causandone il ’tilt’ che genera la perdita dei ricordi. L’ipotesi è stata confermata in laboratorio, somministrando su modelli animali due diverse terapie mirate a ripristinare i livelli di dopamina. Si è così osservato che, in questo modo, si recuperava il ricordo, ma anche la motivazione. “L’area tegmentale ventrale – chiarisce D’Amelio – rilascia dopamina anche nell’area che controlla la gratificazione. Per cui, con la degenerazione dei neuroni dopaminergici, aumenta anche il rischio di perdita di iniziativa”. Questo spiega perché l’Alzheimer è accompagnato da un calo nell’interesse per le attività della vita, fino alla depressione. Tuttavia, sottolineano i ricercatori, i noti cambiamenti dell’umore associati all’Alzheimer, non sarebbero conseguenza della sua comparsa, ma un ‘campanello d’allarme’ dell’inizio della patologia. “Perdita di memoria e depressione – conclude D’Amelio – sono due facce della stessa medaglia”.

L’articolo Alzheimer, scoperta l’origine della malattia nell’area del cervello collegata anche ai disturbi dell’umore proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Giove, cicloni colossali e un campo magnetico dieci volte più intenso di quello terrestre

Commenti disabilitati su Giove, cicloni colossali e un campo magnetico dieci volte più intenso di quello terrestre

Omeoimprese mi scrive, io ringrazio con un caffè omeopatico

Commenti disabilitati su Omeoimprese mi scrive, io ringrazio con un caffè omeopatico

Vaccini in farmacia, passa emendamento al decreto. Critici medici e pediatri: “Garantire la presenza di un medico”

Commenti disabilitati su Vaccini in farmacia, passa emendamento al decreto. Critici medici e pediatri: “Garantire la presenza di un medico”

Premio Nobel per la Chimica 2016 a Sauvage, Stoddart and Feringa per studi sulle macchine molecolari

Commenti disabilitati su Premio Nobel per la Chimica 2016 a Sauvage, Stoddart and Feringa per studi sulle macchine molecolari

Premio Nobel per la medicina al biologo Yoshinori Ohsumi per studi su autofagia

Commenti disabilitati su Premio Nobel per la medicina al biologo Yoshinori Ohsumi per studi su autofagia

Alzheimer, “rischio tsunami neurologico, se non si adottano politiche adeguate”. Appello degli scienziati ai leader del G7

Commenti disabilitati su Alzheimer, “rischio tsunami neurologico, se non si adottano politiche adeguate”. Appello degli scienziati ai leader del G7

Alzheimer, scoperto enzima custode dei ricordi. “La sua presenza ostacola la formazione di grovigli proteici tossici”

Commenti disabilitati su Alzheimer, scoperto enzima custode dei ricordi. “La sua presenza ostacola la formazione di grovigli proteici tossici”

Sclerosi laterale amiotrofica, scoperto un potenziale bersaglio terapeutico per bloccare la malattia

Commenti disabilitati su Sclerosi laterale amiotrofica, scoperto un potenziale bersaglio terapeutico per bloccare la malattia

Pestaggi, insulti e abusi sessuali ai ragazzini Benvenuti all’inferno di Maddaloni

Commenti disabilitati su Pestaggi, insulti e abusi sessuali ai ragazzini Benvenuti all’inferno di Maddaloni

Antibiotici, molecola “disinnesca” l’enzima che produce resistenza

Commenti disabilitati su Antibiotici, molecola “disinnesca” l’enzima che produce resistenza

Epsilon Eridani, ecco la stella che fa sognare gli astronomi: è come una macchina del tempo

Commenti disabilitati su Epsilon Eridani, ecco la stella che fa sognare gli astronomi: è come una macchina del tempo

Superluna, stanotte la più grande del 21° secolo: la prossima nel 2034. Ecco dove vederla in diretta streaming

Commenti disabilitati su Superluna, stanotte la più grande del 21° secolo: la prossima nel 2034. Ecco dove vederla in diretta streaming

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti