Alzheimer e Parkinson, scoperta nuova malattia genetica che potrebbe aiutare ricerca contro malattie neurogenerative

Una piccola speranza nella lotta contro patologie come Alzheimer e Parkinson che potrebbe arrivare dalla scoperta di una nuova malattia genetica che potrebbe avere un ruolo chiave nel trovare nuove terapie. Sulla rivista Nature è riportato il caso di una donna canadese di 47 anni, con difficoltà di equilibrio e deambulazione dall’età di 28, su cui è stata individuata una patologia finora sconosciuta, dopo che ne sono state escluse altre dieci.

La patologia causa una reazione eccessiva del sistema naturale di riparazione del corpo, perché un enzima, chiamato Parp1, si moltiplica a dismisura, portando alla morte delle cellule del cervello. Si pensa che questo stesso processo sia coinvolto nella morte delle cellule in altre forme di demenza, e forse anche nell’invecchiamento.

“Scoprire questa nuova malattia e la sua causa è un importante passo avanti per lo sviluppo di nuove terapie per altre malattie neurodegenerative rare”, commenta Keith Caldecott, dell’università del Sussex University, coordinatore dello studio. “I farmaci che prendono come bersaglio questo enzima chiave per la riparazione del Dna possono rivelarsi vitali per curare le malattie causate da una iperattivazione dell’enzima – continua -. Ora è cruciale capire quali malattie sono. È possibile che la causa di questa patologia possa contribuire alla morte dei neuroni nelle persone che soffrono di malattie come Alzheimer, Parkinson e Huntington”. Nella sperimentazione i ricercatori sono riusciti a spegnere il processo di riparazione fuori controllo, con una tecnica genetica, e anche se il Dna rimaneva ancora danneggiato, le cellule non morivano. “Ora dobbiamo trovare il modo di spegnere il processo con i farmaci invece della genetica”, continua.

L’articolo su Nature

L’articolo Alzheimer e Parkinson, scoperta nuova malattia genetica che potrebbe aiutare ricerca contro malattie neurogenerative proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Burundi, con Avsi nel paese verde dove ai giovani si insegna il domani

Commenti disabilitati su Burundi, con Avsi nel paese verde dove ai giovani si insegna il domani

Ruanda, i progetti di aiuto nelle parole di chi li realizza: “Costruire una scuola fa accadere tante altre cose”

Commenti disabilitati su Ruanda, i progetti di aiuto nelle parole di chi li realizza: “Costruire una scuola fa accadere tante altre cose”

Bambino Gesù, disturbi del comportamento alimentare: sulla helpline sono le richieste più frequenti

Commenti disabilitati su Bambino Gesù, disturbi del comportamento alimentare: sulla helpline sono le richieste più frequenti

Restiamo in piedi o cadiamo, insieme

Commenti disabilitati su Restiamo in piedi o cadiamo, insieme

Coronavirus, parlando si possono generare goccioline che restano nell’aria fino a 14 minuti

Commenti disabilitati su Coronavirus, parlando si possono generare goccioline che restano nell’aria fino a 14 minuti

La vera tolleranza

Commenti disabilitati su La vera tolleranza

Come gestire le ondate di caldo che mettono a dura prova cuore e cervello

Commenti disabilitati su Come gestire le ondate di caldo che mettono a dura prova cuore e cervello

New York, ai senzatetto uno smarphone gratuito e un’App per trovare cibo e riparo

Commenti disabilitati su New York, ai senzatetto uno smarphone gratuito e un’App per trovare cibo e riparo

Maternità in Italia: sono dieci milioni le madri di figli minori in un’Italia a due velocità

Commenti disabilitati su Maternità in Italia: sono dieci milioni le madri di figli minori in un’Italia a due velocità

Coronavirus, evitare strette di mano è davvero utile contro i contagi?

Commenti disabilitati su Coronavirus, evitare strette di mano è davvero utile contro i contagi?

Inclusioni, donne e minori: l’Italia perde 9 posizioni e diventa fanalino di coda europeo

Commenti disabilitati su Inclusioni, donne e minori: l’Italia perde 9 posizioni e diventa fanalino di coda europeo

Asia, stipendi negati durante la pandemia: lavoratori dell’abbigliamento con il 38% in meno, In alcune regioni dell’India si supera il 50%.

Commenti disabilitati su Asia, stipendi negati durante la pandemia: lavoratori dell’abbigliamento con il 38% in meno, In alcune regioni dell’India si supera il 50%.

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti