Altezza, scoperte le 83 varianti genetiche che la determinano: studio su 700mila persone

Altezza, scoperte le 83 varianti genetiche che la determinano: studio su 700mila persone

Commenti disabilitati su Altezza, scoperte le 83 varianti genetiche che la determinano: studio su 700mila persone

Altezza mezza bellezza dice un vecchio adagio. Ma è un rebus che appassiona gli scienziati da anni comporre il puzzle dei geni che influenzano l’altezza umana. Oggi si aggiunge un nuovo tassello, grazie a uno studio su scala mondiale – il più ampio e approfondito condotto finora – che ha richiesto l’impegno di un network di oltre 300 ricercatori di 5 continenti e l’arruolamento di più di 700mila partecipanti. Un maxi spiegamento di forze che ha prodotto risultati: gli esperti sono infatti riusciti a scoprire 83 varianti genetiche che controllano la statura. Alcune di queste hanno un potere “enorme”, assicurano gli scienziati, perché è emerso che sono in grado di variare l’altezza di più di 2 centimetri, cioè più di 10 volte l’effetto medio delle varianti genetiche precedentemente scoperte.

Il lavoro del consorzio internazionale ‘Giant’ (Genetic Investigation of Antrhropometric Traits) è stato guidato dagli atenei britannici Queen Mary University di Londra e University of Exeter, dal canadese Montreal Heart Institute e dallo statunitense Broad Institute del Mit e Harvard. I risultati, pubblicati su Nature, hanno una portata che va oltre la semplice curiosità su come il Dna determina l’altezza, sottolineano gli autori. La statura è influenzata da varianti genetiche multiple che lavorano insieme e rappresenta una sorta di finestra sui tratti genetici complessi, che “potrebbe darci una ‘impronta digitale’ per studiare disordini multifattoriali come diabete e malattie del cuore”, chiarisce Joel Hirschhorn, Boston Children’s Hospital e Broad Institute.

Il super team ha passato al setaccio la presenza di 250mila varianti genetiche – con una nuova tecnologia, chiamata ‘ExomeChip’ – per arrivare a identificare le 83 correlate all’altezza. “Questa volta siamo andati a cercare i cambiamenti genetici rari e a bassa frequenza che alterano direttamente le proteine e tendono ad avere effetti più forti”, precisa Hirschhorn. Variazioni che, spiegano gli esperti, puntano più direttamente ai geni e possono essere usate come una scorciatoia per capire quali geni sono importanti per una specifica malattia o tratto. La maggior parte non erano stati valutati nei precedenti studi genetici sull’altezza. Delle varianti identificate, 51 sono a bassa frequenza (si trovano in meno del 5% delle persone) e 32 sono rare (presenti in meno dello 0,5%). Con le nuove scoperte, viene rappresentato il 27,4% – oltre un quarto – dei fattori ereditari dell’altezza.

“I geni colpiti da queste variazioni – evidenzia Lettre – modulano tra le altre cose lo sviluppo di ossa e cartilagine e l’attivazione e la produzione dell’ormone della crescita“. Il che li rende papabili bersagli terapeutici per disturbi dell’accrescimento spesso osservati nei bambini. In particolare un gene ha suscitato l’interesse degli scienziati: Stc2. Solo una persona su mille è portatrice di una delle varianti identificate per questo gene, la cui presenza rende 1-2 centimetri più alti. La proteina Stc2 serve come freno alla statura. “Valutare se i farmaci che bloccano l’attività di Stc2 possano avere un impatto sulla crescita ci sembra molto promettente”, conclude Lettre.

L’articolo Altezza, scoperte le 83 varianti genetiche che la determinano: studio su 700mila persone proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Vaccini, cosa succederebbe se la legge sull’obbligo venisse abrogata

Commenti disabilitati su Vaccini, cosa succederebbe se la legge sull’obbligo venisse abrogata

Svelata dopo 10 anni la fonte del radiosegnale più misterioso mai rilevato

Commenti disabilitati su Svelata dopo 10 anni la fonte del radiosegnale più misterioso mai rilevato

David Attenborough, nuova specie di libellula fossilizzata dedicata al naturalista britannico

Commenti disabilitati su David Attenborough, nuova specie di libellula fossilizzata dedicata al naturalista britannico

Psicoterapia, distinguiamo tra bisogni dello spirito e disagi profondi della mente

Commenti disabilitati su Psicoterapia, distinguiamo tra bisogni dello spirito e disagi profondi della mente

Infarto, studiare ne riduce di un terzo la probabilità. E la voglia di apprendere è ereditaria

Commenti disabilitati su Infarto, studiare ne riduce di un terzo la probabilità. E la voglia di apprendere è ereditaria

Obesità, ecco il gene che brucia i grassi e permette di disperderli sotto forma di calore

Commenti disabilitati su Obesità, ecco il gene che brucia i grassi e permette di disperderli sotto forma di calore

Scienza, team di paleontologi: “Gli uomini di Neanderthal sono stati i primi dentisti della storia: usavano ossi e fusti d’erba”

Commenti disabilitati su Scienza, team di paleontologi: “Gli uomini di Neanderthal sono stati i primi dentisti della storia: usavano ossi e fusti d’erba”

Agopuntura: perché è efficace e inutile – Parte II

Commenti disabilitati su Agopuntura: perché è efficace e inutile – Parte II

Atrofia muscolare spinale: in arrivo primo farmaco per duecento pazienti gravi

Commenti disabilitati su Atrofia muscolare spinale: in arrivo primo farmaco per duecento pazienti gravi

Morbillo, “a giugno 370% casi in più di contagio rispetto a un anno fa”

Commenti disabilitati su Morbillo, “a giugno 370% casi in più di contagio rispetto a un anno fa”

Caldo record, l’allarme dell’organizzazione mondiale della meteorologia: ecco perché andrà sempre peggio

Commenti disabilitati su Caldo record, l’allarme dell’organizzazione mondiale della meteorologia: ecco perché andrà sempre peggio

Alzheimer, terapia con flash di luce (come quella della discoteca) contro la malattia

Commenti disabilitati su Alzheimer, terapia con flash di luce (come quella della discoteca) contro la malattia

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti