Allucinogeni a preti, pastori e rabbini per studio su esperienze mistiche

Il caso più noto è quella di Santa Teresa d’Avila e le sue estasi, ma adesso gli scienziati intendono mettere a confronto  sensazioni mistiche e visioni stupefacenti. Preti, pastori, rabbini, leader buddisti hanno accettato di far parte di una sperimentazione senza precedenti, lanciata addirittura in una collaborazione tra i ricercatori della Johns Hopkins e della New York University. Una trentina di rappresentanti di varie fedi, pronti a viaggiare in altre dimensioni assumendo LSD e funghi allucinogeni. Obiettivo dello studio ideato dallo psicologo William Richards è comparare le visioni e sensazioni mistiche provate nell’estasi religiosa con quelle indotte da sostanze allucinogene.

I composti vengono somministrati ai leader religiosi in laboratori trasformati in stanze confortevoli e sotto gli occhi attenti dei ricercatori.
In attesa della pubblicazione dei dati dei test ancora in via di elaborazione, Richards ha detto nei giorni scorsi al Washington Post solamente che quando ai volontari è stata somministrata psilocibina – un allucinogeno sperimentato contro ansia e depressione – le immagini che generalmente sorgono nella mente sono religiose. ”Con gli occhi chiusi – ha osservato lo studioso – queste persone vedono immagini meravigliose, incluse visioni di Gesù, apparentemente non legate o indotte da studi particolari. Ma a qualcosa di geneticamente impresso”. ”Esistono esperienze sacre, eterne che gli esseri umani sono capaci di avere – ha aggiunto Richards – e una delle intuizioni riportate più comunemente da questi presti, pastori e rabbini è quella di una interconnessione profonda tra tutti gli esseri umani”. Lo studio seguirà i religiosi per circa due anni per osservare l’influenza dell’uso di LSD e simili nel tempo.

L’articolo Allucinogeni a preti, pastori e rabbini per studio su esperienze mistiche proviene da Il Fatto Quotidiano.

Facebook Comments

F. Q.

Related Posts

Caffè, a Trieste dove la sua tradizione e i suoi profumi formano coltivatori di pace e sviluppo

Commenti disabilitati su Caffè, a Trieste dove la sua tradizione e i suoi profumi formano coltivatori di pace e sviluppo

Migranti, “Vostro figlio è malato, inviate soldi per le cure”: l’inganno ai familiari degli immigrati in Italia

Commenti disabilitati su Migranti, “Vostro figlio è malato, inviate soldi per le cure”: l’inganno ai familiari degli immigrati in Italia

Servono davvero tutte queste app sulla salute?

Commenti disabilitati su Servono davvero tutte queste app sulla salute?

Concorso dirigenti scolastici, non ci sono pseudo-vincitori. Lettera

Commenti disabilitati su Concorso dirigenti scolastici, non ci sono pseudo-vincitori. Lettera

Mozambico, i sedicenti “islamici” che vogliono solo gas e metalli prezioni costringono alla fuga più di 300 mila persone

Commenti disabilitati su Mozambico, i sedicenti “islamici” che vogliono solo gas e metalli prezioni costringono alla fuga più di 300 mila persone

L’alcol accorcia la vita di 30 minuti per ogni bicchiere oltre il limite

Commenti disabilitati su L’alcol accorcia la vita di 30 minuti per ogni bicchiere oltre il limite

Africa, Asia, America Latina: la pandemia all’attacco di sistemi sanitari fragilissimi

Commenti disabilitati su Africa, Asia, America Latina: la pandemia all’attacco di sistemi sanitari fragilissimi

Flussi migratori e cambiamenti climatici: dati allarmanti nel nuovo report

Commenti disabilitati su Flussi migratori e cambiamenti climatici: dati allarmanti nel nuovo report

Coronavirus, in quale ordine si sviluppano i sintomi?

Commenti disabilitati su Coronavirus, in quale ordine si sviluppano i sintomi?

Pena di morte, nell’Arkansas un giudice rischia di essere cacciato perché contrario alle esecuzioni

Commenti disabilitati su Pena di morte, nell’Arkansas un giudice rischia di essere cacciato perché contrario alle esecuzioni

Repubblica Centrafricana, un bambino su 4 è sfollato o rifugiato, due bambini su 3 hanno bisogno di assistenza umanitaria

Commenti disabilitati su Repubblica Centrafricana, un bambino su 4 è sfollato o rifugiato, due bambini su 3 hanno bisogno di assistenza umanitaria

Abdullahi Ali, in una video-storia la sua vita nella famiglia italiana dove vive da tre anni

Commenti disabilitati su Abdullahi Ali, in una video-storia la sua vita nella famiglia italiana dove vive da tre anni

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti