Abolizione chiamata diretta, Senato dà il via

Eliminazione chiamata diretta

Il provvedimento costituito da un solo articolo modifica la legge della buona scuola, abolendo l’istituto della chiamata per competenza dei docenti, cosiddetta chiamata diretta, in quanto considerato eccessivamente discrezionale, ed elimina il riferimento agli ambiti territoriali del ruolo.

Dopo l’approvazione della legge l’assegnazione dei docenti, con la nuova norma, avverrà per singole istituzioni scolastiche, i vincitori di concorso sceglieranno in base alla graduatoria i posti disponibili nella Regione.

Il via in aula arriva dopo il passaggio in VII Commissione cultura, come era stato annunciato dall’autrice del progetto di Legge, l’Onorevole Granato.

Fedeli: non andava eliminata, era una opportunità

Diversa la posizione dell’ex Ministro Valeria Fedeli che ai nostri microfoni ha difeso la chiamata diretta.

“Era stata critica, ma con i sindacati si era raggiunta una intesa per non rendere la chiamata discriminatoria. Estremizzando la soppressione non si tiene conto delle evoluzioni importanti dell’autonomia e della qualità dell’offerta formativa. Si è fatta una scelta estrema che riporta la discussione sull’eliminazione delle opportunità, così non si superano le differenze che continuano ad esserci.”

L’articolo Abolizione chiamata diretta, Senato dà il via sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti