Abilitati TFA: completare tutte le immissioni in ruolo da GM18

Impresa ahinoi piuttosto difficile: secondo una vulgata molto male informata, i tieffini sarebbero rimasti in “quattro gatti” dal momento che ormai “sono entrati tutti”. Tutto falso: dati alla mano, il nostro numero è di poco superiore ai quindicimila; molti di noi, inoltre, e in particolare chi ha svolto il concorso riservato nelle regioni meridionali, non verranno assunti se non nel medio-lungo periodo. Ecco perché non possiamo permetterci di rimanere in silenzio, ma al contrario stiamo facendo tutto il possibile per stabilire un’interlocuzione diretta con il mondo politico e sindacale.

Mercoledì 22 Maggio una nostra delegazione ha incontrato, presso la sede centrale del MIUR, alcuni dirigenti ministeriali e una rappresentanza del sindacato FLC-CGIL. A entrambi abbiamo illustrato la situazione ancora molto precaria del concorso riservato, bloccato da mesi in varie regioni, al punto che diverse procedure di assunzione – da concludersi entro il 31/8 – rischiano di andare deserte nonostante l’effettiva disponibilità di posti. A che pro, ci siamo chiesti? Forse quello di gonfiare i numeri del prossimo concorso ordinario? Forse per lasciare qualche posto agli abilitati attraverso i futuri “percorsi speciali”? Ma soprattutto in che modo si giustificherà all’opinione pubblica l’ennesima annata di “supplentite”, con l’impiego di personale non qualificato, in particolare sulle cattedre di sostegno?

È quello che abbiamo fatto presente ai nostri interlocutori ministeriali, i quali ci hanno assicurato che tutte le procedure verranno concluse in tempo utile per le assunzioni. È stato lo stesso ministro Bussetti, nel corso di un colloquio informale, a ribadire l’intenzione di portare a termine il transitorio in tempi brevi. Non ci resta dunque che aspettare i fatti.
Anche i sindacati ci hanno garantito l’impegno a sbloccare il concorso riservato. Un altro punto molto importante emerso nel nostro colloquio ha riguardato la priorità della stabilizzazione dei docenti abilitati rispetto alle future immissioni. Per essere più chiari, sarebbe assurdo e illegittimo negare ai docenti più giovani, a quelli non ancora abilitati e a coloro che aspirano a fare questo mestiere, gli stessi diritti e le stesse opportunità che sono state concesse alle generazioni precedenti, ma al contempo è necessario approntare delle misure concrete affinché le attuali GMRE siano esaurite almeno nel medio periodo, senza creare delle code di attesa decennale come avvenuto per le GAE.

Possiamo ritenere più che positivo il nostro colloquio con la rappresentanza della FLC CGIL, che si è dimostrata non solo molto ricettiva alle nostre istanze, ma anche ben informata riguardo alle problematiche della fase transitoria. Tuttavia preferiamo rimandare le nostre conclusioni al momento in cui avremo – finalmente? – una prova tangibile dell’impegno dei sindacati per la tutela dei diritti degli abilitati TFA e di tutti gli altri docenti in possesso del titolo abilitativo.

A questo vorremmo aggiungere un’ultima considerazione. La soluzione per mettere fine alla cosiddetta “guerra tra poveri” – e soprattutto alla sua retorica ormai abusata – , non è fare un unico calderone di tutte le categorie di precari, la notte in cui tutte le vacche sono nere e con esse i meriti e e le storie professionali di insegnanti già selezionati e formati dello Stato. L’unica soluzione a nostro avviso passa proprio dalla valorizzazione della specificità di ogni singola categoria, nell’interesse comune che dovrebbe essere in primo luogo quello di garantire agli studenti degli insegnanti all’altezza del compito.

In parole povere, dobbiamo fare il possibile per reclutare i docenti migliori, ma non più attraverso delle prove dalle modalità discutibili e soprattutto incoerenti rispetto alle proprie finalità. Per fare questo, c’è bisogno di procedure chiare e trasparenti, con tempistiche certe e con delle stime attendibili sui posti banditi, in modo che chiunque voglia davvero fare l’insegnante sappia cosa lo Stato si aspetta da lui. Discutiamone insieme. Noi ci siamo.

L’articolo Abilitati TFA: completare tutte le immissioni in ruolo da GM18 sembra essere il primo su Orizzonte Scuola.

Leggi Tutto

Fonte Orizzonte Scuola

Powered by WPeMatico

Facebook Comments

os_admin

Related Posts

Didattica a distanza, come e perché rimodulare l’Atto di Indirizzo. Un esempio da scaricare

Commenti disabilitati su Didattica a distanza, come e perché rimodulare l’Atto di Indirizzo. Un esempio da scaricare

Aumenti stipendio ai Dirigenti Scolastici, l’8 luglio si firma. Si arriverà a 540 euro netti

Commenti disabilitati su Aumenti stipendio ai Dirigenti Scolastici, l’8 luglio si firma. Si arriverà a 540 euro netti

Psi scuola: Fallito accordo fra Miur e sindacati; ecco perché scioperare

Commenti disabilitati su Psi scuola: Fallito accordo fra Miur e sindacati; ecco perché scioperare

TFA sostegno, proposta modifiche per docenti laureati

Commenti disabilitati su TFA sostegno, proposta modifiche per docenti laureati

Saltano cattedre e posti di lavoro: colpa della legge sui vaccini

Commenti disabilitati su Saltano cattedre e posti di lavoro: colpa della legge sui vaccini

Mobilità docenti e “blocchi” triennali o quinquennali: facciamo un po’ di chiarezza

Commenti disabilitati su Mobilità docenti e “blocchi” triennali o quinquennali: facciamo un po’ di chiarezza

Monfalcone, Cangemi (PCI): Lega attacca libertà di insegnamento e Bussetti tace

Commenti disabilitati su Monfalcone, Cangemi (PCI): Lega attacca libertà di insegnamento e Bussetti tace

Coronavirus, Azzolina in riunione con Ministri Ue: stanziare fondi straordinari per la scuola

Commenti disabilitati su Coronavirus, Azzolina in riunione con Ministri Ue: stanziare fondi straordinari per la scuola

Passaggio di ruolo: può essere chiesto anche solo per una specifica scuola

Commenti disabilitati su Passaggio di ruolo: può essere chiesto anche solo per una specifica scuola

Decreto sostegno, Piano Educativo Individualizzato: chi lo redige, come e quando

Commenti disabilitati su Decreto sostegno, Piano Educativo Individualizzato: chi lo redige, come e quando

Decreto scuola, De Petris (LeU): strumento importante, ma si poteva fare di più

Commenti disabilitati su Decreto scuola, De Petris (LeU): strumento importante, ma si poteva fare di più

Neuroscienza e didattica: come imparano gli alunni e come insegnano i docenti. Corso con iscrizione e partecipazione gratuita

Commenti disabilitati su Neuroscienza e didattica: come imparano gli alunni e come insegnano i docenti. Corso con iscrizione e partecipazione gratuita

Create Account



Log In Your Account



Vai alla barra degli strumenti