A Roma le persone con disabilità motoria lasciate “a piedi”

«Chiediamo con urgenza l’intervento degli Uffici competenti, affinché le persone con ridotta mobilità motoria possano continuare a fruire del trasporto e, quindi, poter raggiungere i luoghi ove ricevono cure e assistenza necessarie»: lo dichiarano una serie di organizzazioni romane, denunciando come il problema dei trasporti delle persone con disabilità motoria nella Capitale sia tutt’altro che risolto, a causa, secondo le stesse organizzazioni, di «un rimpallo di responsabilità tra il Comune e la Società appaltatrice Tundo»

Leggi Tutto

Fonte Superando.it

Powered by WPeMatico

Facebook Comments
Vai alla barra degli strumenti